Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Porto Empedocle, si scagliano contro forze dell’ordine per impedire sequestro scooter: 4 persone a processo

Porto Empedocle, si scagliano contro forze dell’ordine per impedire sequestro scooter: 4 persone a processo

Si sono scagliati contro gli agenti della polizia Municipale, e i carabinieri, per evitare il sequestro del ciclomotore, appartenente a un loro familiare. Il proprietario, addirittura avrebbe afferrato un grosso martello, minacciando di distruggere il mezzo a due ruote. Dopo la denuncia, la vicenda approda in un’aula di tribunale. Il procuratore aggiunto Salvatore Vella, e il pubblico ministero Cecilia Baravelli, infatti, hanno disposto la citazione diretta a giudizio per quattro persone di Porto Empedocle, due uomini di 58 e 31 anni, e di due donne, entrambe di 33 anni.

Tutti devono rispondere del reato di resistenza a Pubblico ufficiale in concorso, mentre il solo 31enne, anche di porto di armi od oggetti atti ad offendere. Gli imputati hanno nominato loro difensori, gli avvocati Salvatore Bruccoleri, Antonio Provenzani, e Irene Militello. Il processo è stato fissato per il 6 luglio prossimo, davanti al giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Vincenzo Ricotta.

Il fatto risale al 5 aprile dell’anno scorso, durante il lockdown, per l’emergenza sanitaria Covid-19. Durante i controlli stradali, una pattuglia dell’Arma, e una della polizia Municipale, hanno fermato per un controllo uno scooter condotto dal 31enne.

Il veicolo, da lì a poco, è stato posto sotto sequestro dalle forze dell’ordine. Prima ancora dell’arrivo del carro attrezzi, il conducente avrebbe preso un martello da cantiere, minacciando di distruggere il mezzo, al fine di opporsi al sequestro, mentre gli altri familiari avrebbero minacciato, spintonato e strattonato due vigilesse.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su