Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > “Dipendenti pubblici sottopagati”. UGL avvia azione legale

“Dipendenti pubblici sottopagati”. UGL avvia azione legale

“In Sicilia sono centinaia i dipendenti della Pubblica amministrazione che eseguono mansioni superiori rispetto quelle per le quali sono state assunte”. La denuncia arriva dal segretario generale del sindacato UGL Sicilia, Giuseppe Messina, che ha avviato un’azione legale.

“La qualità e la quantità del lavoro deve corrispondere per legge ad una equa retribuzione – continua – ma spesso i lavoratori di fascia A svolgono mansioni di fascia C. L’azione legale, viene dopo un tentativo invano di composizione bonaria con alcuni Comuni della Sicilia e, talvolta, con gli Assessorati regionali competenti. Trapani, Caltanissetta ed Agrigento in prima fila nella battaglia per il riconoscimento delle differenze retributive e contributive, nonché per la richiesta di adeguamento del contratto di lavoro”.

Intanto, il legale dell’UGL, Salvatore D’Angelo della sede di Trapani ha già depositato diversi ricorsi nei Tribunali siciliani.  “Nel 2020 – commenta D’Angelo – sono certo che i Tribunali riconosceranno i sacrifici dei lavoratori che per venti anni hanno lavorato per tre volte ed hanno percepito lo stipendio di chi doveva solo aprire e chiudere il cancello del proprio ufficio”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su