Undici passeggeri hanno perso in un incendio di un traghetto in Grecia

L’Euroferry Olympia aveva a bordo 239 passeggeri e 51 membri dell’equipaggio quando ha preso fuoco a nord-est dell’isola di Erica, vicino a Corfù, portando all’evacuazione.

I vigili del fuoco greci hanno confermato alla CNN che due passeggeri che erano rimasti intrappolati sul traghetto per diverse ore sono stati soccorsi e trasportati in aereo a Corfù venerdì pomeriggio.

Non sono ancora note le condizioni dei passeggeri maschi e stranieri.

La guardia costiera greca ha dichiarato in un comunicato che gli uomini sarebbero stati portati in ospedale.

La ricerca prosegue per trovare 11 passeggeri dispersi: otto stranieri e tre greci.

La guardia costiera greca ha detto che inizialmente sono state salvate 278 persone, incluso un individuo che non era nell’elenco ufficiale dei passeggeri.

Secondo Reuters, la maggior parte dei passeggeri è salita a bordo di navi di soccorso ed è stata portata nella vicina isola di Corfù, dove è stata poi registrata.

Un passeggero salvato è arrivato venerdì al porto di Corfù, dopo che centinaia di persone sono state evacuate dalla nave.

La nave batteva bandiera italiana ed era in viaggio da Igoumenitsa, nella Grecia nord-occidentale, a Brindisi, nell’Italia meridionale, quando ha preso fuoco.

La Guardia Costiera ha ricevuto una chiamata per l’incendio sulla nave intorno alle 4:30 ora locale.

Un portavoce di Grimaldi Lines, il proprietario di Euroferry Olympia, ha detto a Reuters che mentre la causa dell’incendio era sotto inchiesta, c’erano indicazioni che fosse iniziato all’interno della stiva della nave.

Un video pubblicato sul sito di notizie greco Proto Thema mostrava il traghetto di 183 metri in fiamme in mezzo a pennacchi di fumo. La festa del lavoro risuonava dagli altoparlanti.

La stazione pubblica greca ERT ha mostrato immagini dal vivo di barche che trasportavano passeggeri ed è arrivata al porto di Corfù.

READ  La guerra in Ucraina. Olena Zelenska ha scritto una lettera aperta ai media

Parlando all’ERT, il direttore dell’ospedale di Corfù Leonidas Rubatis ha confermato che tre passeggeri con ferite lievi sono stati portati a scopo precauzionale e che anche il bambino doveva essere esaminato a scopo precauzionale.

Nel 2014, 10 persone sono state uccise quando si trattava di un’auto che trasportava 466 passeggeri e membri dell’equipaggio ha preso fuoco Durante la navigazione dalla Grecia all’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.