Sei persone sono state dichiarate morte dopo il disastro dell'American Bridge

Le operazioni di salvataggio riprenderanno mercoledì mattina.

Martedì sera la Guardia costiera ha dichiarato che, a causa della temperatura dell'acqua e del tempo trascorso dal disastro, “non si aspetta di trovare vivo nessuno dei dispersi”.

In seguito alla tragedia, otto lavoratori che eseguivano lavori stradali sono caduti quando la nave portacontainer Maersk-Daly ha colpito la spalla del ponte nel fiume Patapsco, ha annunciato in precedenza nel corso della conferenza Paul Wedefeld, capo del Dipartimento dei trasporti del Maryland. Due di loro sono stati salvati, uno di loro è ricoverato in ospedale.

Fare È successo il disastro Intorno all'1:30, dal lunedì al martedì, la nave portacontainer Daly, che batteva bandiera di Singapore verso lo Sri Lanka, si è scontrata con un ponte. La parte sospesa del ponte è crollata completamente e una parte di essa è crollata sulla nave parcheggiata. Il ponte, che prende il nome dall'autore del testo dell'inno nazionale americano, Francis Scott Key, fu costruito nel 1977 ed era uno dei principali valichi di Baltimora. Secondo Bloomberg la sua ricostruzione potrebbe costare almeno diversi miliardi di dollari.

READ  Le scioccanti parole di Donald Trump sull'Ucraina nella NATO. "Quest'uomo inizierà una guerra." Notizie da tutto il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto