Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Akragas, ennesima sconfitta e retrocessione in D matematica

Akragas, ennesima sconfitta e retrocessione in D matematica

Akragas-Virtus Francavilla 0-1

AKRAGAS (4-3-1-2): Vono; Scrugli (88′ Petrucci), Ioio, Danese, Pastore; Carrotta (78′ Bramati), Sanseverino, Navas (56′ Saita); Zibert; Dammacco (56′ Camarà), Moreo. A disp.: Lo Monaco, Moncada, Raucci, Pisani, Canale, Caternicchia, Giorgio, Minacori. All. Criaco.

FRANCAVILLA (3-5-2): Albertazzi; Maccarrone, Prestia, Agostinone; Triarico (88′ Pino), Monaco, Sicurella, Biason (73′ Folorunsho), Albertini; Anastasi (73′ Rossetti), Partipilo (88′ Madonia). A disp.: Scarafile, Saloni, De Toma, Sbampato, Demoleon, Lugo Martinez, Mastropietro, Parigi. All. D’Agostino.

Arbitro: Marco Acanfora di Castellammare di Stabia.
Rete: 6’ Anastasi.

E’ la Virtus Francavilla a firmare la condanna dell’Akragas. L’1-0 ottenuto dai pugliesi al De Simone di Siracusa certifica l’aritmetica retrocessione del Gigante e il rilancio della stessa Virtus, che ravviva le proprie speranze di playoff e rende certa la propria salvezza. I ragazzi di D’Agostino tornano alla vittoria dopo oltre tre mesi. Partita a ritmi bassi ma con diverse occasioni, che i pugliesi hanno vinto sfruttando il gol-lampo di Anastasi e l’inevitabile scoramento avversario.

Valerio Anastasi la sblocca al 7′: assist di Albertini e tocco sporco a battere Vono per il suo secondo gol stagionale. Lo stesso Vono nega il raddoppio a Biason ma, dall’altra parte, Dammacco sfiora due volte il pareggio: una respinta di Maccarrone e una parata di Albertazzi lo sventano. Nella ripresa un Akragas un po’ immalinconito prova comunque a impensierire gli avversari, però l’unica vera occasione è un tiro di Saitta terminato alto. E’ però la Virtus a tenere in mano il pallino del gioco alla ricerca del raddoppio: la chance più concreta la crea e la spreca Partipilo, a tu per tu con Vono.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su