“I giocatori vogliono solo che si parli loro. Non vogliono essere presi in giro.” Il creatore di Baldur's Gate 3 sostiene che il marketing tradizionale dei giochi non è più praticabile

Messaggio
Giochi
25 aprile 2024, alle 21:01


autore: Zuzana Domiradzka


I creatori di prodotti come Baldur's Gate 3 o EVE Online hanno commentato il marketing nel settore dei giochi. Affermano che i giocatori non vogliono essere ingannati dalla pubblicità.







Fonte immagine: Larian Studios

IO


Il mercato dei giochi moderno è così sviluppato ed enorme che il giocatore potrebbe avere difficoltà a scegliere il gioco perfetto per se stesso. Gli sviluppatori vogliono che il loro prodotto venga notato e quindi raggiunga quante più persone possibile, le soddisfi e tragga profitto.



In un'intervista al sito giochi per computer Molti sviluppatori di giochi hanno partecipato e commentato gli annunci. Ciò che è molto interessante, Gli ospiti invitati concordano sul fatto che “il marketing dei giochi è morto”. Il direttore editoriale di Larian Studios, Michael Doss, ha confermato che tutti i metodi “tradizionali” per annunciare i prossimi lavori non funzionano al giorno d'oggi, poiché i giocatori vogliono sapere esattamente con quale prodotto hanno a che fare.

C’erano marketing, comunicazione e pubbliche relazioni. Il marketing era fondamentalmente una teoria della vendita al dettaglio: provavi a mettere la tua scatola dentro [z grą – dop. red.] Sullo scaffale del negozio appropriato e nei negozi cooperati. Non è più così. Ora che abbiamo Internet, nessuno guarda più la pubblicità. […] I giocatori vogliono solo che si parli loro. Non vogliono essere ingannati. Vogliono sapere esattamente cosa fai, perché lo fai e per cosa.

Eyrún Jónsdóttir, vicepresidente editoriale di CCP (lo studio responsabile di EVE Online), ha fatto riferimento alle parole del creatore di Baldur's Gate 3, sostenendo che I giocatori vogliono far parte della produzione emergente. Ecco perché molti di loro hanno condiviso l'accesso anticipato al successo di Larian Studios. I belgi sanno che questo sistema funziona, motivo per cui anche i loro prossimi giochi usciranno in questo formato.

READ  Nintendo svela i giochi di e-commerce 3D più venduti in Giappone dal 2011 al 2020


Rebecca Ford, direttrice creativa di Warframe, ha osservato che gli studi di sviluppo impiegano ancora persone responsabili del “marketing”, ma il loro compito è principalmente quello di contattare i negozi Sony o Microsoft in modo che i giocatori possano imparare qualcosa su una particolare produzione lì. Tuttavia, Michael Doss ha corretto la questione, affermando che si trattava semplicemente del modo corretto di pubblicizzare il gioco, non di marketing in senso stretto.

Il posto migliore per promuovere il tuo gioco è il negozio stesso [w sensie: platformowa dystrybucji cyfrowej, nie fizyczny jw. – dop. red.]. Tutto il resto non vale la pena: lo abbiamo imparato insieme BG3 – Ha detto Michael Doss.

Per completare l'argomento, creatore Porta di Baldur 3 E il regista Quadro di guerra Hanno scherzato dicendo che il miglior annuncio per un gioco sarebbe stato vincere il premio Gioco dell'anno ai The Game Awards. Prendilo sul serio: alcuni giocatori potrebbero decidere di acquistare un titolo particolare quando vince un riconoscimento così importante, proprio come è più probabile che gli appassionati di cinema guardino un film vincitore di un Oscar, ecc.











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto