Russia. Attacco terroristico vicino a Mosca. Commenti del giornalista Zbigniew Baravijanovic

Era solo questione di tempo prima che l’Isis attaccasse il territorio russo. Questo paese è nel mirino dell'Isis da molto tempo, ha detto domenica a TVN24 Zbigniew Baravijanovic, corrispondente e giornalista della Dzinik Gazeta Brana, esperto di Medio Oriente e Ucraina. Secondo lui, Vladimir Putin cercherà di sfruttare l'attacco di venerdì per colpire l'Ucraina con maggiore forza.

Venerdì alcuni aggressori armati hanno attaccato la sala concerti Crocus City Hall a Krasnogorsk, vicino a Mosca. L'Isis-K, il ramo afghano del gruppo terroristico Stato islamico, ha rivendicato l'attacco. Secondo le ultime informazioni diffuse dalle autorità russe, nell'attacco sono morte 137 persone, tra cui tre bambini.

Per saperne di più: Sparatoria ed esplosioni in una sala da concerto vicino a Mosca. morti e feriti

“La Russia è nel mirino dell’Isis da molto tempo”.

Baravianovich ritiene che lo scenario più probabile sia che dietro l'attacco ci siano i terroristi dell'Isis. Egli ha sottolineato che i russi hanno mantenuto stretti contatti con loro da quando i talebani hanno preso il potere in Afghanistan, e questo anche perché il regime talebano sta combattendo il ramo afghano della cosiddetta organizzazione talebana. Paese islamico.

La Russia è da tempo nel mirino dell’ISIS che opera in Afghanistan, non solo per le sue buone e amichevoli relazioni con il regime talebano, ma anche per il suo coinvolgimento in Mali contro gli jihadisti e (anche) perché sostiene Bashar al-Assad. Il giornalista ha fatto riferimento ad Assad in Siria. Ha sottolineato che la Russia ha combattuto contro il cosiddetto Stato islamico in Siria.

READ  I prezzi del gas negli Stati Uniti continuano a salire dopo l'invasione russa dell'Ucraina: fino a che punto possono salire?

– Era solo questione di tempo prima che in Russia accadesse qualcosa di estremo che coinvolgesse l'Isis. L'unica domanda è quale sia il possibile coinvolgimento dei servizi segreti russi in questa vicenda. Perché non sono state adottate misure drastiche per evitarlo? Ciò è stato fatto apposta, per negligenza o semplicemente per il classico “non-dashismo” russo?, si è chiesto il giornalista, sottolineando che gli americani avevano avvertito i russi di un possibile attacco terroristico.

“Le agenzie russe erano a conoscenza in anticipo di ciò che sarebbe potuto accadere”.

Il 7 marzo l'ambasciata americana ha lanciato un avviso ai cittadini statunitensi in Russia. All'avvertimento hanno aderito, come riportato il 9 marzo dal portale indipendente Meduza, anche i ministeri degli Esteri di Lettonia, Canada, Corea del Sud, Svezia, Germania e Repubblica Ceca. Il 19 marzo, il presidente russo Vladimir Putin ha definito “provocatorie” le dichiarazioni di “un certo numero di strutture ufficiali occidentali sulla possibilità di attacchi” e le ha definite “ricatto”.

– Alla fine qualcuno si chiederà perché a Mosca è avvenuto un attentato così sanguinoso, anche se i servizi russi erano già a conoscenza di ciò che sarebbe potuto accadere a Mosca – ha detto Baravijanovic. Ha aggiunto che la dichiarazione di Putin in cui descrive questi avvertimenti come provocazione e ricatto aumenterebbe il peso su di lui perché “ha ammesso inequivocabilmente che tali informazioni sono state ricevute in modo più o meno dettagliato”.

Baravianovich ha detto che la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova “sta già cercando di ribaltare la situazione e parlare della responsabilità degli americani”. – Se sapessi perché non ci diresti in dettaglio il motivo di questo attacco – citò da lei.

READ  La Russia attacca l'Ucraina, la Nato condanna l'attacco, Zelensky applica la legge marziale

Baravianovich: I servizi russi sapevano in anticipo cosa sarebbe potuto accadereTVN24

Il giornalista ha sottolineato che l'annuncio americano, diffuso il 7 marzo e pubblicato sul sito dell'ambasciata americana a Mosca, è ancora disponibile oggi. – Le informazioni contenute in questo annuncio sono molto precise e dicono addirittura che probabilmente ci sarà un attacco al centro dove si terrà la cerimonia. Sono presenti avvertenze contro l'apparire in luoghi affollati o in luoghi in cui si svolgono eventi di grandi dimensioni o di massa. Anche a livello di questo annuncio, queste informazioni sono abbastanza dettagliate e indicano chiaramente che qualcosa accadrà – ha osservato Baravijanovic. E ha aggiunto: “Gli americani hanno anche fornito informazioni sui luoghi in cui le cellule dell'Isis potrebbero operare in Russia”.

Secondo lui “il tentativo di scaricare la responsabilità sull’Ucraina” e il fatto che i terroristi intendessero fuggire in Ucraina “è assurdo”. – Se ci atteniamo al racconto di Putin, dobbiamo anche accettare che il crimine avvenuto a Bucha è stato commesso dagli stessi ucraini per suscitare la pietà del mondo. Ha detto che queste sono copie ridicole.

Attacco al municipio di Crocus PAP/EPA/Maxim Chebenkov

“Putin cercherà di trarre vantaggio da questo evento”.

Alla domanda sullo scenario in cui l’attacco al municipio di Crocus potrebbe essere un elemento di provocazione russa, Baravianovich ha detto: “La Russia conosce casi nella storia di cooperazione tra servizi segreti e provocatori nei movimenti fondamentalisti”.

– Queste non sono situazioni impensabili nel caso della Russia, anche se ho l'impressione che questa volta si tratti di Dassia non russa. Tuttavia, sono convinto che Putin cercherà di sfruttare questo evento per stringersi attorno alla bandiera e mobilitare la società russa per continuare la guerra in Ucraina, e per annunciare una mobilitazione generale, per colpire più duramente l’Ucraina.

READ  Donald Tusk critica fortemente il comportamento di Andrzej Duda. "questo è inaccettabile"

Fonte immagine principale: PAP/EPA/Maxim Chebenkov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto