NEWS.Anche la procura di Bodnar scredita Szczerba sui visti

Leggendo l’analisi preparata lo scorso febbraio dalla Procura nazionale per il capo della commissione d’inchiesta sullo “scandalo dei visti”, Michal Štzerba, non c’è dubbio che l’intero caso sia stato volutamente esagerato. Nel documento, il cui contenuto è stato ottenuto dal portale wPolityce.pl, si afferma esplicitamente che l’indagine riguarda solo 607 domande presentate da stranieri e solo in 358 casi i visti sono stati rilasciati con successo.

Leggi anche: Il tribunale di Varsavia ha respinto la richiesta. Daniel Obajtic non sarà arrestato né portato alla riunione del comitato investigativo

Ma questa non è la fine. La maggior parte dei casi riguarda cittadini di paesi asiatici e non, come hanno affermato Shcherba e Tusk, di paesi africani, compresi i paesi arabi.

Si segnala che nel corso del procedimento viene analizzata la validità delle procedure relative all’esame delle domande di visto per un totale di 607 stranieri e, sulla base dei materiali finora ottenuti dalle rappresentanze diplomatiche, è stato dimostrato che i visti sono stati concessi in 358 casi. Lettere di Edgar K. Per quanto riguarda gli stranieri diretti principalmente ai centri consolari polacchi in India, Hong Kong, Filippine, Singapore e Taiwan, alcuni casi riguardavano procedure di visto effettuate presso centri in Indonesia, Qatar, Turchia, Pakistan, Nigeria e Regno Unito. Emirati Arabi e Arabia Saudita

– Si legge in un documento del febbraio di quest’anno.

CBA e Ufficio del Procuratore Generale

Non c’è dubbio che la questione fosse una priorità per i servizi durante il governo di Destra Unita e che le attività siano state svolte in modo efficiente e senza alcun ritardo. Ciò smentisce anche la retorica utilizzata dal nuovo eurodeputato e attuale Primo Ministro. Il documento inviato dalla Procura nazionale a Shcherba mostra che l’indagine, tra le altre cose, ha avviato il caso contro Edgar K. E peltro e. (Ex Segretario del Dipartimento di Stato) Il 7 marzo 2023, e solo 3 giorni dopo, sono state mosse le prime accuse contro due intermediari (secondo gli accertamenti del Procuratore Generale) per aver pagato tangenti a Edgar K. In precedenza, i servizi (CBA) erano implicati, i cui materiali hanno portato al ciclo di smantellamento e alla conclusione del processo.

READ  I russi scrivono che è più efficace condurre una battaglia al confine con la Polonia. "La lunga camminata"

“Lista speciale”

Anche le proposte di Shcherba sull’introduzione di speciali modifiche legislative che consentirebbero un grande afflusso di stranieri sono solo favole di fantasia. Le modifiche non furono mai implementate. Il progetto è stato ritirato.

Mateusz Morawiecki, primo ministro, ministri, coordinatore della valutazione dell’impatto normativo presso la cancelleria del primo ministro e capo del Centro per la legislazione statale, ha chiesto di prendere posizione sul progetto di regolamento. Sul sito RCL non sono pubblicate posizioni.Il motivo per cui si è interrotta l’attività legislativa è stato il ritiro del progetto summenzionato

– Si legge nelle informazioni inviate dalla Procura nazionale a Szczerba.

Gli investigatori hanno anche informato Michal Shcherba che altre azioni sono ancora in corso nelle indagini su larga scala (da parte della Procura della Repubblica durante il governo del Partito Legge e Giustizia) e continueranno. Il documento contiene anche informazioni dettagliate su Edgar K. e i suoi collaboratori. Tuttavia, anche questi risultati suggeriscono che lo “scandalo dei visti” è solo un esempio di corruzione ufficiale, esagerata dai media, con una portata effettiva molto limitata, e che è stata rapidamente scoperta e neutralizzata dalle azioni delle agenzie e delle autorità del Procuratore Generale. Ufficio durante la sentenza. Dalla destra unita.

Una lettera della Procura nazionale dello scorso febbraio ha rivelato le ragioni politiche dello scoppio dello “scandalo” e le sue piccole dimensioni. Il documento deve essere completamente divulgato in modo che i politici successivi non possano costruire la loro falsa narrativa.

La Banca Mondiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto