Quando sarà il primo telefono del bambino? Uno smartphone è un buon regalo per la prima comunione?

L’83% dei bambini polacchi dai 7 ai 14 anni possiede già un telefono cellulare. – Sappiamo che molto spesso ricevono il primo smartphone durante la prima comunione – ammette Marta Wojtas del centro di consulenza “Bambini in rete” in un’intervista a tvn24.pl. Ma l’esperto mette in guardia da questo. Magdalena Bigaj, presidente della Fondazione Digital Citizenship Institute, ha un’opinione simile. Allora quando dovresti dare a tuo figlio il suo primo telefono? Di quali rischi dovresti essere consapevole? Spieghiamo.

I rischi associati all’uso degli smartphone da parte dei bambini sono molti. – Questo è un dispositivo che ha molte funzioni. Innanzitutto ha una connessione diretta a Internet. Regalandolo a un bambino apriamo una finestra sul mondo intero. Tutto può succedere in questa finestra – sottolinea Marta Wojtas, coordinatrice del centro di consulenza “Child on the Web” della Fondazione per l’empowerment dei bambini (FDDS), in un’intervista a tvn24.pl. L’esperto sottolinea, tra le altre cose, una potenziale minaccia: la capacità dei bambini di stabilire relazioni con estranei. -Sappiamo che i bambini incontrano nuove persone online e si fidano di loro. Dice che spesso li incontrano più tardi.

– Più il bambino è piccolo, più è esposto a certe cose che non comprende appieno, ma di cui si fida completamente. Aggiunge che potrebbero non essere abbastanza maturi per comprendere appieno che le conseguenze di alcuni comportamenti potrebbero essere gravi, o che potrebbero diventare vittime di un crimine o addirittura commettere un crimine loro stessi.

Lo specialista segnala anche un’altra “trappola molto importante”. -Lo smartphone è un dispositivo molto interattivo e attraente. Passiamo molto tempo con lui. Spesso diventa una sorta di fuga dalla realtà o un modo per calmare le emozioni. Bisogna stare molto attenti anche a questo, avverte.

READ  Hogwarts Legacy - Un gioco di 15 minuti che racconta la storia e rivela la data di uscita. Potter, cosa stavamo aspettando?

Quando regalare a tuo figlio il primo smartphone?

Allora qual è l’età giusta per il tuo primo smartphone? Come nota Magdalena Bigaj, “non esistono raccomandazioni chiare da parte della comunità medica” su questo argomento. Tuttavia, il fondatore e presidente della Fondazione Istituto Cittadinanza Digitale suggerisce di rinviare questo “almeno fino alla quinta o sesta elementare, quando il bambino comincia a essere più indipendente e più maturo emotivamente”.

Il terapista della clinica “Bambini in Internet” FDDS ha un’opinione simile. Cita i risultati di una ricerca condotta negli Stati Uniti, secondo la quale “gli smartphone dovrebbero essere disponibili per i bambini a partire dai 14 anni circa”. – Questi studi hanno dimostrato che solo allora i bambini saranno abbastanza maturi per utilizzare un dispositivo del genere in modo sicuro e capire cosa sta succedendo al suo interno – dice.

Vedi anche: Bambini su Internet. Un bambino sicuro è colui che si rende conto di non sapere ancora tutto

Come controlli l’uso del telefono di tuo figlio?

Gli interlocutori di tvn24.pl sottolineano all’unanimità l’importanza di preparare adeguatamente il bambino all’utilizzo del nuovo dispositivo e di controllare il modo in cui lo utilizza. – La cerimonia di premiazione dovrebbe essere preceduta da una conversazione e dalla definizione di regole di igiene digitale – afferma Magdalena Bejaj. Aggiunge che le regole di igiene digitale dovrebbero essere adeguate all’età e applicarsi a tutti i membri della famiglia. Come nel caso dell’alimentazione sana, anche in questo caso i genitori dovrebbero fungere da modello, sottolinea. Non priviamo nostro figlio dei dolci mangiando cioccolato davanti a lui, giusto? – Conferma.

Marta Wojtas sottolinea la necessità di specificare un arco temporale durante il quale è consentito l’utilizzo del dispositivo. Questi tipi di confini non sono divertenti per i giovani. Tuttavia, sono importanti. Riuscire a mettere giù il telefono è difficile, anche per gli adulti, ma molto importante – spiega lo specialista. Aggiunge che è importante anche che il tutore accompagni il minore nell’uso del telefono in modo che sia consapevole di come lo utilizza.

READ  Tappetino in nanofibra. Saranno lo scudo della nuova generazione

Vedi anche: Un adolescente su tre si sente ansioso senza uno smartphone in mano. “Stanno ripetendo il comportamento degli adulti.”

Controllo parentale e blocco dei social media

I cosiddetti possono aiutare a creare questa consapevolezza e proteggere tuo figlio da contenuti pericolosi. Sorveglianza dei genitori. Si tratta di software che consentono, tra le altre cose, di bloccare l’accesso a siti Web specifici, filtrare i risultati della ricerca nei motori di ricerca online, verificare quali applicazioni utilizza un bambino o impostare un limite di tempo durante il quale il bambino può utilizzarle. Magdalena Bigaj suggerisce che nel caso dei bambini sotto i 13 anni si dovrebbe bloccare anche l’accesso ai social media, secondo le cui norme, per creare un account, è necessario essere maggiorenni.

– Per un corretto sviluppo, un bambino non ha bisogno di un telefono o di un altro schermo, ma ha bisogno di quante più esperienze possibili al di fuori di Internet, degli incontri con gli altri, del gioco libero e persino della noia. Inoltre, per utilizzare lo schermo, il bambino non deve necessariamente avere subito il proprio dispositivo. Entro i limiti stabiliti può giocare a giochi adatti alla sua età o utilizzare l’attrezzatura dei suoi genitori, ovviamente sotto supervisione – conclude Magdalena Bigaj. – Sottolinea che l’ingresso nel mondo digitale deve avvenire gradualmente e non gettando le persone nel profondo.

“Smartphone? Sì, ma con la testa!” un report

Come indicato nel rapporto “Smartphone? Sì, ma con saggezza!” Secondo lo studio Projekt PL e l’Istituto Bokolinia, l’83% dei bambini polacchi tra i 7 ei 14 anni possiede già un telefono cellulare. Per la maggior parte è uno smartphone.

READ  Tensione durante la conclusione di "Love Asylum". "È tra le braccia di un'altra donna"

Dalla ricerca presentata nello studio emerge che quasi la metà dei bambini di età compresa tra 9 e 12 anni porta sempre con sé questo dispositivo da casa. Oltre il 46 per cento di loro ha dichiarato di avere lo smartphone acceso durante le lezioni. Quasi il 18% dei partecipanti ha ammesso di usarlo durante i pasti, mentre poco più del 17% ha ammesso di tenerlo a portata di mano mentre dorme.

Per quanto riguarda gli adolescenti, queste percentuali sono più alte. Le persone di questa fascia di età trascorrono in media più di tre ore al giorno navigando sul web con il cellulare. Più della metà di loro dichiara la necessità di ridurre questo tempo. Nel frattempo, più del 37,5% ha ammesso di averci provato, ma senza successo, secondo la ricerca citata dagli autori dello studio.

Leggi anche: I giovani trascorrono lunghe ore davanti agli schermi dei telefoni. Il crescente problema della dipendenza

Fonte immagine principale: Lotta azionaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto