Tu sei qui
Home > Attualità > Agricoltura, pubblicati gli elenchi del bando “biologico” 2015.

Agricoltura, pubblicati gli elenchi del bando “biologico” 2015.

cracoliciL’assessorato regionale all’Agricoltura ha pubblicato oggi  sul sito del PSR2014/2020  gli elenchi del bando  2015 sull’agricoltura biologica.

“ Con  la pubblicazione degli elenchi del bando 2015 sull’agricoltura biologica,  in breve tempo potremo dare un sostegno forte alle aziende siciliane che scommettono su qualità e sostenibilità – afferma l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici – Con 210 milioni di euro di dotazione finanziaria questo bando rappresenta la prima misura a forte impatto economico del nuovo PSR che prevede lo stanziamento di 50 milioni di euro  da destinare alla conversione delle aziende all’agricoltura biologica e 160 milioni di euro – conclude – al mantenimento delle imprese agricole biologiche  già esistenti.”

E’ possibile scaricare online gli elenchi provinciali provvisori delle domande ammesse, non ammesse e non ricevibili.

Il bando sull’agricoltura biologica  prevede una dotazione finanziaria complessiva di 210 milioni di euro.

Le aziende interessate potranno richiedere agli Ispettorati provinciali  competenti per territorio  il riesame dei motivi di esclusione, presentando apposite memorie  entro e non oltre 15 giorni dalla data di pubblicazione degli elenchi provinciali provvisori.

Entro 45 giorni dalla pubblicazione degli elenchi provvisori sul web, gli Ispettorati Provinciali per l’Agricoltura, dopo avere esaminato le  eventuali memorie difensive, predisporranno gli elenchi definitivi delle domande ammesse ed escluse che verranno trasmessi al Dipartimento Regionale per l’Agricoltura, per procedere alla stesura dell’elenco regionale delle domande ammesse e alla pubblicazione sul sito del PSR 2014/2020.

Dopo l’espletamento dei controlli da parte dell’Organismo pagatore Agea, verrà approvato con provvedimento del Dirigente Generale l’elenco definitivo degli ammessi e degli esclusi che sarà registrato alla Corte dei Conti e successivamente pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su