Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Mercato immobiliare: un vero affare per chi acquista

Mercato immobiliare: un vero affare per chi acquista

Seppur a ritmi inferiori rispetto al passato, le oscillazioni dei prezzi del mattone in Sicilia sono ancora in territorio negativo. Nel terzo trimestre 2017, i costi delle case in vendita sono scesi dell’1% mentre quelli dei canoni di locazione dello 0,7%. Analizzando la media dei prezzi rilevati a settembre 2017 sull’isola, per comprare casa servono 1.332 euro al metro quadro, cifra più bassa del 17% rispetto a quanto si registra al Meridione; per l’affitto si richiedono 6,04 euro/mq, l’8% in meno rispetto al Sud Italia. Ad Agrigento, si compara in media, con 1.092 euro al metro quadro. Diciamo che per chi acquista, in questo periodo, finisce con il realizzare un vero affare.

“Nel 2016 – ci dicono Antonino e Carmelo Cuschera di Vero affare – l’abbassamento dei prezzi era nell’ordine di 11-12%, quest’anno invece ci attestiamo al 5-6%. Ma essendo ancora così bassi i prezzi si finisce con il realizzare diverse vendite. Noi abbiamo realizzato un 40% in più di fatturato e, rispetto al 2016 arriviamo al 60-70% in più. La crisi favorisce noi agenzie immobiliari, su questo non ci sono dubbi, ma la qualità immobiliare della gran parte della provincia è scarsa. Per riqualificare una palazzina, si rischia di impazzire tra documentazione e carte bollate, le spese per la burocrazia sono altre. Prendiamo Lampedusa ad esempio: ebbene non è affascinante perché molte case sono ubicate in terreni demaniali”.

Ad Agrigento, malgrado per molti i rubinetti delle banche rimangono chiusi, c’è la corsa all'”oro bad and breakfast”.

“Sono molto appetiti i vari immobili, quasi sempre da ristrutturare ricadenti all’interno della via Atenea. La gente cerca immobili da ristrutturare anche nelle vie Saponara e Neve dove si può arrivare a spendere 30-40 mila euro per strutture che sono grandi 60-80 mq. In via Saponara ci sono costruzioni risalenti al 1600, grandi 500 mq che si acquistano a 120mila euro”.

Torna cara San Leone dove i prezzi delle ville continuano nuovamente ad aumentare, mentre un appartamentino sul lungomare viene a costare 240mila euro.

“Ma la zona balneare più richiesta è quella che va dalla zona lidi di Porto Empedocle fino alle Pergole – continuano Antonino e Carmelo Cuschera – Alle Pergole si paga 3mila euro a mq, alti i prezzi anche nei pressi della Scala dei Turchi dove negli ultimi anni l’aumento è stato del 600%. Un B&B mediamente realizza 45mila euro annui con cinque stanze. Da Punta Piccola a Realmonte, quello che prendi come agenzia vendi subito a 1500 mq”.

Discorso diverso per gli affitti. Se è vero che sono in aumento, è altrettanto vero che le agenzie immobiliari sono sempre più propensi a non prenderli più in considerazione.

“Non sono molto convenienti – concludono Antonino e Carmelo Cuschera – l’ottanta per cento dei contratti dopo 2 anni va in sofferenza. Gli affittuari sono poco tutelati, lo sfratto richiede tempo e denaro. Ma è chiaro che in un momento di crisi economica, l’affitto rimane uno sfogo”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su