Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Turchia. Martello (sindaco Lampedusa): “migranti e rifugiati non siano usati come arma di ricatto”

Turchia. Martello (sindaco Lampedusa): “migranti e rifugiati non siano usati come arma di ricatto”

“Migranti e rifugiati non possono essere usati come arma di ricatto. Sono esseri umani. Come ‘sindaco di frontiera’ chiedo all’Europa di prendere una posizione chiara e forte in merito al conflitto aperto dalla Turchia contro il popolo curdo ai confini della Siria. Un popolo fiero e partigiano che per anni ha combattuto strenuamente contro l’Isis”. Lo dice Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa, comune capofila del progetto “Snapshots from the borders” che mette insieme 19 territori di frontiera e 35 partners di 14 paesi europei impegnati sul fronte delle migrazioni.

“Questa guerra – aggiunge Martello – rischia di creare una nuova ondata di gente con il disperato bisogno di raggiungere l’Europa per mettere in salvo la propria vita. Oggi più che mai, dunque, servono politiche coerenti e condivise che mettano al centro i diritti e la pace”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su