Triangolo di Weimar: picco improvviso. Parlano Donald Tusk, Olaf Scholz ed Emmanuel Macron

Donald Tusk, Olaf Scholz ed Emmanuel Macron si sono incontrati a Berlino. Sotto forma del triangolo di Weimar, hanno parlato della guerra dell'Ucraina con la Russia. Il cancelliere tedesco ha affermato che gli alleati compreranno più armi per l'Ucraina sui “mercati globali”. Il presidente francese ha sottolineato che “è in gioco la sicurezza europea”, mentre il primo ministro polacco ha sottolineato che i tre paesi “parlano con una sola voce”. Ha detto: Questo è un buon nuovo inizio per il Triangolo di Weimar.

Dopo diverse ore di colloqui, Schulz (ospite del vertice), Tusk e Macron sono partiti per partecipare a una conferenza stampa congiunta. Il cancelliere tedesco ha affermato che gli alleati acquisteranno più armi per l'Ucraina e le finanzieranno utilizzando i beni russi congelati in Europa. Ha aggiunto che Vladimir Putin deve capire che il sostegno occidentale all’Ucraina non verrà ritirato. Egli ha sottolineato che gli alleati contribuiranno anche ad aumentare la produzione di munizioni nella stessa Ucraina.

Schulz ha affermato che il Triangolo di Weimar è “un segno molto importante della nostra unità”. L'unità è molto importante, poiché i nostri tre paesi sono tra i paesi che forniscono il maggiore aiuto all'Ucraina nella guerra contro l'aggressore imperialista, la Russia, in termini politici, militari e finanziari. Schultz ha dichiarato che noi siamo fermamente e tenacemente al fianco dell'Ucraina.

Vedi anche: Emmanuel Macron e Olaf Scholz verranno in Polonia

Triangolo di Weimar. Schulz, Macron e Tusk si incontranoReuters

Congelare le risorse russe e rafforzare il sostegno all’Ucraina

– È chiaro che sosteniamo l'Ucraina, ed è anche chiaro che non siamo in guerra con la Russia. Il nostro obiettivo comune è, e rimane, garantire che l’Ucraina sia in grado di difendersi efficacemente dall’aggressione russa. Germania, Francia e Polonia, insieme a molti alleati e partner in Europa e oltre Atlantico, sono impegnate a raggiungere questo obiettivo. “Non vacilleremo nel nostro impegno”, ha detto Schulz.

– Oggi abbiamo concordato diverse aree principali, tra cui: d'ora in poi acquisteremo più armi per l'Ucraina, in particolare sull'intero mercato globale, il che rappresenta un buon miglioramento. In secondo luogo, amplieremo la produzione di attrezzature militari, e anche attraverso cooperazione con i partner in Ucraina In terzo luogo, stabiliremo una nuova alleanza di capacità per le capacità a lungo raggio nell'ambito dell'artiglieria missilistica Ramstein – ha descritto i colloqui anche il Cancelliere tedesco.

Un quarto ha aggiunto: “Rafforzaremo anche il nostro sostegno all'interno dell'Unione Europea”. A tal fine abbiamo preso questa settimana a Bruxelles una decisione molto importante, secondo la quale il Fondo europeo per la pace riceverà cinque miliardi di euro per fornire quest'anno maggiore sostegno militare all'Ucraina e per rafforzare la missione di formazione dell'UE, ha detto il Cancelliere tedesco. “Inoltre, quando si tratterà di profitti straordinari derivanti dai beni russi congelati in Europa, li utilizzeremo per sostenere finanziariamente l'acquisto di armi per l'Ucraina”, ha aggiunto Schulz.

READ  La guerra della Russia con l'Ucraina. Giorno 751. Copertura in diretta
Tusk: Oggi abbiamo parlato con una sola voce

Tusk: Oggi abbiamo parlato con una sola voceTVN24

Macron: Siamo determinati

Il presidente francese ha inoltre sottolineato che il sostegno all'Ucraina continuerà “finché sarà necessario”. Ha aggiunto che è in gioco la sicurezza europea. Ha sottolineato chiaramente che non prenderemo mai iniziative che portino ad un’escalation.

– Faremo tutto il necessario e finché sarà necessario per impedire alla Russia di vincere la guerra con l'Ucraina. Lui ha sottolineato che continueremo a sostenere l'Ucraina e il popolo ucraino finché ce ne sarà bisogno.

Macron ha dichiarato: “Abbiamo anche la convinzione comune che la nostra sicurezza e il nostro futuro sono in gioco a causa di ciò che sta accadendo in Ucraina. Allo stesso tempo, ha affermato la nostra solidarietà con l'Ucraina. – Dichiaro che ci opporremo alla guerra di aggressione della Russia. con tutta determinazione.”

Durante la conferenza, il presidente francese ha fatto riferimento anche agli accordi presi il 26 febbraio a Parigi dopo i colloqui generali multilaterali dedicati alla guerra in Ucraina e al sostegno a questo paese.

– La prossima settimana ci sarà una riunione dei nostri ministri della difesa che parleranno di questioni operative. Macron ha dichiarato: Vogliamo continuare a fare progressi quando si tratta di ricordare la nostra difesa e di aiutarci.

– Questo è un momento difficile, vogliamo essere all'altezza della sfida. Macron ha dichiarato: Oggi siamo determinati, uniti e guardiamo consapevolmente alla situazione in Ucraina. Lui ha sottolineato che non si può permettere alla Russia di vincere e sconfiggere il popolo ucraino.

Macron: Vorrei ringraziare il primo ministro Tusk, che nei prossimi mesi organizzerà un vertice a casa sua

Macron: Vorrei ringraziare il primo ministro Tusk, che nei prossimi mesi organizzerà un vertice a casa suaTVN24

Tusk: Un buon nuovo inizio per il Triangolo di Weimar

Donald Tusk afferma che Polonia, Germania e Francia “parlano con una sola voce, soprattutto sulle questioni di sicurezza”. Ha aggiunto: “Abbiamo la stessa opinione quando si tratta di valutare chi è pienamente responsabile dell'escalation della tensione, chi è pienamente responsabile dei tragici eventi in Ucraina, chi è l'aggressore e chi merita la nostra assoluta assistenza”.

READ  L'attacco mortale degli squali in Australia costringe le spiagge di Sydney a chiudere

Tusk ha ringraziato la cancelliera tedesca e il presidente francese “per aver capito, senza inutili ritardi, senza alcun compromesso o esitazione, come talvolta accade in politica, che l'assistenza all'Ucraina deve essere quanto più immediata e intensa possibile”. Lui ha sottolineato che vogliamo spendere i nostri soldi e vogliamo aiutare in ogni modo possibile, qui e ora, affinché nelle prossime settimane e mesi la situazione in Ucraina migliori e non peggiori.

– Questo è un buon nuovo inizio per il Triangolo di Weimar – ha osservato il primo ministro polacco riassumendo i colloqui di Berlino.

Tusk: Oggi abbiamo parlato con una sola voce

Tusk: Oggi abbiamo parlato con una sola voceTVN24

Ha detto che durante l'incontro Schulz e Macron hanno parlato anche delle relazioni transatlantiche. – Ho condiviso i miei pensieri con i miei amici dopo il mio soggiorno a Washington. Anche in questo caso abbiamo una completa convergenza di opinioni: l’Europa e noi, come Triangolo di Weimar, ci sentiamo responsabili del miglior futuro possibile delle relazioni transatlantiche, e allo stesso tempo ci rendiamo conto, e ne traiamo le conseguenze, che nessuno e niente lo farà assumerci la responsabilità da parte di noi europei, della nostra sicurezza e del nostro futuro, ed è per questo che siamo anche convinti che, indipendentemente dai diversi scenari politici, più forte è l’Europa, maggiori saranno le opportunità per l’Ucraina e migliori le relazioni oggi e in futuro. Ucraina. Il futuro, anche oltre Atlantico – ha sottolineato il primo ministro Tusk.

Come ha affermato: “Un’Europa forte e unita è il partner desiderato e il miglior partner possibile per tutti nel mondo, senza eccezioni, compresi ovviamente gli Stati Uniti”.

Macron, Schulz e Tusk a Berlino (15 marzo 2024)Radek Pietruszka/PAP

A Washington, dopo colloqui congiunti con il presidente Andrzej Duda e il presidente americano Joe Biden, il primo ministro Donald Tusk ha annunciato che il 15 marzo si terrà a Berlino un vertice a sorpresa del triangolo di Weimar con la partecipazione del cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il presidente francese Emmanuel Macron e i suoi compagni.

Il primo ministro polacco ha annunciato che parlerà durante il vertice di Berlino con i leader di Francia e Germania sulla situazione relativa al sostegno all'Ucraina e sull'ostruzione del pacchetto di sostegno da parte del Congresso americano.

Per saperne di più: Tusk “demoli le tradizioni della diplomazia polacca”? Spieghiamo

A sua volta il ministro degli Esteri Radoslaw Sikorski, alla domanda se la Germania consegnerà i missili da crociera Taurus all'Ucraina, ha risposto che a suo avviso questo tema sarà oggetto dei colloqui.

READ  Deutsche Bahn sostiene la Polonia con treni speciali

Donald Tusk ha valutato che in Europa esistono due forme di cooperazione interstatale importanti per la Polonia e la sua sicurezza: il triangolo di Weimar e il cosiddetto Gruppo settentrionale, che riunisce tra gli altri i Paesi baltici, nonché Norvegia e Gran Bretagna. . – Siamo onesti: in Europa si può dare il tono a diverse questioni se le tre capitali raggiungono un accordo e lavorano insieme. Queste sono Varsavia, Berlino e Parigi. “Credo che siamo sulla strada giusta per rivitalizzare il Triangolo di Weimar in modo che abbia un'influenza reale e forte su tutte le decisioni europee”, ha affermato il Primo Ministro.

Il capo della diplomazia polacca ha anche espresso la sua soddisfazione per il fatto che questo coordinamento “ha cominciato a funzionare anche a livello dei capi di governo” e questo, secondo il ministro, dimostra che la Polonia sta tornando negli ambienti decisionali dell'Unione europea.

Il ruolo del triangolo di Weimar

Il Triangolo di Weimar, che funge da piattaforma per la cooperazione e il dialogo tra Polonia, Germania e Francia, inizialmente si è concentrato sul sostegno alla transizione politica della Polonia e alla sua integrazione con l'Unione Europea. Ora si sta evolvendo in risposta alle mutevoli realtà politiche.

L'idea di creare il Triangolo di Weimar è nata durante la transizione politica nell'Europa centrale e orientale dopo il 1989. Il Comitato per il sostegno della cooperazione franco-tedesco-polacca, come è il nome completo del Triangolo di Weimar, è un'organizzazione fondata il 28-29 agosto 1991 a Weimar, in Germania, durante una riunione dei ministri degli Esteri tedeschi. Polonia, Germania, Francia: Krzysztof Skopieśowski, Hans-Dietrich Genscher e Roland Dumas.

Gli incontri del Triangolo di Weimar si svolgono in forme diverse, a seconda della loro importanza e scopo. Le riunioni ad alto livello a cui partecipano i capi di Stato e di governo sono dedicate alle questioni politiche e strategiche più importanti. Vengono organizzati anche incontri tra ministri, ad esempio i ministri degli Affari esteri, degli Affari europei, della Difesa e delle Finanze; Ci sono anche vertici ai quali partecipano i capi dei parlamenti.

Negli ultimi anni, l'importanza del triangolo è rimasta notevolmente debole. Nell’ottobre 2020 i capi della diplomazia dei paesi del Triangolo di Weimar si sono incontrati a Parigi, dove la parte polacca era rappresentata dal ministro Zbigniew Rau. Nell’ambito di questo coordinamento, il presidente Andrzej Duda ha incontrato due volte il cancelliere Schulz e il presidente Macron, nel 2022 e nel 2023. Nel mese di febbraio il ministro degli Esteri Radoslaw Sikorski ha partecipato all'incontro dei capi dei ministeri degli Esteri del Triangolo di Weimar a Parigi.

L'incontro di venerdì a Berlino è stato il primo vertice del Triangolo di Weimar dei leader di Polonia, Francia e Germania, al quale ha partecipato anche il primo ministro polacco.

Autore/Autore:asty/ft, ADSO

Fonte immagine principale: Radek Pietruszka/PAP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto