La guerra in Ucraina. Media sulla morte di un amico del figlio di Putin

Sulla morte del figlio 23enne del governatore della Regione Autonoma di Nenets della Federazione Russa Segnalato il servizio dnepr.express.

Secondo le conclusioni dei giornalisti George Dodoro ha preso parte alle ostilità in Ucraina. Il figlio di un amico di Vladimir Putin era il vice comandante della compagnia di ricognizione del 137° reggimento della 106a divisione aviotrasportata di Tolska.

Il 6 marzo il gruppo, che includeva Dodorov, doveva essere teso un’imboscata dalle forze ucraine. Durante le battaglie, doveva essere “fucilato dall’artiglieria”.

Lo riporta anche il portale dnepr.express Il figlio di un amico di Vladimir Putin sarebbe stato insignito postumo della Medaglia per il coraggio e il coraggio. I servizi russi hanno affermato in un comunicato stampa che Dodorov “di fronte al pericolo ha adempiuto con onore al suo dovere militare verso la sua Patria ed è stato ferito a morte”.

Copertura in diretta della guerra in Ucraina

Il padre del georgiano assassinato era Alexander Dodorov – Ufficiale del KGB di 49 anni, attualmente governatore del distretto autonomo di Nenets della Federazione Russa. Il ragazzo è un amico speciale del presidente della Russia.

La morte di suo figlio dimostra che la guerra in Ucraina sta colpendo anche l’élite politica russa. Le perdite riguardano anche militari di alto rango.

Il portale russo GTRK Kostroma ha annunciato, giovedì 17 marzo, citando i dati dell’Ufficio di reclutamento militare di Kostroma, che Il colonnello Sergei Sukharev è morto nei combattimenti vicino a KievComandante del 331 ° reggimento aviotrasportato delle guardie della 98a divisione aviotrasportata delle guardie.

Sukharev avrebbe preso il comando del reggimento solo pochi mesi fa. Morirono anche in combattimento Il sergente maggiore Sergei LebedevE il Il sergente Aleksandr Limonov me Il caporale Yuri Degtyario Della stessa unità militare.



READ  La Germania sta testando l'unità dell'Unione Europea. Venerdì potrebbe verificarsi un pericoloso confronto a Bruxelles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.