Non è necessario farsi coinvolgere nel conflitto in Ucraina


Damian Segan: Il governo lo annuncia come parte del programma “Eastern Shield”. Fortificare i confini con Bielorussia e Russia. Come valuta questi piani?


Romualdo Zeremitio: A quanto pare i deputati del PiS hanno visitato il Ministero della Difesa nazionale e volevano vedere quali fossero i piani per fortificare il confine orientale, ma lì non c’è nulla. Si tratta quindi di storie di politici che non sappiamo se e come si realizzeranno. In primo luogo, la preparazione operativa del territorio statale per la difesa deve essere effettuata da persone che sanno quello che fanno. In secondo luogo, si pone la questione di come risolveremo il problema fondamentale che attualmente dobbiamo affrontare riguardo all’utilizzo dell’esercito polacco.


Cosa intendi?

Da tempo è operativa la cosiddetta Ala Orientale della NATO. Abbiamo già sentito più volte affermare che se la sicurezza dei paesi baltici fosse minacciata, la Polonia svolgerebbe un ruolo molto importante nel sostenere questi paesi. C’è anche la questione del famoso istmo di Suwałki. Quindi la domanda è: è possibile sostenere Lituania, Lettonia ed Estonia con l’aiuto di zone umide e fortificazioni? Perché dalle parole del Primo Ministro e del Ministro della Difesa sembra che lo “Scudo Orientale” sia l’elemento principale della difesa della Polonia. Ciò significa che difendiamo i nostri confini senza dare per scontato se avremo bisogno di difendere qualcos’altro.


Capisco che “Shield East” dovrebbe essere combinato con “Linea di difesa del Baltico”Formata da Lituania, Lettonia ed Estonia?

Il governo di Donald Tusk deve, innanzitutto, attuare gli ordini di armi emessi dal governo della Destra Unita. So che l’attuale Governo non piace molto ai suoi predecessori, ma l’interesse della difesa del Paese esige che la Polonia disponga, oltre a queste fortificazioni, non del tutto inutili, di un esercito capace di effettuare operazioni sul fronte. I nostri confini. Perché sarebbe brutto se i confini polacchi venissero difesi solo sul nostro territorio.

READ  Il mondo segue i movimenti di Abramovich. È andato in Israele, ma il Paese non ha buone notizie


Oggi quella introduzione è l’Ucraina.

Il vantaggio della guerra in Ucraina, purtroppo, è che costituisce il preludio alla resistenza contro l’invasione russa. Sarebbe positivo avere tale introduzione anche in altre parti dei nostri confini orientali, e quindi la capacità di manovra in Bielorussia e negli Stati baltici. Inoltre, la Polonia ha ordinato lanciamissili a lungo raggio, carri armati, aerei F-35 e FA-50: tutto questo insieme, nelle condizioni di una guerra come quella attualmente in corso in Ucraina, può svolgere un ruolo molto importante e persino vittorioso ruolo.


Lo ha suggerito il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyj I combattenti polacchi devono abbattere i missili russi. Cosa ne pensi di questo?

Questo è ovviamente un tentativo di trascinare la Polonia nella guerra. L’interesse dell’Ucraina è che qualcun altro compaia militarmente per difenderla, e lo capisco. Ma dal punto di vista dei nostri interessi questa non è la cosa più saggia da fare. La capacità per le attività esecutive non deve essere confusa con le attività esecutive. Perché dovremo usare le nostre capacità quando ci sarà una minaccia reale alla nostra sicurezza da parte della Russia. Finché non esiste una minaccia così diretta, non è necessario avviare un conflitto.


Se la Polonia accoglierà la richiesta del presidente Zelenskyj, Mosca potrà considerare la NATO entrata in guerra?

Non lo so. Quando si comincia a usare la forza, cioè quella militare, nelle relazioni internazionali, elementi molto diversi fanno sì che le decisioni vengano prese o non prese. A mio avviso, l’opinione secondo cui Putin ha osato attaccare l’Ucraina nel febbraio 2022 è corretta perché credeva che l’Occidente fosse debole. Ha concluso questo dopo aver visto come gli Stati Uniti si stavano ritirando dall’Afghanistan. Al momento la situazione è che ci sono americani nella parte orientale della NATO. Ma immaginiamo che la Germania prenda effettivamente il controllo dell’ala est e poi gli Stati Uniti decidano che non è più necessario essere qui e si ritirino. La Germania non ha forze che possano sostituire quelle americane. La domanda è: Putin non oserà allora colpire?

READ  Gli americani prenderanno una decisione improvvisa riguardo all’Ucraina? Commento del ministro degli Esteri


Leggi anche:
Generale Bulko: È positivo che Zelenskyj abbia parlato della distruzione dei missili da parte dei nostri combattenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto