Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Mafia e traffico di cocaina tra le province di Agrigento e Caltanissetta: 8 imputati all’abbreviato

Mafia e traffico di cocaina tra le province di Agrigento e Caltanissetta: 8 imputati all’abbreviato

Otto agrigentini hanno scelto il rito abbreviato, un nono è stato rinviato a giudizio. E’ l’esito dell’udienza preliminare nella maxi inchiesta denominata “Gallodoro”, condotta dai carabinieri del Ros, che hanno portato a diversi provvedimenti cautelari per associazione di stampo mafioso, omicidio, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti.
Ventuno gli imputati di cui appunto nove agrigentini. Vanno all’abbreviato Domenico Avarello, 39 anni, di Canicattì; Domenico Mangiapane, 40 anni, di Cammarata; Filippo Cacciatore, 56 anni, di Cammarata; Carmelo Conti, 46 anni, di Casteltermini; Vito De Maria, 59 anni, di Cammarata; Antonino Lattuca, 38 anni, di Agrigento; Maurizio Matraxia, 53 anni, di San Giovanni Gemini e Giovanni Valenti, 45 anni, di Favara.
Il solo Salvatore Puma, 42 anni, di Racalmuto non ha chiesto riti alternativi e il Gup di Caltanissetta lo ha rinviato a giudizio. Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta, hanno permesso di ricostruire le dinamiche interne al   mandamento di Mussomeli (composto dalle famiglie di Campofranco, Montedoro, Serradifalco, Sutera, Bompensiere), facendo luce anche sull’omicidio di Gaetano Falcone, avvenuto a Montedoro il 13 giugno 1998.
Gli investigatori   hanno documentato, inoltre, la pressione estorsiva sul territorio ai danni di imprenditori e commercianti, e appunto un fiorente traffico di sostanze stupefacenti, in cui sarebbero coinvolti alcuni degli imputati agrigentini.
Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su