Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì,”gestione rifiuti poco trasparente”: Falcone chiede la revoca dell’assessore Vella

Canicattì,”gestione rifiuti poco trasparente”: Falcone chiede la revoca dell’assessore Vella

Il M5S di Canicattì chiede al sindaco Ettore Di Ventura la revoca della delega all’assessore all’Ambiente, Roberto Vella, “ritenuto inadeguato a ricoprire il ruolo”.

 

La richiesta dei grillini arriva dopo le dichiarazioni dell’amministratore durante il consiglio comunale del 7 agosto, in cui è stato affrontato il problema spazzatura e a Vella è stato chiesto se “il Comune di Licata conferisse rifiuti a Canicattì”. Per i grillini alcune dichiarazioni rilasciate in quel momento “potrebbero aprire degli scenari assolutamente gravi nella gestione dei rifiuti del nostro Comune”.

 

Fabio Falcone

“Tutto questo è molto preoccupante – sottolinea il capogruppo del M5S, Fabio Falcone – non solo non ci sono accordi scritti, ordinanze o altre autorizzazioni scritte, ma per di più l’Assessore parla di solidarietà tra Comuni, quando la tariffa per il conferimento ad Alcamo è adesso di 185 euro più il trasporto per tonnellata conferita in discarica e il Comune è in default tecnico da mesi. Tutto questo è una mancanza di rispetto per i nostri concittadini – aggiunge -per la poca trasparenza, la mancanza di rispetto delle norme alla base della gestione degli enti locali e per finire gli enormi disagi che l’accumulo di rifiuti presso il centro CAM ha comportato, con la gente costretta a tornare indietro con la spazzatura differenziata nei giorni. Tutto questo assieme all’insufficiente gestione dei turni di spazzamento, pulizie e decoro urbano, ci porta a  richiedere ufficialmente la revoca della delega all’Assessore Roberto Vella – conclude Falcone – ritenuto inadeguato a ricoprire il ruolo”.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su