Il nuovo quartier generale di Amazon suscita ostilità tra le popolazioni indigene in Sud Africa

Città del Capo – Su una distesa di prati con vista aperta sulla pittoresca Table Mountain di Città del Capo, un gruppo di trattori gialli ha liberato molto per un nuovo sviluppo commerciale e residenziale da 300 milioni di dollari che ha suscitato polemiche in Sud Africa non solo per la sua posizione, ma anche per il suo main tenant: il gigante tecnologico Amazon.

Si ritiene che il sito di 37 acri, alla confluenza di due fiumi, si trovi nell’area in cui i sudafricani indigeni hanno combattuto per la prima volta gli invasori coloniali e alcuni leader indigeni considerano lo sviluppo un sacrilegio.

“I blocchi di cemento del quartier generale dell’Amazzonia su questa terra sono scandalosi e scandalosi”, ha affermato Tauriq Jenkins, che guida circa due dozzine di gruppi indigeni contrari allo sviluppo.

Ma non tutti i leader indigeni sono d’accordo. Quando il presidente Zanzel Khoisan ha osservato la costruzione, ha visto una vittoria per il suo popolo: lo sviluppatore ha accettato di costruire un centro del patrimonio, in vista degli uffici di Amazon, che raccontasse la storia di ciò che alcuni conoscono come Popoli delle Prime Nazioni.

Le grandi compagnie “hanno disturbato le Prime Nazioni”, ha detto il signor Khoisan, e il vento lo ha catturato nella radura. “Quindi forse Amazon sta ricevendo un po’ di istruzione.”

I leader dei gruppi indigeni in Sud Africa stanno ora combattendo una feroce battaglia per il futuro di un pezzo di terra situato in “uno dei siti storicamente più significativi del paese”, secondo le parole dell’agenzia incaricata di proteggere i siti del patrimonio nel Western Cape .

La battaglia, svoltasi anche in tribunale, è stata segnata da insulti, accuse di vendita e discussioni più approfondite su chi può rivendicare l’eredità indigena e parlare a nome della comunità. Le comunità indigene in Sud Africa sono state decimate nel corso dei secoli a causa del genocidio e dell’apartheid, quindi non è chiaro ora chi abbia l’autorità di parlare a nome delle popolazioni indigene.

Lo sviluppo del River Club, dal nome del golf club precedentemente situato sul sito, ha causato una divisione all’interno del governo. Alcuni politici si sono mobilitati dietro il progetto – The ha elogiato la città Amazon ha scelto Cape Town come sua “base operativa nel continente africano” come vantaggio economico. Ma i funzionari delle agenzie locali per l’ambiente e il patrimonio hanno sollevato obiezioni.

Un giudice della Western Cape High Court dovrebbe pronunciarsi presto su una petizione degli oppositori, i quali sostengono che la costruzione dovrebbe essere interrotta perché lo sviluppo non è conforme alle leggi sul patrimonio.

READ  Undici passeggeri hanno perso in un incendio di un traghetto in Grecia

I critici vedono anche il ripetersi di un ciclo familiare: gli interessi dei ricchi, per lo più bianchi, ottengono quello che vogliono, mentre le comunità emarginate vengono lasciate a litigare tra loro. Un tribunale regionale per il patrimonio ha criticato i leader del governo per aver utilizzato una politica del “divide et impera”.

L’identità delle popolazioni indigene del Sud Africa è difficile da determinare. Decine di migliaia di anni fa, un popolo ora noto come San è sorto dalla preistoria, ha affermato Michael de Jong, professore emerito di antropologia all’Università del Sud Africa. I Khoi si stabilirono nel paese 2000 anni fa. Poi, circa 800 anni fa, i neri africani emigrarono da altre parti del continente in Sud Africa.

Le comunità indigene si sono disintegrate nel corso degli anni, quindi essere aborigeni in Sud Africa è diventata una questione di introdurre la cultura e praticare la tradizione, piuttosto che dimostrare la propria origine. Negli ultimi decenni, un rinnovato interesse per le popolazioni indigene a livello globale ha contribuito a guidare la formazione di innumerevoli gruppi in Sud Africa che rivendicano l’eredità delle Prime Nazioni. Il Parlamento ha approvato una legge nel 2019 che consentirà ai gruppi indigeni di richiedere il riconoscimento ufficiale. Molte persone hanno affermato di essere leader delle Prime Nazioni.

Il signor Khoisan, 60 anni, che si identifica come il capo del Consiglio culturale di Gorenhaika, ha affermato che il signor Jenkins è stato usato come pioniere nell’osservatorio, un sobborgo che circonda il sito, un’associazione di residenti per lo più bianchi e contrari allo sviluppo. Ha anche detto che il signor Jenkins non era in realtà un indigeno, ma piuttosto uno Zimbabwe, e che i suoi alleati erano un piccolo gruppo di “pretendenti”.

“Molti di loro guidano capi con un QI inferiore alla temperatura ambiente”, ha detto il signor Khoisan.

Il signor Jenkins, 41 anni, noto come Alto Commissario del Consiglio indigeno tradizionale di Gorengaikon Khoi Khoen, ha descritto il signor Khoisan come un razzista. Ha detto di essere sudafricano e di aver prestato giuramento come leader indigeno, ma è nato nello Zimbabwe perché i suoi genitori erano attivisti che vivevano lì in esilio. A sua volta, il signor Khoisan, un ex giornalista e attivista anti-apartheid, è stato accusato di guidare un “gruppo di capi compari” creando confusione sull’identità delle Prime Nazioni per aiutare lo sviluppatore.

I leader e i ricercatori aborigeni generalmente concordano sul fatto che da qualche parte vicino alla zona di sviluppo, inserita tra i fiumi Black e Lisbeck, I guerrieri Khoi hanno combattuto un attacco Dall’esploratore portoghese Francisco D’Almeida nel 1510 nella prima resistenza al colonialismo in Sud Africa. La prima rivendicazione coloniale sulla terra avvenne anche in quest’area generale da parte del colono olandese Jan van Rijbeek alla fine del XVII secolo.

READ  I russi chiamano la hotline. "I nostri figli sono come carne da cannone."

Nel 1939, la General Railroad Company terminò la costruzione di una palestra per soli bianchi per i suoi lavoratori in quello che oggi è il sito di sviluppo. Negli ultimi anni è stato un campo da golf privato e un campo pratica.

Il proprietario della struttura, Liesbeek Leisure Property Trust, ha annunciato alla fine del 2015 che aveva in programma di costruire uno sviluppo lì. Il signor Jenkins ha espresso le sue preoccupazioni per la prima volta in un incontro pubblico con lo sviluppatore all’inizio del 2018.

“È il silenziamento di una storia molto potente che ci trascina nel peccato originale”, ha detto il signor Jenkins dell’evoluzione sulla terra in cui i colonizzatori hanno attaccato gli indigeni.

A metà del 2019, dopo che i funzionari regionali hanno accusato lo sviluppatore di non aver consultato adeguatamente i popoli delle Prime Nazioni, i sostenitori indigeni dello sviluppo sono apparsi pubblicamente per la prima volta.

Il signor Khoisan ei suoi alleati hanno formato un gruppo chiamato First Nations Group, che ha sostenuto lo sviluppo in audizioni pubbliche e in newsletter.

Hanno negoziato un accordo con lo sviluppatore per costruire un centro del patrimonio e dei media delle Prime Nazioni, gestito dagli indigeni, nonché un anfiteatro, un orto medico e una segnaletica educativa.

Lo sviluppatore ha affermato sul suo sito Web che il gruppo rappresentava “la stragrande maggioranza dei leader senior di Khoi e San” e che lo sviluppo aveva il sostegno di popoli “connessi” delle Prime Nazioni.

Sebbene i leader del gruppo abbiano solide credenziali, nessuna delle parti può affermare di rappresentare tutte le tribù Khoi o altre comunità indigene emarginate, ha affermato in una e-mail Patrick Tariq Millett, uno dei principali ricercatori sugli affari indigeni in Sud Africa.

Ma il signor Millet era scettico sull’impegno dello sviluppatore di onorare il patrimonio indigeno, definendolo un “processo di apertura dei cancelli” che potrebbe essere abbandonato.

Jody Aufrichtig, uno degli sviluppatori, ha affermato di aver cercato di lavorare con gli indigeni sin dall’inizio del progetto. Come prova, ha fornito un’e-mail di Ron Martin, un leader Khoi ed esperto di patrimonio, dell’agosto 2016, in cui il signor Martin ha ringraziato il signor Overechteig per la sua condivisione con il personale delle Prime Nazioni e si è offerto di fornire servizi di consulenza per R22.700 ( circa $ 1.500).

READ  Guerra di Russia e Ucraina. Un milione di rifugiati dall'Ucraina sono già stati inviati in Polonia

Il sig. Martin ha affermato in un’intervista di non aver svolto attività di consulenza e di non aver ricevuto alcun pagamento dal sig. Aufrichtig.

Ha detto: “Qualsiasi tipo di deduzione che noi come gruppo o il popolo Khoi nel suo insieme abbiamo venduto le loro anime per sviluppare otto pezzi d’argento, è assurdo”. “Siamo impegnati in questo per qualcosa di molto più grande. È al fine di preservare la narrativa dell’eredità del popolo Khoi e San”.

Amazon, che ha tre data center nell’area di Città del Capo, è stato visibilmente silenzioso mentre la controversia continua, rifiutandosi di commentare questa o altre coperture mediatiche.

Il Dipartimento per la gestione ambientale di Città del Capo ha presentato ricorso contro l’approvazione data da un’altra agenzia, avvertendo che lo sviluppo comporta “rischi e impatti ambientali negativi cumulativi significativi, in particolare le inondazioni”.

L’agenzia provinciale, Heritage Western Cape, ha detto lo sviluppo Ciò danneggerebbe il valore del sito Come luogo sacro per gli indigeni.

Mentre il dibattito continuava, lo sviluppatore ha avvertito i funzionari della città “che potrebbe perdere Amazon come partner interessato allo sviluppo”, ha affermato Marianne Neuudt, membro del consiglio comunale di Città del Capo. (Il rappresentante dello sviluppatore ha negato questo in un’intervista.)

Infine l’assessore provinciale all’ambiente Il progetto è stato approvato lo scorso febbraio, sostenendo che gli sviluppatori, che hanno modificato il progetto più di 250 volte, avevano fatto abbastanza per mitigare il rischio di inondazione e aumentare il valore del patrimonio del sito. Ha anche elogiato il piano di sviluppo per trasformare un golf club privato in un parco prevalentemente pubblico. L’allora sindaco di Cape Town firmò il progetto lo scorso aprile.

“Per farli atterrare qui a Cape Town, significa il mondo”, ha detto di Amazon James Foss, il membro del consiglio comunale che sovrintende allo sviluppo economico.

Arrivare a questo punto ha rovinato la lunga lotta per il riconoscimento degli indigeni, ha affermato Cecile Le Fleur, capo del Consiglio nazionale di Khoi e San, istituito dal governo oltre 20 anni fa per rappresentare gli interessi indigeni. Ha detto che non aveva preso alcuna posizione sullo sviluppo.

“Non sono felice quando vedo come la nostra gente stia diventando sempre più divisa”, ha detto.

Lynsey Navetta Contribuire alla redazione dei rapporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.