Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Condanna a giornalista, chiesta audizione di pentiti

Condanna a giornalista, chiesta audizione di pentiti

Gli era stata inflitta la pena di 750 euro di multa, dal Gip del Tribunale di Agrigento Stefano Zammuto, che aveva accolto il decreto penale di condanna, perché ritenuto responsabile di diffamazione a mezzo stampa, su un articolo pubblicato su internet dal titolo “Vincenzo Calcara, ma i magistrati e i Borsellino sanno?”.  Il giornalista, Joseph Gian Morici, attraverso il suo avvocato Santino Russo, ha presentato opposizione a quel decreto, e il Gip Zammuto ha disposto a carico dell’imputato il giudizio immediato. Il processo è stato fissato davanti al giudice monocratico del Tribunale di Agrigento Micaela Raimondo, per il prossimo 24 febbraio.

La difesa di Morici ha chiesto di ammettere quali testimoni, tra gli altri: i collaboratori di giustizia Giovanni Brusca, Vincenzo Sinacori, Francesco Milazzo, Giuseppe Ferro, Antonio Patti, Pietro Bono, Carlo Zichitella, Francesco Geraci, e Fabio Savona, il questore Rino Germana’, l’attuale procuratore capo di Catania Carmelo Zuccaro, il figlio giudice Borsellino, Manfredi, e il presidente del Tribunale di Marsala Alessandra Camassa. L’accusa che viene mossa al giornalista è quella di aver descritto Calcara come “soggetto omertoso e reticente”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su