L'Ucraina ha un grosso problema? I russi usano missili speciali

Le autorità russe hanno deciso qualche tempo fa di portare l’economia in modalità bellica. Sebbene questo non offra benefici misurabili sotto alcuni aspetti, in termini di produzione di munizioni ci consente di raggiungere i nostri obiettivi.

Le fabbriche russe lavorano 24 ore su 24 e sono in grado di produrne circa 250.000. Un proiettile di artiglieria al mese, ovvero circa 3 milioni di proiettili all'anno. I risultati ottenuti dagli stabilimenti negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei sono molto peggiori.

Insieme sono in grado di produrre Per l'Ucraina solo 1,2 milioni di proiettili di artiglieria all'anno.

Il resto dell'articolo è sotto il video

L’esercito russo ha bisogno, tra le altre cose, di missili anticarro per combattere i carri armati. I russi non nascondono che cercano soprattutto i missili Abrams, che gli ucraini ricevono dai loro partner statunitensi.

L'esercito ucraino ha sofferto Finora sono state confermate solo tre perdite su 31 veicoli americani.

L'M1A1 Abrams dispone di un pregevole sistema di mira che gli permette di individuare il nemico anche da una distanza di 8 chilometri. Tuttavia, alla fine, gli ucraini cambiarono tattica e mandarono i veicoli al fronte, dove dovettero affrontare uno scontro diretto con i russi, per i quali i veicoli americani erano uno dei loro obiettivi prioritari.

M1A1 Abrams in Ucraina. Che tipo di attrezzatura è questa?

L'M1A1 Abrams è il carro armato più antico utilizzato dall'esercito degli Stati Uniti. È una versione migliorata del carro armato principale Abrams. La General Dynamics Land Systems (GDLS) ha prodotto il primo M1A1 nel 1985.

Il serbatoio era diverso dal suo predecessore Tra le altre cose ci sono un sistema di sospensione migliorato, un cambio modificato, una migliore armatura e un supporto per la torretta riprogettato. Oggi nessuno dubita che sia il carro armato più potente del mondo. L'Ucraina ha ricevuto macchine ulteriormente modernizzate e migliorate.

READ  TVP World torna in onda. Chi è il nuovo capo del canale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto