Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Processo a un boss, il testimone chiave è scomparso

Processo a un boss, il testimone chiave è scomparso

E’ sparito il rumeno Dobre Ionita, l’uomo che ha collaborato, rivelando agli inquirenti diversi particolari sulla latitanza del boss di Delia, Cesare Genova, evaso dal carcere romano di Rebibbia l’11 aprile del 2010, approfittando di un permesso premio, e catturato il 14 luglio dell’anno successivo nelle campagne fra Canicattì e Campobello di Licata.

 

L’uomo avrebbe dovuto testimoniare al processo, in corso di svolgimento davanti ai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Agrigento (presidente Wilma Angela Mazzara), nei confronti della “rete” di presunti fiancheggiatori del boss nisseno.

 

Il pubblico ministero Alessandra Russo, in aula, ha spiegato che il testimone non è stato rintracciato e probabilmente ha lasciato il territorio nazionale. L’avvocato Santo Lucia, che difende alcuni imputati, ha avanzato richiesta di acquisire il verbale delle sue dichiarazioni rese in un processo connesso.

Sul banco degli imputati, oltre allo stesso Genova, ci sono tre carabinieri, due palmesi e due agrigentini. Quest’ultimi, marito e moglie, sarebbero stati i vivandieri.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su