Punizione per l’amicizia con Putin. Non riceveranno più l’“offerta di pace”.

Nell’attuale Commissione europea, il commissario per l’allargamento dell’UE è Oliver Varhelyi, nominato dal governo di Budapest. Ricopre questa carica dal 2019. Dopo le elezioni europee verrà scelta una nuova composizione della Commissione europea, dove all’Ungheria verrà assegnato uno status meno importante – Secondo i risultati della rivista Politico.

L’Ungheria vuole mantenere la sua posizione influente riguardo all’espansione del gruppo a causa dei colloqui con l’UE sull’adesione dell’Ucraina al blocco, riporta il portale. Secondo lui La nomina, che Oliver Varhelyi ha ricevuto cinque anni fa, era “un’offerta di pace volta a mantenere il governo ungherese di destra dalla parte di Bruxelles”. Tuttavia, tenendo conto della politica di Viktor Orbán nel contesto dell’aggressione russa contro l’Ucraina, i paesi dell’UE non vogliono che il rappresentante di Budapest continui a svolgere una funzione così importante, conferma il sito citando diversi diplomatici dell’UE.

Lo ha riferito mercoledì Politico I paesi dell’UE vogliono avviare i negoziati di adesione con l’Ucraina prima dell’inizio della presidenza ungherese del Consiglio UE, prevista per il 1° luglio. Temendo che Budapest ritarderebbe il processo.

Non vogliono che l’Ucraina venga accettata rapidamente nell’Unione europea

All’inizio di maggio il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjártó ha annunciato che una delle priorità della presidenza ungherese sarà quella di accelerare l’espansione del gruppo. L’Ungheria vuole accelerare il processo di adesione dei paesi balcanici, così come della Georgia e della Moldavia. Criticano però l’avvio dei negoziati con l’Ucraina. – La rapida adesione di quest’ultimo paese non è nell’interesse né dell’Ungheria né dell’Unione europea – ha affermato il primo ministro Viktor Orbán nel dicembre 2023.

READ  Nuove informazioni sul premier Fico. "Trasferito dall'ospedale"

Il governo di Orban, che ha a lungo criticato gli aiuti militari forniti dall’Occidente a Kiev, ha trattenuto 50 miliardi di euro in aiuti finanziari dell’UE all’Ucraina fino all’inizio di febbraio. Budapest si oppone anche all’adesione dell’Ucraina alla NATO. Recentemente, l’Ungheria si è opposta anche al rafforzamento del ruolo di coordinamento svolto dalla NATO nel campo dei trasferimenti di armi all’Ucraina e nell’addestramento dei soldati ucraini.

Stretti contatti con Russia e Bielorussia

Il governo di Budapest viene regolarmente criticato dagli alleati occidentali per i suoi stretti contatti con Russia e Bielorussia. Il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó ha incontrato più volte il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, il capo della Rosatom Alexei Likhachev e altri politici russi e bielorussi, spiegando, tra le altre cose, la necessità di “mantenere canali di comunicazione”.

Mercoledì Szijjarto ha visitato Minsk. Il politico bielorusso ha annunciato l’adozione dell’accordo ungherese-bielorusso sulla cooperazione nel campo dell’energia nucleare. – Senza l’oleodotto Druzhba, la sicurezza petrolifera ungherese è impossibile – ha detto Szijjártó durante una conferenza stampa congiunta con il suo omologo bielorusso Sziarhei Aleinik. Il politico ha aggiunto che non esiste nessun altro oleodotto in grado di trasportare una tale quantità di petrolio in Ungheria.

Lo ha sottolineato L’80% delle forniture petrolifere dell’Ungheria provengono dall’est, che l’anno scorso ammontavano a 4,5 milioni di tonnellate. A marzo Szijjártó aveva annunciato che quest’anno Budapest voleva importare una quantità simile di materie prime e che la Bielorussia era un “partner affidabile e prevedibile” in materia di transito.

– Mercoledì Szijjártó ha detto che l’Ungheria è inorridita dalle dichiarazioni che minacciano di intensificare la guerra, parlando dell’invio di soldati occidentali in Ucraina, del possibile uso di armi nucleari e persino della coscrizione militare forzata in Europa. Annuncialo Budapest vuole continuare la cooperazione con Minsk nelle aree non coperte dalle sanzioni dell’Unione Europea. Le due parti hanno firmato un accordo di cooperazione nel campo dell’energia nucleare nell’ambito della costruzione di nuove centrali elettriche a Pakse, nell’Ungheria centrale.

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina Né Orban né Sjjarto hanno visitato Kiev. Ancora in fase di negoziazione un possibile incontro tra Orban e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj. I due leader però si sono sentiti al telefono.

Valuta la qualità del nostro articolo:

Il tuo feedback ci aiuta a creare contenuti migliori.

fonte:

PAP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto