Inchiesta “Proelio”, custodia cautelare per Fragapane

Il Tribunale del Riesame di Riesame di Palermo, ha accolto il ricorso della Dda di Catania nell'ambito dell'inchiesta "Proelio" eseguita dai carabinieri lo scorso anno, e che hanno ricostruito la "filiera" del traffico di droga e, le destinazioni finali per lo smercio di cocaina nelle province di Agrigento e Ragusa. Pertanto

Mafia, restano in carcere l’ex sindaco Sabella e il boss Nugara

Resta in carcere il sindaco dimissionario di San Biagio Platani,Santo Sabella, arrestato dai carabinieri nell'ambito dell'inchiesta antimafia "Montagna". Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Palermo. Rigettato il ricorso anche per il presunto capomafia dello stesso paese, Giuseppe Nugara, e per Francesco Fragapane, figlio dell'ergastolano Totò, considerato dagli inquirenti

Mafia, il pentito Quaranta svela i segreti di Cosa nostra agrigentina

In poco più di tre settimane ha fatto decine di nomi e cognomi dei capi mandamento e delle famiglie mafiose, ricostruendo l'attuale organigramma, e rivelando i "segreti"  di Cosa Nostra agrigentina, il pentito favarese Giuseppe Quaranta, che dopo la cattura del 22 gennaio scorso nell’operazione "Montagna", che ha colpito le

Controlli a tappeto in tutto l’Agrigentino, 10 arresti e 8 denunce

Controlli a tappeto sul territorio di tutta la provincia di Agrigento, durante la scorsa settimana, nell’ambito dell’operazione denominata "periferie sicure". In simultanea è scattato un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato ad intensificare la prevenzione ed il contrasto della criminalità, in particolare nelle zone periferiche dei centri urbani. Sono entrate

Ragazze costrette a prostituirsi, organizzazione condannata

Reclutavano le donne appena sbarcate in Italia o al centro di prima accoglienza di Siculiana, avviandole poi alla prostituzione. In quattro sono stati condannati al termine del rito abbreviato dal gup Marco Gaeta, come chiedevano i pubblici ministeri della Dda Gery Ferrara e Giorgia Righi. Dieci anni per John Osaro;

Mafia, Di Gati al processo Icaro: “Marrella aveva giurato vendetta”

Il collaboratore di giustizia, il racalmutese Maurizio Di Gati, collegato in video conferenza, è stato il principale protagonista al processo, scaturito dall'inchiesta antimafia "Icaro", che si sta celebrando davanti il collegio di giudici del Tribunale di Agrigento, che vede alla sbarra dodici imputati. Si tratta di Antonino Grimaldi, Stefano Marrella, Vincenzo