Marinai solitari sull’onda digitale. Questo dovremmo impararlo tutti: bambini e anziani, marinai solitari dell’onda digitale

L’educazione digitale dovrebbe includere tutti, dai bambini dell’asilo agli anziani.

Non molto tempo fa non esistevano gli smartphone, i social network, l’online banking, la messaggistica istantanea e tanto meno il cosiddetto cloud. Ma oggi queste comodità sono diventate così comuni che connettersi al mondo digitale è diventato praticamente inevitabile. Che ci piaccia o no, dobbiamo prepararci all’uso consapevole degli strumenti imposti dall’attuale ondata di rivoluzione industriale. – Una società responsabile non può ignorare le lacune nelle competenze digitali – afferma la Dott.ssa Justina Jasiewicz del team Public Sector Digital della società di consulenza PricewaterhouseCoopers. – Attualmente sono trattati allo stesso modo con la capacità di scrivere, contare e avere almeno una comunicazione di base in una lingua straniera. Senza queste competenze è impossibile lavorare in modo efficiente, poiché sempre più attività si spostano online, tra cui lavoro, intrattenimento e istruzione.

Lo abbiamo visto durante la pandemia, scoprendo i vantaggi del commercio online e dei cosiddetti profili fidati che ci permettevano di connetterci a quasi tutti gli uffici da remoto. La pandemia ha cambiato l’istruzione, offrendo agli adulti in molte professioni lavoro a distanza. Ha inoltre spinto l’Unione Europea ad adottare un programma di trasformazione digitale. Ciò presuppone che entro il 2030, l’80% della popolazione di ciascuno Stato membro avrà almeno competenze digitali di base. Ciò significa che potrai fare acquisti online o cercare informazioni. È possibile misurare i progressi – o la loro mancanza – e la Commissione Europea utilizza l’indice DESI per misurare lo stato dell’economia digitale e della società digitale.

Nella categoria “competenze digitali fondamentali”, la Polonia si colloca al terzultimo posto; Meno di un terzo dei cittadini possiede queste competenze. In Finlandia e nei Paesi Bassi la percentuale è pari a circa l’80%. È interessante notare che, nonostante l'87%, solo il 54% degli europei di età compresa tra 16 e 74 anni utilizza Internet regolarmente. Ha queste competenze. Ciò significa che una parte del restante 33% brancola di fronte a una realtà ostile. – Non importa la nostra età, siamo trattati come un gioco online sfrenato e corriamo il rischio di essere tracciati, profilati e sfruttate le nostre vulnerabilità psicologiche. – afferma Katarzyna Šimelejevic della Fondazione Panoptykon, che lotta per i diritti delle persone nel mondo digitale.

offerta speciale

Opinione di un esperto

Malena Jankowski, direttrice del team del servizio pubblico digitale di PwC Polska

READ  Giornate giubilari del Centro nazionale delle scienze – nel mese di maggio a Bydgoszcz

Lo sviluppo dinamico dell’intelligenza artificiale generativa (GenAI) sta cambiando le regole del gioco nel mercato del lavoro, costringendo i leader a ripensare le proprie strategie di sviluppo delle competenze nei settori pubblico e privato. L’edizione polacca del 27° sondaggio sui CEO indica che senza un grande cambiamento nel modello di business, fino al 45% dei CEO è preoccupato per la futura redditività della propria azienda. Al contrario, il 56% identifica le tecnologie, in particolare la GenAI, come un fattore chiave di cambiamento che può ridurre i livelli di occupazione e aumentare l’efficienza aziendale. Al contrario, il 69% dei leader si aspetta che GenAI cambi le competenze richieste ai dipendenti entro tre anni, concentrandosi sulla mancanza di competenze come ostacolo allo sviluppo. Sebbene i dipendenti siano scettici riguardo al fatto che GenAI aumenti l’efficienza lavorativa nel breve termine, lo vedono come un potenziale per la loro carriera. Il rapporto Global Workforce Hopes and Fears Survey 2023 di PwC mostra che i dipendenti sono aperti all’apprendimento di nuove competenze, nonostante la mancanza di chiarezza sul futuro dei loro ruoli. Gli specialisti comprendono la necessità di uno sviluppo continuo per stare al passo con le mutevoli esigenze del mercato. Preparare i dipendenti per il futuro richiede che i leader non solo riconoscano e affrontino le loro preoccupazioni, ma anche costruiscano una strategia basata sulla collaborazione e sull’impegno nel processo di cambiamento. Diventa cruciale comunicare la visione, sostenere l’apertura a nuove competenze e coinvolgere i team nel dare forma al futuro del lavoro. I manager dovrebbero concentrarsi sulla creazione di fiducia nella tecnologia e sulla progettazione di percorsi di carriera basati sulle competenze per sfruttare il potenziale di GenAI come strumento di sviluppo per organizzazioni e dipendenti.

Materiali in collaborazione commerciale con PwC Polska

Non si tratta di trasformare un agricoltore in uno specialista IT

Il deficit polacco può essere spiegato con il percorso di sviluppo. Inizialmente si è investito nelle infrastrutture, stanziando ingenti fondi per lo sviluppo della rete a banda larga, e poco si è speso per lo sviluppo delle competenze dei cittadini – tranne forse per gli anziani, che beneficiano di numerosi programmi di rivitalizzazione digitale. L'infrastruttura è stata realizzata, ma molti gruppi la utilizzano ancora in misura limitata, pur avendo accesso alla rete.

Fondamentale è un atteggiamento positivo nei confronti dei gadget, che dovrebbe andare di pari passo con l'accesso alla rete e uno smartphone in tasca -Justyna Jasiewicz sottolinea e indica una ricerca che fornisce informazioni sulle ragioni per non utilizzare strumenti digitali. – In passato si notava anche un aumento dei prezzi delle attrezzature, ma in seguito l’importanza di simili barriere rigide cominciò a diminuire e il ruolo delle barriere morbide aumentò. Le risposte sono state: non so come usare Internet, non c'è niente di interessante, ho paura dei contenuti di Internet, ci sono molte minacce nascoste nei miei confronti. Oggi questi fattori sono principalmente responsabili dell’utilizzo passivo e limitato della rete. Ciò include: Questo è il motivo per cui i piccoli imprenditori, ad esempio, non utilizzano applicazioni che consentirebbero ai loro clienti di prenotare appuntamenti da remoto e li aiuterebbero a promuovere servizi o monitorare le attività dei loro concorrenti..

Un altro motivo è la mancanza di specialisti IT, ovvero di persone che abbiano familiarità con la sicurezza informatica, con l’elaborazione di grandi quantità di dati, con lo spostamento di servizi e dati nel cosiddetto cloud, con le vendite online e con il marketing su Internet. I programmatori sono ancora richiesti. – Attualmente l’intelligenza artificiale non può sostituirlo, e probabilmente non lo farà completamente in futuro – prevede il dottor Jasiewicz. La Commissione Europea prevede che nel 2030, 20 milioni di specialisti con competenze digitali molto elevate lavoreranno nell’Unione Europea, mantenendo i cosiddetti. Equilibrio di genereE quindi anche attivando le donne in questo campo. Oggi ci sono solo 10 milioni di professionisti di alto livello e, se verranno mantenute le attuali opportunità formative, entro la fine del decennio ce ne saranno al massimo 12 milioni, quindi è necessario accelerare il ritmo.

READ  USA/Scienziati: Il caffè più amato al mondo ha 600mila anni. Anni

La Commissione utilizza graficamente l'esempio del traffico stradale. Gli utenti comuni sono conducenti che percorrono le strade senza sapere come riparare gli ammortizzatori o costruire ponti. Questo è ciò che fanno gli specialisti. Ma i conducenti vengono formati e in una certa misura anche testati. E gli utenti della rete? – L’educazione digitale dovrebbe includere tutti, dai bambini dell’asilo agli anziani. Ma questo non trasformerà ogni “agricoltore in uno specialista informatico” né farà sedere i bambini per ore davanti agli schermi – dice la dottoressa Justina Jasiewicz. Piuttosto, il punto importante è che i genitori e il personale della scuola materna siano preparati a fornire contenuti nella quantità e qualità adeguate per i bambini più piccoli.

Chatta con uno sconosciuto

Si tratta anche di spostare online le pratiche quotidiane. Se insegniamo ai bambini che non dovrebbero lasciare entrare estranei nelle loro case e che non dovrebbero salire in macchina con uno sconosciuto, dovremmo anche insegnare loro che non dovrebbero chiacchierare con gli estranei. Se non potete prendere in giro il vostro amico, non dovreste registrare video offensivi e inviarveli a vicenda. – Se vogliamo davvero introdurre i giovani in questo ambiente, dobbiamo prepararli bene ad affrontare le minacce – dice Katarzyna Chmelewicz. – La base è sviluppare un atteggiamento critico nei confronti della tecnologia. I bambini imparano rapidamente come utilizzare gli apparecchi, che sono intenzionalmente progettati per essere controllati in modo intuitivo. I bambini impareranno da soli a fare clic e persino a programmare in modo efficiente, ma hanno bisogno di altre competenze. A causa della “profonda immersione” è difficile per loro mantenere la distanza e l’indipendenza dal mondo della tecnologia, il che porta alla dipendenza, a problemi psicologici e alla caduta in crisi. Katarzyna Šimelević parte dal presupposto che un'adeguata educazione mediatica dovrebbe essere compito dell'intero sistema, con la partecipazione dei genitori e, se necessario, anche degli psicologi.

READ  Gli scienziati dell'Università della Tecnologia di Varsavia sono coinvolti nel lavoro su una nuova batteria europea

L’istruzione limitata a fornire istruzioni su come utilizzare il dispositivo, né a distribuire laptop agli alunni di quarta elementare, non sarà sufficiente. Ciò è avvenuto all'inizio del corrente anno accademico. Contrariamente alle voci che parlano di “usurpare la ricerca sulla digitalizzazione e monitorarne i progressi”. Gli esperti suggeriscono invece un sostegno mirato, perché c'è un gruppo di bambini provenienti da famiglie numerose che soffrono di problemi economici e soffrono di esclusione. Gli studenti con bisogni elevati dovrebbero essere particolarmente supportati e dovrebbero ricevere attrezzature adeguate per le persone con problemi di vista, con problemi di udito o con problemi di sviluppo non neurologico.

Il Ministero della Digitalizzazione conferma che preparerà una strategia per la digitalizzazione della Polonia entro la fine dell'anno. Si concentra inoltre costantemente sulle questioni relative alla sicurezza e all’igiene digitale. In modo che il cittadino possa determinare la discendenza ed evitare le conseguenze di un eccessivo attaccamento a Internet o allo smartphone. Inoltre, il ministro degli Affari digitali, Krzysztof Jaukowski, consiglia di compiere piccoli passi per costruire abitudini sane e trovare sempre più tempo per le attività offline.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto