Elezioni in Croazia: uno spostamento politico a destra

Dopo la pubblicazione dei risultati delle elezioni parlamentari di ieri in Croazia, si può dire che il Partito dell'Unione Democratica Croata, di centrodestra, è diventato la forza politica più forte del paese, ma non sarà in grado di formare un nuovo governo senza un nuovo governo. Alleanza con altri partiti.

Nel Parlamento (Sabor), che conta 151 deputati, l'Unione democratica croata ha ottenuto complessivamente 61 seggi. Il secondo miglior risultato è stato ottenuto dal Partito Socialdemocratico, che ha ottenuto 42 seggi. Al terzo e quarto posto ci sono due partiti sovrani, il Movimento Nazionale e il MOST, con 14 e 11 rappresentanti in Parlamento. Il quinto è il partito progressista di sinistra Mozimo, che comprende 10 deputati. I restanti seggi sono divisi tra membri delle minoranze nazionali e partiti più piccoli, per lo più liberali.

Corte costituzionale croata contro presidente. Qual è il segreto della candidatura di Milanovic a primo ministro?

il nostro incontro. Il deputato croato Ladislav Ilicic: Sono rimasto sorpreso dall'aggressività mostrata da Donald Tusk

Che cosa significa tutto questo?

Innanzitutto il fallimento dell’azione politica del presidente Zoran Milanović. Ricordiamo che Milanovic un mese fa aveva annunciato che si sarebbe candidato alla carica di primo ministro come candidato indipendente dalla lista del suo ex partito, il Partito socialdemocratico croato. Ha anche detto che dopo la vittoria elettorale di cui è certo, si dimetterà dalla carica di presidente.

Dopo che la Corte costituzionale croata ha stabilito logicamente che Milanović non poteva candidarsi alle elezioni durante la sua presidenza e che la Costituzione glielo impediva, il presidente non si è candidato ufficialmente, ma ha partecipato alla campagna elettorale.

READ  Guerra Ucraina e Russia, notizie Kiev: aggiornamenti in tempo reale

Ciò non lo ha aiutato, perché il Partito socialdemocratico e il partito progressista Mozimo non avevano abbastanza voti per formare un governo con Milanovic come primo ministro. Questa è certamente una buona notizia, perché è un politico vicino all’opzione filo-russa nei Balcani, e il suo mandato come primo ministro porterebbe all’instabilità in Croazia.

È quindi possibile che il primo ministro Andrej Plenkovic abbia sconfitto Milanovic, ma ora si trovi di fronte al problema di come formare un governo. La soluzione logica è l'alleanza con il Movimento per la Patria, il partito conservatore che in queste elezioni ha rafforzato la sua posizione come terza forza in Croazia. Ma il problema è che una parte del movimento ritiene che il partito non dovrebbe allearsi con Plenkovic, il quale, secondo loro, segue una politica pro-Bruxelles e trascura gli interessi nazionali.

D'altra parte è chiaro che lo stesso Plenkovic non ha una buona opinione del movimento (i media sostengono che li considera “estremisti”) e farà tutto ciò che è in suo potere per evitare una simile alleanza. La soluzione alternativa è provare a formare un governo che includa tutte le voci dei piccoli partiti e delle minoranze nazionali.

All'interno dello stesso HDZ ci sono sempre più persone insoddisfatte, che credono che la politica di Plenković sia troppo “europeista” e vogliono allontanarsi dalla direzione imposta dai democristiani tedeschi (l'HDZ è membro del Partito popolare europeo). . Il leader di questa fazione “nazionalista” è l’attuale ministro della Difesa Ivan Anusic. Queste elezioni hanno confermato la sua forza, essendo lui il politico che ha ricevuto più voti di preferenza, più dello stesso Plenkovic.

READ  Un miliardario costruisce un nuovo Titanic. Dovrebbe essere "molto meglio dell'originale"

Il tempo dirà come si svilupperà ulteriormente la situazione. Bisogna aspettare la prossima mossa di Milanovic, che proverà anche a formare una coalizione. Difficilmente ci riuscirà, anche se dovesse ottenere i mandati di Most, un partito che ha lanciato segnali di essere pronto per qualcosa del genere.

Tuttavia, le elezioni hanno dimostrato che la Croazia rimane un paese largamente conservatore. Non solo a causa del predominio del centrodestra, ma anche a causa dell'affermazione dei partiti conservatori – Movimento Patria e Most Party – come forze senza le quali sarebbe impossibile formare un governo in futuro. In questo contesto, è importante sapere che il flirt di Most con la sinistra è semplicemente una questione di strategia a breve termine, non un'adesione al programma di sinistra della Croazia.

Grazie a queste elezioni, la Croazia si è spostata a destra, cosa che si farà sentire sicuramente alle elezioni del Parlamento europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto