Pietro Bergmann. Un uomo ha cancellato il suo passato prima di morire

È possibile nascondere completamente la propria identità nel 21° secolo pieno di tecnologia? Lasciare questo mondo senza lasciare traccia della tua vita terrena? Peter Bergman ha dimostrato che sì. O meglio, non Peter Bergman, ma… chissà chi. Chi fosse l'uomo che si presentò in questo modo rimane un mistero 15 anni dopo.

  • Nel 2009, un uomo che si presentò come Peter Bergman si presentò nella città irlandese di Sligo
  • In albergo si presentò come austriaco e diede il suo indirizzo, che avrebbe dovuto essere a Vienna
  • Tuttavia, non c'era nessuna persona di nome Peter Bergman, né la strada dove avrebbe dovuto trovarsi la sua casa.
  • Ad oggi gli investigatori non sono ancora riusciti a determinare la vera identità dell’uomo
  • Altri articoli possono essere trovati sulla home page di Onet

Era il 16 giugno 2009. Poco dopo le sei del mattino, due uomini si recarono sulla spiaggia del villaggio irlandese di Rosses Point, situato vicino a una cittadina di circa 20.000 abitanti. Città di Sligo. Padre Arthur e il figlio Brian, che vivono alla periferia di Sligo, volevano iniziare a nuotare mentre quest'ultimo si stava allenando per un triathlon.

Faceva molto freddo quel giorno e c'era una fitta nebbia sulla costa. Ad un certo punto, quando Brian era già in acqua, Arthur notò che poco più in là sulla spiaggia c'era un uomo più anziano, sui 60 anni, che indossava un costume da bagno e una maglietta. Quando si avvicinò vide che non dava alcun segno di vita. Quindi ha immediatamente chiamato Brian fuori dall'acqua. Quando furono sicuri che il corpo fosse stato effettivamente scoperto, pregarono e chiamarono la polizia.

Quando i servizi sono arrivati ​​sul posto, hanno trovato i vestiti dell'uomo piegati sulla spiaggia, a una certa distanza dal corpo. Non aveva però né portafoglio né documenti, solo un orologio impermeabile, dei soldi e delle compresse di aspirina vendute in Germania.

Il resto del testo è sotto il video.

Dolore enorme

La questione divenne ancora più misteriosa quando il corpo dell'uomo fu sottoposto ad autopsia. Si è scoperto che la causa non era l'annegamento, poiché non è stata trovata acqua nei polmoni di Bergman. Allo stesso tempo, non vi era alcuna indicazione che terzi abbiano contribuito in alcun modo alla sua morte. Apparentemente l'uomo è morto per cause naturali e il medico ha concluso che aveva avuto un infarto mentre era in acqua.

L'autopsia ha anche mostrato che le sue condizioni generali erano terribili: aveva un cancro alla prostata in stadio avanzato con metastasi ossee. Ma la cosa molto strana è che nel suo corpo non sono state trovate tracce di farmaci o antidolorifici e con uno stadio così avanzato della malattia doveva aver avvertito forti dolori.

Passarono alcuni giorni, ma nessuno venne a prendere il corpo del morto, così la polizia decise di provare a identificarlo. Hanno iniziato a guardare le telecamere a circuito chiuso in tutta Sligo. È stato così possibile ripercorrere la storia del breve soggiorno di un uomo misterioso in questa città irlandese. Il problema era che man mano che imparavo di più su di lui, tutto diventava meno chiaro.

Borsa viola misteriosa

La prima traccia dell'uomo è stata registrata in una stazione degli autobus a Derry tra le 14:30 e le 16, dove era salito su un autobus per Sligo. Bergman era molto alto e magro, alto circa 180 cm. Portava una borsa a tracolla nera e un pezzo di borsetta. Indossava una giacca di pelle nera, pantaloni blu, calzini, una cintura di pelle nera e un paio di scarpe nere. Sembrava intelligente e ben curato, era ben rasato e portava gli occhiali.

Scese alla stazione di Sligo alle 18:28. Lì prese un taxi per il centro città, anche se da lì distava solo una decina di minuti a piedi. Ha chiesto al tassista di consigliargli un albergo in cui alloggiare. Tuttavia, in primo luogo non c'erano posti consigliati dall'autista. Allora il tassista lo portò in un altro albergo – lo Sligo City Hotel – dove questa volta c’era una stanza disponibile.

Lì l'uomo è stato registrato come Peter Bergman… senza fornire alcun documento che confermasse questi dettagli. Ha anche fornito il suo indirizzo: Ainstettersn 15, 4472, Vienna, Austria. Come si è scoperto in seguito, tutti questi dati erano errati (non esisteva nemmeno una strada con quel nome in Austria), anche se per quanto riguarda la sua origine, l'uomo parlava inglese con un forte accento tedesco.

Bergman affittò una stanza per tre giorni. Durante questo periodo, lo lasciò praticamente solo per due scopi: il primo era fumare una sigaretta. In secondo luogo, camminare. Per quest'ultimo portava sempre con sé una busta di plastica viola, che ovviamente conteneva qualcosa, ma… tornava senza.

Gli investigatori in seguito sospettarono che stesse smaltindo i suoi effetti personali in modo da impedire che la sua identità venisse scoperta. Secondo loro, o ha svuotato la borsa e poi l'ha nascosta in tasca, oppure l'ha gettata via con le sue cose, ma ne aveva diverse. In ogni caso, la cosa più interessante è che lo ha fatto in un modo che nessuna telecamera di sorveglianza della città era riuscita a catturare prima. Com'è possibile? È stato solo fortunato, o forse questa non era la sua prima volta a Sligo, ma al contrario – conosceva la città così bene che era pienamente consapevole di dove fossero le telecamere?

È anche interessante notare che durante uno dei suoi tour, sabato 13 giugno, Bergman ha acquistato all'ufficio postale otto francobolli da 82 centesimi, che gli hanno permesso di inviare lettere in qualsiasi parte del mondo. A chi dovrebbe essere inviato, se presente? Non è noto.

Ha pianificato la sua morte?

Il giorno dopo la visita all'ufficio postale, il 14 giugno, Bergman chiese al tassista di consigliargli una spiaggia molto bella. L'autista indicò le spiagge di Rosses Point e Bergman chiese di portarlo lì. Questo è esattamente quello che è successo. Ma appena arrivato, l'uomo più anziano non è sceso dal taxi, piuttosto ha chiesto all'autista degli autobus diretti a quel luogo dalla stazione, e poi ha chiesto di accompagnarlo alla stazione. Lì comprò un biglietto per Rosses Point Beach per il giorno successivo.

Il giorno dopo, Bergman lasciò l'albergo e si recò alla stazione, dove si fermò brevemente al bar della stazione per consumare un pasto – pane tostato con prosciutto e formaggio – e bere un cappuccino. Come ha registrato la sorveglianza, mentre mangiava, ha preso un pezzo di carta dalla giacca e ci ha scritto sopra a matita. Poi lo lesse attentamente, poi strappò il foglio in piccoli pezzi e li gettò nella spazzatura. Queste note non sono state trovate.

Alla fine Bergman salì sull'autobus per la spiaggia, che partì alle 14:20. Secondo i successivi accertamenti della polizia, l'uomo aveva camminato in riva al mare per diverse ore, durante le quali la sua presenza è stata registrata da un massimo di 16 persone, l'ultima delle quali è avvenuta dopo le 23 del mattino successivo, e il suo corpo è stato ritrovato.

Sebbene il caso abbia acquisito notorietà internazionale (anche in Austria e Germania, dove i media hanno pubblicato una foto dell’uomo) e sia stato prodotto anche un documentario intitolato “Gli ultimi giorni di Peter Bergman”, nessuno si è fatto avanti negli ultimi 15 anni. allora, quindi chi lo sa? Un uomo che afferma di essere Peter Bergman.

Inoltre non sappiamo cosa lo abbia spinto a venire a Sligo. È possibile che, conoscendo il suo pessimo stato di salute, sia venuto in quel luogo per lasciare il mondo alle sue condizioni? Ma è impossibile sapere esattamente quando morirà e, secondo l'autopsia, la sua morte sarebbe dovuta a cause naturali. Purtroppo non ci restano altro che speculazioni. Per 15 anni non è stato raggiunto nemmeno il minimo progresso in questo senso.

READ  Caos nei maggiori aeroporti britannici. Grave guasto del sistema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto