Notizie – Scienza – Università Jagellonica

“Il mondo come lo conosciamo sta andando avanti, ma il passato è la chiave per il futuro” è una citazione dal gioco per computer “The Witcher 2: Assassins of Kings”, che può essere applicata anche alla geologia. Il dottor Happ scrive dell’importanza della ricerca sulla storia della vita sulla Terra nel prevedere gli scenari di evoluzione della biosfera e nel prevenire o limitare future crisi biotiche. Boguslaw Kolodziej, prof. Istituto dell'Università Jagellonica di Geoscienze.

Quando cerchiamo su Internet la frase “il passato è la chiave per il futuro”, i motori di ricerca ci rimandano, tra le altre cose, a una citazione dal gioco per computer “The Witcher 2: Assassins of Kings”: “Il mondo come sappiamo che sta passando, ma il passato è la chiave per il futuro”. Tuttavia, molto raramente, a differenza della ricerca della versione inglese di questa frase (“Il passato è la chiave per il futuro“), i motori di ricerca puntano a siti relativi alla geologia.

Uno dei principi fondamentali della geologia è più noto: “Il presente è la chiave del passato”. Il principio del realismo presuppone che nel passato geologico prevalessero processi fisici e chimici (e quindi geologici) simili a quelli attuali. Tuttavia, dobbiamo ricordare che, sebbene le leggi della fisica e della chimica in passato fossero le stesse di oggi, i processi geologici spesso avvenivano in condizioni diverse da quelle odierne. Sulla Terra primordiale, questi processi avvenivano in un’atmosfera priva di ossigeno. Tuttavia, nel periodo Carbonifero, il livello di ossigeno nell’atmosfera era molto più alto di oggi, il che si ritiene abbia contribuito all’evoluzione degli insetti giganti (Immagine 1). Anche le relazioni vitali erano diverse in passato. Un esempio è l'evoluzione delle angiosperme (le piante da fiore sono documentate solo a partire dal Cretaceo), che favorirono l'evoluzione degli insetti. In questo contesto, è anche possibile studiare come sono cambiati i costruttori delle barriere coralline e il ruolo e l’importanza dei diversi gruppi che vivono sulle barriere coralline (vedi gli articoli “L’evoluzione delle barriere coralline, o teatro delle barriere coralline” e “Re Carlo comprerà le perle della regina?”).

READ  Visita di una delegazione del Ministero della Scienza e dell'Istruzione Superiore in Australia e Nuova Zelanda - Ministero della Scienza e dell'Istruzione Superiore

Lo slogan di uno dei convegni di paleontologia organizzati dall’Istituto di Geoscienze dell’Università Jagellonica era: “Realismo e antirealismo in paleontologia”. Ciò non significa che lo studio degli ecosistemi non attuali della Terra antica (che sono specifici laboratori naturali del passato) non sia importante per comprendere il funzionamento della biosfera odierna.

Lo slogan “Il passato è la chiave del futuro” (“Il passato è la chiave per il futuro“) ha guadagnato popolarità negli ultimi anni. La documentazione fossile dei cambiamenti ambientali a lungo termine consente di prevedere, ad esempio, le conseguenze degli attuali cambiamenti climatici. La conoscenza dell'impatto dei cambiamenti ambientali (non solo climatici, ma anche altri, ad esempio cambiamenti ) sulla nutrizione e sui cambiamenti dell'ossigeno e dell'acqua A livello dell'oceano) fornisce una prospettiva geologica puntuale) per comprendere gli effetti dei cambiamenti ambientali in atto e prevedere scenari di sviluppo per singoli ecosistemi (ad esempio barriere coralline) e per l'intera biosfera. conseguenze delle crisi ambientali del passato, che hanno portato, tra le altre cose, alle cinque principali estinzioni nella storia della Terra (“I Big Five“) è di grande importanza per prevenire o ridurre future crisi biologiche. Alcuni scienziati ritengono che la sesta estinzione sia già iniziata.

Infine, vale la pena citare “Il simbolo perduto” di Dan Brown: “Il passato è la chiave per il futuro della scienza” (tradotto da Z. Kosyuk). È vero, non si trattava di geologia.

Puoi conoscere la storia dello sviluppo della vita sulla Terra visitando Centro di Educazione alla NaturaY.

Dottorato di ricerca Boguslaw Kolodziej, prof. U.G
Istituto di Scienze Geologiche
Facoltà di Geografia e Geologia

La nota è stata pubblicata anche sul sito web dell'Istituto di Geoscienze dell'Università Jagellonica, dove vengono pubblicati articoli scientifici divulgativi della serie #GET TO KNOW THE WORLD – ing.uj.edu.pl/poznajswiat.

READ  Gli scienziati si stanno rendendo conto che una ricorrente e misteriosa esplosione radiofonica dallo spazio sembra stranamente familiare
    Una ricostruzione della foresta del Carbonifero è esposta presso il Centro di Educazione Naturale dell'Università Jagellonica

Immagine 1. Ricostruzione di una foresta carbonifera contenente felci arboree, libellule giganti e millepiedi. Altri diorami contenenti ricostruzioni illustrative di ambienti fossili possono essere visionati presso il Centro di Educazione Naturalistica dell'Università Jagellonica. cep.uj.edu.pl/wystawy/historia-zycia-na-ziemi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto