Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Campobello di Licata > Campobello di Licata. Revocata libertà vigilata al presunto boss Ignazio Accascio

Campobello di Licata. Revocata libertà vigilata al presunto boss Ignazio Accascio

cascio ignazioIl tribunale di Agrigento ha revocato la misura cautelare della libertà vigilata a Ignazio Accascio, 74 anni, non ritenendolo più soggetto “socialmente pericoloso”.

Loading...

Accascio, ritenuto il presunto capomafia di Campobello di Licata, venne arrestato nell’operazione Ghost 2, a seguito della quale fu condannato a 10 anni per associazione mafiosa ed estorsione. In particolare era ritenuto l’uomo di fiducia dell’ex Primula Rossa campobellese, Giuseppe Falsone, arrestato dopo 11 anni di latitanza, dalla polizia a Marsiglia, in Francia. Con Accascio nel giugno del 2006 erano state arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Agrigento altre nove persone tra cui l’allora sindaco di Campobello, Calogero Gueli, poi scagionato da tutte le accuse.

La decisione del giudice, Federico Romoli, di revocare la misura cautelare al 74enne scaturisce dall’età avanzata dell’uomo e dai comportamenti irreprensibili tenuti negli ultimi anni.

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su