- Advertisement -spot_img
HomeWorldLa guerra del grano di Putin. Previsioni scioccanti da parte di...

La guerra del grano di Putin. Previsioni scioccanti da parte di esperti [ANALIZA]

- Advertisement -spot_img

  • – A seguito dell’attacco di Vladimir Putin all’Ucraina e dell’embargo sulle esportazioni di grano da parte di Mosca, il livello della fame aumenterà, soprattutto in Africa, ma anche in Medio Oriente, persino in Pakistan, afferma Matin Qaim, direttore dell’ufficio di Bonn. Centro di ricerca sullo sviluppo
  • È difficile calcolare esattamente quante persone soffriranno la fame. Ma sulla base dell’esperienza passata della volatilità del mercato, nello scenario peggiore, suppongo che fino a 100 milioni di persone in più soffrano la fame – e aggiunge
  • – La fame aumenterà la pressione migratoria sull’Europa – avverte il commissario Ue all’Agricoltura Janusz Wojczykowski
  • Putin controlla un’area di scambio molto importante: i fertilizzanti. E senza la fecondazione artificiale delle piante, niente funziona nei campi di tutto il mondo
  • Puoi seguire le informazioni sulla difesa dell’Ucraina 24 ore al giorno sul nostro sito web relazioni dirette
  • Maggiori informazioni importanti possono essere trovate sulla homepage di Onet. Se non vuoi perdere nessuna notizia importante, iscriviti La nostra newsletter

Il 17 dicembre 2010 Mohamed Bouazizi ha deciso di morire. Da anni il giovane tunisino sostiene da solo la madre vedova e i cinque fratelli. Ora, i funzionari corrotti non solo gli hanno preso sempre più tangenti, ma hanno anche tolto il suo peso.

Senza peso, il 26enne della cittadina tunisina di Sidi Bouzid non può più vendere le sue verdure. Bouazizi ha versato benzina sul suo corpo e si è dato fuoco. Morì tre settimane dopo.

Improvvisamente il mondo intero ha preso fuoco.

L’omicidio di un giovane ha scatenato proteste di massa, prima in Tunisia e presto in altri 34 paesi, in particolare nel mondo arabo. Erano rivolte contro brutali dittatori, ma erano guidate dalla fame, che a sua volta era il risultato dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari. La cosiddetta Primavera Araba, che in seguito portò a turbolenze geopolitiche, guerre e la fuga di milioni di persone in Europa.

Ora la Germania e l’Europa si trovano ancora una volta ad affrontare una sfida che va ben oltre la guerra della Russia con l’Ucraina. Ciascuno di questi stati ha fino al 30 percento. Partecipazione ai mercati globali del grano e del mais. Se falliscono come fornitori e non sono in grado di consegnare a causa della guerra, o se la Russia risponde alle contro-sanzioni, il grano finirà e milioni di persone moriranno di fame, gli esperti concordano con queste previsioni.

Anche se gli europei non lo sentiranno, poiché l’Unione europea stessa copre il suo fabbisogno di grano, i paesi nordafricani in particolare potrebbero essere i più colpiti. Ma anche l’Africa subsahariana, che dovrà fare i conti con alti prezzi di fertilizzanti e petrolio.

Nella peggiore delle ipotesi, potrebbero esserci fino a 100 milioni di persone che muoiono di fame

READ  Il rublo scende bruscamente con il morso delle sanzioni, mandando i russi nelle banche

Questi paesi stanno ancora combattendo le conseguenze della pandemia di coronavirus. Paesi emergenti e in via di sviluppo affrontano una serie di crisi: il coronavirus, i cambiamenti climatici e ora il loro granaio viene bombardato – avverte il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

READ  Trump news: il Dipartimento di Stato "non ha parole" dopo che l'ex presidente ha elogiato l'attacco di Putin all'Ucraina

– A seguito dell’attacco di Vladimir Putin all’Ucraina e dell’embargo sulle esportazioni di grano da parte di Mosca, il livello della fame aumenterà, soprattutto in Africa, ma anche in Medio Oriente, persino in Pakistan, afferma Matin Qaim, direttore dell’ufficio di Bonn. Centro di ricerca sullo sviluppo.

È difficile calcolare esattamente quante persone moriranno di fame. “Molti fattori giocano un ruolo”, afferma Al-Qaim. – Ma sulla base dell’esperienza della passata volatilità del mercato, nel peggiore dei casi, suppongo che anche altri 100 milioni di persone muoiano di fame a causa della guerra in Ucraina – aggiunge.

Leggere: La Russia ha usato armi ipersoniche. L’Occidente ha un grosso problema adesso [ANALIZA]

Piuttosto, la carestia aumenterà la pressione della migrazione sull’Europa

E Putin sembra aumentare i prezzi in modo aggressivo. Stefan Lukas, esperto di Medio Oriente presso l’Università di Greifswald e docente ospite presso l’Accademia delle forze armate e del personale dell’esercito tedesco, parla del blocco di una nave mercantile di grano nel Mar Nero e persino del suo bombardamento e affondamento.

La guerra, iniziata il 24 febbraio, ha costretto più di tre milioni di persone a lasciare l’Ucraina entro tre settimane. Quasi due milioni di persone sono fuggite nella sola Polonia, almeno 197.000 persone. In Germania, per lo più donne e bambini. I paesi ospitanti devono affrontare sfide enormi, che vanno dall’alloggio all’assistenza sanitaria, dall’integrazione nel mercato del lavoro alle scuole.

Allo stesso tempo, le sanzioni contro Putin stanno strappando miliardi di buchi nei bilanci delle aziende europee, che devono anche fare i conti con gli effetti della pandemia. I funzionari di Bruxelles e Berlino stanno solo ora iniziando a misurare gli shock che la guerra sta provocando oltre i confini del continente.

– La fame aumenterà la pressione migratoria sull’Europa – avverte il commissario Ue all’Agricoltura Janusz Wojciechowski. La guerra in Ucraina è una cosa. Un alto diplomatico europeo afferma che l’UE potrebbe affrontare un’altra crisi di rifugiati, oltre all’Ucraina.

La Russia è uno dei maggiori esportatori di fertilizzanti al mondo. E se smettesse di esportare?

La crisi del 2015 ha già mostrato quanto siano fragili le fondamenta dell’Unione. Ha portato a vittorie elettorali di partiti di destra, destabilizzazione delle società e conflitti fondamentali tra gli Stati membri che rimangono irrisolti fino ad oggi. Ecco perché ora i politici devono cercare soluzioni in modo più rapido e deciso rispetto a sette anni fa.

Se l’Europa vuole tornare un giorno a vivere in pace, stabilità e prosperità, non è sufficiente aumentare i budget per la difesa, acquistare bombardieri F-35 o stanziare milioni di dollari per armare l’Ucraina. Un vecchio continente ricco deve fare i conti con un problema globale. Altrimenti, questo problema lo raggiungerà.

READ  Guerra russo-ucraina - Rapporto di oggi. Informazioni sulla situazione in Ucraina. lunedì 14 marzo

“Con la crisi ucraina, è facile perdere di vista i paesi che sono stati duramente colpiti dall’aumento dei prezzi alimentari”, ha affermato Tim Benton, direttore della ricerca sulle minacce future presso il think tank Chatham House di Londra. Benton avverte che non prestare attenzione alla fame è molto pericoloso. “I governi in Europa devono ora sostenere notevolmente la resilienza di questi paesi”, ha aggiunto.

In primo luogo, si dovrebbe aumentare l’approvvigionamento alimentare dei paesi minacciati di carestia e sostenere la vendita di generi alimentari di base. Inoltre, dovrebbe essere garantito, ove possibile, che il grano venga raccolto in Ucraina e trasportato su strada. “L’Occidente dovrebbe chiedersi quali sono le minacce a lungo termine e quali sono le implicazioni dell’inazione”, ha detto Benton.

READ  Biden prevede nuove sanzioni al commercio e alla finanza in due regioni filo-Mosca

La Germania non dovrà morire di fame. Ma cosa significa una volta che la Russia avrà stabilito il suo potere sull’approvvigionamento alimentare globale, gli europei lo sanno già. Il mercato internazionale dei fertilizzanti è più concentrato del mercato del grano e del mais.

E senza la fecondazione artificiale delle piante, niente funziona nei campi di tutto il mondo. La Russia è uno dei maggiori esportatori mondiali di fertilizzanti come il nitrato di ammonio. A sua volta, il suo alleato – la Bielorussia – è il principale produttore di fertilizzanti a base di potassio.

All’inizio di febbraio Mosca ha già vietato l’esportazione di nitrato di ammonio fino al 1 aprile 2022. Lasciare più fertilizzanti nel paese manterrebbe i prezzi moderati. In precedenza, la Cina ha imposto il divieto di esportazione di fertilizzanti fosfatici fino a giugno 2022.

Entrambi questi fattori combinati hanno reso gli europei consapevoli della loro dipendenza dai fornitori esteri. Inoltre, ci sono strozzature globali nella fornitura di grano e mais. La crisi ha acceso un nuovo dibattito sull’orientamento dell’agricoltura tedesca, che viene condotto con crescente intensità.

– La guerra in Ucraina porterà a carenze alimentari, soprattutto nelle aree extraeuropee, e assisteremo sicuramente a un aumento significativo dei prezzi – afferma Albert Stegmann, presidente del gruppo di lavoro sull’alimentazione e l’agricoltura nel gruppo parlamentare dell’Unione europea. – Ecco perché dobbiamo preparare il nostro approvvigionamento alimentare a queste crisi imminenti: attraverso un’agricoltura più efficiente – sottolinea.

Ci sono una serie di piani nell’Unione Europea volti ad aumentare la produttività e la produttività dell’agricoltura tedesca. “Possiamo ancora piantare aree che devono davvero essere messe da parte”, afferma Stegemann. Anche le procedure di approvazione dei prodotti fitosanitari dovrebbero essere riesaminate.

READ  L'attacco mortale degli squali in Australia costringe le spiagge di Sydney a chiudere

Attualmente, l’obiettivo dell’Agenzia federale dell’ambiente è eliminare gradualmente il maggior numero possibile di pesticidi. Non ha più niente a che fare con la scienza. Inoltre, devono essere approvati nuovi metodi di allevamento che possano essere utilizzati per coltivare piante resistenti alle infezioni fungine, allo stress climatico e alla siccità.

Soprattutto in SPD, non ci pensano molto. – Questo è un tentativo di sfruttare l’attacco all’Ucraina per far saltare in aria tutto ciò che abbiamo deciso di fare per un’agricoltura ecologica e sicura. Non saremmo d’accordo, afferma Susanne Mitag, portavoce della politica agricola SPD al Bundestag.

“Non ci sarà alcun allentamento delle normative sui fertilizzanti con SPD”, spiega la politica agricola. – In molti casi non è possibile voler coltivare più terreni già assegnati. Aggiunge che le proposte di affidarsi maggiormente all’ingegneria genetica non aiutano a superare l’attuale crisi.

Cosa è possibile oggi

Secondo gli esperti, ci sono sicuramente modi per limitare almeno il disastro imminente. “Ad esempio, se il mais non viene trasformato in biogas e mangime per animali”, spiega il ricercatore per lo sviluppo. Aggiunge: In Germania, un terzo dei raccolti di mais viene convertito in biogas.

Inoltre, i politici dovrebbero pensare a nutrire il bestiame con meno mais e altri cereali. – Ma è difficile da implementare a breve termine. Al contadino non può essere impedito di nutrire gli animali attualmente nella stalla. Né la società può smettere di mangiare carne durante la notte. A medio termine, questa è la strada giusta, ma è improbabile che quest’anno ci tirerà fuori dalla crisi, afferma Al-Qaim. È molto più facile ridurre l’uso di pillole per l’energia vitale, anche a breve termine. – Penso che questo sia un passo importante e corretto nell’attuale crisi – ha indicato il ricercatore.

READ  I pubblici ministeri accusano l'ex cancelliere Gerhard Schroeder, amico di Putin

Attraverso la sua guerra, Putin ha introdotto una nuova unità in Europa. Ma potrebbe finire rapidamente se gli stati si preoccupassero della custodia dei propri cittadini. Alcuni fatti. Il governo ungherese ha imposto restrizioni all’esportazione di prodotti agricoli fino al 15 maggio. Pertanto, la Commissione europea minaccia di perseguire Budapest per violazione delle regole del mercato interno.

La pressione su Putin aumenta ogni giorno mentre coraggiosi ucraini respingono le sue forze e le sanzioni indeboliscono l’economia russa. Ma anche se Putin perdesse questa guerra, le conseguenze ambientali, economiche e politiche potrebbero catturare l’attenzione del mondo per molto tempo, forse anche anni dopo la fine del conflitto.

Dopotutto, il fuoco che Mohamed Bouazizi ha acceso con la sua bomboletta è ancora acceso.

Grazie per essere con noi. Iscriviti alla newsletter di Onet per ricevere i nostri contenuti di maggior valore.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Stay Connected
16,985FansLike
2,458FollowersFollow
61,453SubscribersSubscribe
Must Read
- Advertisement -spot_img
Related News
- Advertisement -spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here