Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Famiglia mafiosa di Licata, processo “Halycon” e “Assedio”: Cgil parte civile

Famiglia mafiosa di Licata, processo “Halycon” e “Assedio”: Cgil parte civile

Accolta la richiesta della Cgil di Agrigento, rappresentata dall’avvocato Floriana Salamone, di costituirsi parte civile al processo, scaturito dalle inchieste “gemelle”, denominate “Halycon” e “Assedio”, che a pochi mesi l’una dall’altra, ha disarticolato la nuova famiglia mafiosa di Licata, che avrebbe stretto accordo con la politica, e la massoneria. In precedenza si erano già costituiti parte civile Sicindustria, e il Centro Pio La Torre.

Questi i coinvolti nelle due inchieste: Angelo Bellavia 66 anni, Vincenzo Bellavia 35 anni, Giacomo Casa 65 anni, Antonino Cusumano 44 anni, Giuseppe Galanti 62 anni, Angelo Graci “trappolina” 33 anni, Angelo Lauria 46 anni, Giovanni Lauria 80 anni, Vito Lauria 50 anni, Antonino Massaro 62 anni, Marco Massaro 36 anni, Giovanni Mugnos 54 anni,  il boss Angelo Occhipinti 65 anni “Piscimoddu”, l’ex consigliere comunale, nonchè geometra dell’ufficio tecnico dell’ospedale di Licata Giuseppe Scozzari  48 anni, Raimondo Semprevivo 48 anni, Gabriele Spiteri 47 anni, Vincenzo Spiteri 53 anni,  tutti di Licata.  Ed ancora Giuseppe Puleri 41 anni di Campobello di Licata, Alberto Riccobene 53 anni residente a Palma di Montechiaro, il funzionario della Regione Lucio Lutri 61 anni di Mistretta, e Salvatore Patriarca 42 anni di Vittoria residente a Ragusa.

Figure di spicco il capomafia Occhipinti e Lutri, quest’ultimo, in particolare, grazie alle rete relazionale a sua disposizione quale “Maestro” venerabile di una loggia massonica, ed avrebbe acquisito e veicolato agli appartenenti alla famiglia mafiosa informazioni riservate circa l’esistenza di attività di indagine a loro carico, e sarebbe intervenuto per favori di altra natura, che avrebbero rafforzato l’organizzazione criminale

Il Gup del Tribunale di Palermo, Claudia Rosini ha disposto il rinvio a giudizio a carico di Angelo Bellavia, Antonino Cusumano, Giovanni Lauria, Antonino Massaro, Salvatore Patriarca, Alberto Riccobene, Gabriele Spiteri e Vincenzo Spiteri. Per loro è iniziato il dibattimento. Si torna in aula il 12 novembre per l’audizione dei primi testi.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su