Quattro donne sono state date alle fiamme «perché erano lesbiche». Un crimine orribile in una stanza d’albergo

Un crimine orribile è avvenuto in una stanza d’albergo a Buenos Aires. Il lancio di una bottiglia molotov ha provocato l’incendio dei corpi di quattro inquilini. Solo uno è sopravvissuto. – Sono state bruciate perché erano lesbiche – gli attivisti non hanno dubbi. In segno di opposizione, nella capitale argentina si sono svolte manifestazioni. Nel frattempo, il presidente Javier Miley rifiuta di riconoscere l’esistenza nel Paese di violenze basate sull’orientamento sessuale. I commentatori affermano che dopo il suo insediamento è iniziato il processo di indebolimento dei valori che in precedenza avevano guidato l’Argentina.

Se riscontri problemi emotivi e desideri consigli o supporto, Qui Troverai un elenco di organizzazioni che forniscono assistenza professionale. In caso di pericolo di vita immediato, chiamare il 997 o il 112.

I tragici eventi avvenuti nel quartiere Paracas di Buenos Aires hanno spinto decine di persone a scendere in piazza. La settimana scorsa più di 200 manifestanti si sono radunati davanti a Plaza Colombia nella capitale argentina. A sole due strade di distanza, un modesto hotel a conduzione familiare è diventato il luogo di un crimine orribile.

Secondo testimoni oculari, la mattina di lunedì 6 maggio, un uomo ha gettato una bottiglia piena di liquido infiammabile nella stanza n. 14 e le ha dato fuoco. Dentro c’erano quattro donne. Solo uno di loro è sopravvissuto all’attacco.

Fiori e candele sono stati posizionati davanti all’hotel. L’omicidio ha suscitato rabbia e paura nella comunità LGBTQI+ argentina. I suoi membri chiedono giustizia e mettono in guardia dall’aumento dei discorsi di odio.

“Perché sono lesbiche”

Pamela Cubas, 52 anni, e la sua compagna Mercedes Roxana Figueroa, 52 anni, erano nell’edificio. Erano presenti anche Andra Amarante, 42 anni, e la sua compagna, Sofia Castro-Reglos, 49 anni.

READ  Wall Street Journal: i polacchi aiutano a rompere la censura di Putin su Internet

Copas è morto diverse ore dopo l’attacco. Ma Figueroa ha subito ustioni che coprivano il 90% del suo corpo due giorni dopo. I medici hanno provato per una settimana a salvare la vita di Amarante, ma senza successo. È morta domenica. L’unica vittima sopravvissuta all’attacco con le bombe molotov fu Castro Reglos. La sua vita non è in pericolo. La donna ha già testimoniato in tribunale.

– Sono state date alle fiamme perché erano lesbiche. Sono state bruciate perché erano povere lesbiche. Sono state date alle fiamme perché erano lesbiche povere della comunità, ha detto un membro dell’associazione locale durante una protesta la settimana scorsa. Secondo le loro informazioni, le donne vivono in pessime condizioni. Hanno pagato circa 50 dollari per una stanza condivisa senza bagno.

Il principale sospettato è Justo Fernando Barrientos. Si tratta di un uomo di 67 anni che ha affittato una stanza vicino a quella occupata dalle donne.

Altri inquilini hanno testimoniato che le urla delle vittime li svegliavano di notte. Quando hanno visto i corpi delle donne bruciare, hanno cercato di spegnerli con un estintore. Poiché ciò non aiutava, li portarono al bagno più vicino. Nel frattempo l’incendio nella stanza si è esteso a parte dell’edificio e circa 30 persone sono state evacuate.

Barrientos è stato arrestato dopo aver tentato il suicidio. È stato portato in ospedale e dopo essere uscito è stato arrestato. Non ha ancora testimoniato in tribunale. Sta cercando di stabilire se l’uomo possa essere ritenuto responsabile del delitto o se le sue condizioni mentali lo impediscano.

Tragedia a Buenos Aires. L’uomo ha dato fuoco a quattro donneJuan Mabromata/AFP/Sharq

Voci di condanna

Organizzazioni per i diritti umani come Amnesty International sostengono che i crimini contro le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali sono crimini d’odio.

READ  Insoliti sistemi Pantsir-S1 in Ucraina. Dovevano andare in Iraq

“Sono motivati ​​dall’odio verso l’orientamento sessuale delle vittime che appartengono a un gruppo soggetto a molestie e discriminazioni”, ha affermato Amnesty International in una nota, chiedendo un’indagine completa. “Le dichiarazioni che negano le conseguenze degli attacchi contro le persone della comunità LGBTQI+ abilitano e rafforzano l’impunità che condona la violenza in tutte le sue forme, compresa la violenza mortale”, ha osservato la Fondazione argentina Hosped.

Secondo il rapporto annuale dell’Osservatorio nazionale sui crimini d’odio LGBTQI+, lo scorso anno in Argentina sono stati denunciati 133 crimini in cui l’orientamento sessuale, l’identità e/o l’espressione di genere delle vittime sono stati utilizzati come pretesto per attacchi. Sono stati denunciati 129 crimini d’odio nel 2022 e 120 nel 2021.

L’Argentina cambia rotta. La posizione controversa del presidente

Non molto tempo fa, l’Argentina sosteneva i diritti delle donne e la diversità sessuale ed era un modello per l’intera America Latina. Sono stati introdotti il ​​matrimonio tra persone dello stesso sesso (nel 2010), una legge sull’identità di genere (nel 2012) e la legalizzazione dell’aborto (nel 2021). Tuttavia, l’assunzione alla presidenza da parte di Javier Miley ha avviato il processo di indebolimento dei valori che in precedenza avevano guidato il Paese.

Miley rifiuta di riconoscere che nel paese esiste la violenza basata sul genere o sull’orientamento sessuale. La sua posizione sulle persone LGBTQI+ solleva obiezioni pubbliche. A novembre, nella fase finale della campagna elettorale, fece il seguente paragone: “Se vuoi stare con un elefante… se ottieni l’approvazione dell’elefante, questo è un problema tuo e un problema dell’elefante”. Ha inoltre sottolineato di “non essere contrario al matrimonio tra due persone dello stesso sesso”.

READ  Marine Le Pen vicina alla vittoria? I risultati dell’indagine parlano chiaro

Nel frattempo, il portavoce presidenziale Manuel Adorni, interpellato sul “massacro di Paracas”, ha affermato che “molte donne e uomini subiscono violenza”. Ha aggiunto: “Mi sembra ingiusto parlare solo di questo incidente, poiché la violenza è molto più ampia di un semplice problema diretto contro un gruppo specifico”.

Il giorno dopo, Miley ha postato su Instagram, dicendo: “No, amico mio… Dire la verità non genera odio Se odi la verità è una questione diversa.”

Il post è stato interpretato come la risposta del presidente a coloro che criticano il suo governo per aver rifiutato di riconoscere l’attacco nella regione di Paracas come un crimine d’odio e per aver permesso che posizioni anti-LGBT fossero diffuse da persone come il suo biografo ufficiale, Nicolas Márquez. .

In un’intervista al quotidiano El Pais, Márquez ha espresso la sua contrarietà all’adozione di bambini da parte di coppie dello stesso sesso, anche se ciò è previsto dalla legge. Ha affermato che ciò ha avuto conseguenze psicologiche, come “tentativi di suicidio, una maggiore tendenza all’omosessualità e alla dipendenza dalla droga”. .

Fonte immagine principale: Juan Mabromata/AFP/Sharq

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto