L’attacco della Russia all’Ucraina. Commento di Wacław Radziwinowicz, Andrzej Zaucha e Maksymilian Rigamonti

È il dodicesimo giorno dell’invasione russa dell’Ucraina. Fino a poco tempo il corrispondente di “Fakt” TVN Andrzej Zaucha è rimasto a Mosca, ma a causa della nuova legge, secondo la quale potrebbe essere imprigionato per 15 anni per la sua copertura della guerra in Ucraina, è stato costretto a lasciarla. In “Fakty po Faktach” su TVN24 ha affermato che “il senso di pericolo aumenta ogni giorno”. Wasslo Radziounovic, un altro corrispondente di lunga data da Mosca, ha affermato che i media locali hanno convinto i soldati russi che “gli ucraini li avrebbero salutati con dei fiori”.

La Russia ha attaccato l’Ucraina il 24 febbraio.

In “Fakty po Faktach” su TVN24, Wacław Radziwinowicz, corrispondente di lunga data di “Gazeta Wyborcza” in Russia e corrispondente di “Fakt” TVN, e un ex corrispondente a Mosca, Andrzej Zaucha, hanno parlato della situazione al di fuori dei nostri confini orientali.

rapporto tvn24.pl: L’attacco della Russia all’Ucraina

Zaucha: La sensazione di minaccia cresceva ogni giorno che passava

Zaucha ha recentemente parlato degli eventi in Russia, ma Vladimir Putin ha firmato venerdì una legge che impone severe pene detentive per chiunque diffonda “informazioni false” sulle forze armate russe. La nuova legge prevede una pena detentiva fino a 15 anni per i colpevoli di “diffusione volontaria di false informazioni”.

– Se comincio a parlare di come appare dal punto di vista della Russia, di come funziona l’esercito russo, se comincio a dire che i russi stanno bombardando città e sparando ai civili, sarà “screditare l’esercito russo”, sarà essere, secondo il Ministero della Difesa e le autorità russe, false informazioni sulle attività dell’esercito russo. Per questo rischia fino a 15 anni di carcere – ha spiegato Zaucha.

READ  Aggiornamenti in tempo reale di Russia e Ucraina: video e ultime notizie

Gli versò addosso una tazza di amarezza, perché la sensazione di pericolo cresceva ogni giorno che passava. Ho iniziato a pensare alle diverse varianti (…). Quando lavoro faccio quello che amo, ovviamente non penso alla minaccia, ma questo senso di pericolo aumentava di giorno in giorno – ha proseguito.

Zaucha: La sensazione di minaccia cresceva ogni giorno che passava

Zaocha: Versa il calice amaroTVN24

Radziwinowicz: I soldati russi erano convinti che gli ucraini li avrebbero ricevuti con dei fiori

Wacław Radziwinowicz ha sottolineato che le opinioni dei soldati russi che hanno partecipato all’invasione dell’Ucraina differivano dagli atteggiamenti reali degli ucraini.

– Per molti anni, la televisione russa ha parlato nei suoi programmi stampa quasi esclusivamente dell’Ucraina, che è un paese che è stato conquistato dai nazisti, che è un paese soggetto a una potenza americana straniera, e che in realtà la nazione è aspetta solo di essere liberato. E questi giovani soldati, che non sono sopravvissuti (…), erano convinti che gli ucraini li avrebbero ricevuti con dei fiori. Improvvisamente hanno incontrato una resistenza straordinaria – ha detto.

– Penso che la più grande impressione che hanno sia che i civili senza armi, nelle città già occupate, escano, non abbiano paura e dicano: “Questa è la nostra terra, questa è l’Ucraina, non la Russia”. – È stato sicuramente un grande shock per loro – disse.

Radziwinowicz: I soldati russi erano convinti che gli ucraini li avrebbero ricevuti con dei fiori

Radziwinowicz: I soldati russi erano convinti che gli ucraini li avrebbero ricevuti con dei fioriTVN24

All’inizio del programma, il fotoreporter Maximilian Rigamonti, associato a “Dziennik Gazeta Prawna”, ha parlato della situazione a Kiev.

Il racconto di Massimiliano Rigamonte da Kiev

Il racconto di Massimiliano Rigamonte da KievTVN24

L’attacco della Russia all’Ucraina – guarda il programma speciale su TVN24

READ  Il sito ufficiale del Cremlino è caduto in mezzo alla guerra in Ucraina

Fonte immagine principale: TVN24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.