Francia, elezioni parlamentari, risultati. Vince il Nuovo Fronte Popolare, ma senza maggioranza

Il Nuovo Fronte Popolare ha vinto le elezioni in Francia, ma non ha ottenuto una maggioranza indipendente in Parlamento – secondo i dati del Ministero dell’Interno riportati da Le Monde.

La coalizione dei partiti di sinistra, il Nuovo Fronte Popolare, ha vinto domenica il secondo turno delle elezioni parlamentari in Francia. Il quotidiano Le Monde, citando i dati del Ministero dell’Interno, ha riportato la distribuzione dei seggi nel consiglio composto da 577 seggi.

Ha vinto la coalizione di sinistra 182 Posti a sedere nella sala, che dispone di 577 posti. Al secondo posto c’è il campo politico di Macron, che lo ha fatto 168 Stati. Ha ricevuto l’estrema destra dell’Unione Nazionale 143 Seggi in Parlamento.

Per saperne di più: Hanno deciso i francesi. I risultati degli exit poll sono una sorpresa

Ciò significa che nessun partito ottiene Maggioranza assoluta di 289 seggi. In una situazione del genere, i diversi schieramenti politici possono accordarsi per formare una maggioranza.

L’affluenza è stata alta 66,63 per cento.

Subito dopo la comunicazione dei risultati delle elezioni, il leader del partito di estrema sinistra “Francia selvaggia”, Jean-Luc Mélenchon, ha chiesto al presidente di affidare alla sinistra il compito di formare il governo, rifiutando la possibilità di raggiungere un accordo con Macron.

I ministri del campo presidenziale, dal canto loro, sostengono che nessuno può ritenere di aver vinto le elezioni e che il leader Mélenchon non può governare il paese. Il ministro degli Interni Gerald Darmanin ha sottolineato che il suo campo è pronto per “una collaborazione più stretta di prima” con la destra repubblicana.

READ  Sud Africa. L'autobus è caduto dal ponte. Morirono 45 pellegrini. Solo il bambino di otto anni è sopravvissuto

Jean-Luc Mélenchon, leader del partito di estrema sinistra France Untamed (LFI). DOLORE PAP/EPA/ANDRE

Vedi altro: Una voce dal Palazzo dell’Eliseo

Cos’è il Nuovo Fronte Popolare?

Il Nuovo Fronte Popolare è un’alleanza di socialisti, ambientalisti, comunisti e Francia Unita (LFI) creata dopo il presidente. Emmanuel Macron ha annunciato che il 9 giugno si terranno le elezioni parlamentari anticipate.

La BBC ha osservato che questi partiti si sono precedentemente criticati a vicenda e presentano alcune importanti differenze nella loro ideologia e approccio. Nonostante ciò, hanno deciso di formare un blocco per impedire all’estrema destra di salire al potere.

Il Nuovo Fronte Popolare ha promesso di annullare le riforme sulle pensioni e sull’immigrazione adottate dall’attuale governo e di creare un’agenzia per aiutare gli immigrati clandestini e facilitare le richieste di visto. Vuole anche imporre restrizioni sui beni di prima necessità per far fronte alla crisi causata dall’alto costo della vita e dall’aumento del salario minimo.

Chi può diventare primo ministro?

Anche se la coalizione di sinistra non ha indicato chiaramente il suo candidato a primo ministro, Reuters ha tracciato un profilo di diversi politici di spicco.

72 anni Jean-Luc Mélenchon Da decenni è una delle figure chiave della sinistra francese. Ha ricoperto incarichi ministeriali nei governi precedenti quando era membro del Partito socialista. Si è candidato alla presidenza nel 2012, 2017 e 2022 e ogni volta ha ottenuto buoni risultati. Nel 2022 si è classificato terzo.

Mélenchon – scrive la Reuters – è una delle figure più controverse della politica francese. Delizia alcuni e inorridisce altri con le sue proposte fiscali e di spesa estreme, la sua retorica sulla guerra di classe e le sue controverse posizioni di politica estera.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

Tondella marina È il leader 37enne del Partito dei Verdi. Sono cresciuto a Henin-Beaumont, una città nel nord della Francia che è una roccaforte dell’estrema destra. Dal 2014 è attiva nel governo locale e si oppone attivamente al Partito dell’Unione Nazionale al governo nella regione.

Raffaello Glaxman È membro del Parlamento europeo dal 2019. Alle elezioni europee del 2024, il 45enne era leader della lista di sinistra che ha portato al terzo posto. Glucksmann ha frequentato scuole prestigiose e ha lavorato nel giornalismo prima di entrare in politica. Fino al 2013 è stato consigliere dell’allora presidente della Georgia Mikheil Saakashvili.

55 anni Laurent Berger È l’ex presidente di uno dei più grandi sindacati francesi: la Federazione democratica francese del lavoro (CFDT). È un aspro critico dell’Unione Nazionale. Come ha notato la Reuters, Berger ha detto di non voler diventare primo ministro, ma altri rappresentanti della sinistra hanno avanzato la sua candidatura, sostenendo che potrebbe essere una figura unificante e un’alternativa a Mélenchon.

Autore/Autore:p, annunci//mrz

Fonte immagine principale: DOLORE PAP/EPA/ANDRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto