Liz Cola: L’intelligenza artificiale mi ha fatto sentire come Woody in Toy Story

Nel suo fumetto virale ha parlato del suo difficile rapporto con l’intelligenza artificiale. Se gli artisti saranno costretti a lasciare la loro professione è un grande punto interrogativo, dice Liz Cola, e abbiamo parlato con lui di ciò che odia di più dell’intelligenza artificiale e di quali dei suoi “fiori” gli sembrano divertenti o promettenti.

  • Alec Morawski, conosciuto con lo pseudonimo di Les Kula, è un famoso pittore polacco. Oltre a numerose collaborazioni di successo con marchi, ha anche creato copertine per diversi album hip-hop polacchi
  • Nella sua ultima commedia ha affrontato il tema dell’intelligenza artificiale e ha parlato del suo difficile rapporto con questo strumento. Ricorda tra l’altro: il momento in cui, ancora a scuola, confidò a un amico la sua paura che l’intelligenza artificiale potesse un giorno sostituire gli artisti nel loro lavoro
  • “Nel mio fumetto volevo concentrarmi maggiormente sulle emozioni e sulla sfera umana della fatica, sulla ricerca di significato e motivazione, da cui l’intelligenza artificiale potrebbe essere disturbata, forse non necessariamente intenzionalmente”, dice.

Possiamo conoscere la linea caratteristica di Lisa Cooley non solo dai suoi murales, dalle copertine degli album rap e dalle collaborazioni con i marchi, ma anche dalle illustrazioni incluse in qualche modo. Nella sua mostra “2410” nel 2017, ha presentato la sua visione di una storia alternativa della Polonia, dove 1.000 anni dopo la battaglia di Grunwald, il nostro paese è diventato una potenza mondiale. Nel 2024, Alec Murawski ha condiviso una storia più personale con i suoi follower. Ha pubblicato un video racconto su Instagram raccontando il suo difficile rapporto con l’intelligenza artificiale, durato più di 15 anni.

Abbiamo parlato con Alec della sua posizione sull’intelligenza artificiale, di cosa ne pensano i suoi amici artisti e di quali vantaggi vede nella tecnologia in rapida evoluzione.

Maciej Wirnio: Quando è stata la prima volta che hai avuto davvero paura dell’intelligenza artificiale?

Alec Murawski: Ancor prima che i generatori di immagini AI di Midjourney o DALL-E festeggiassero le loro prime vittorie, il mondo impazzì per un momento per l’app russa Prisma, che applicava filtri AI grafici alle immagini. Forse non sono in molti a ricordarlo più, ma nel 2016 c’è stato un enorme boom e i social media sono stati inondati di selfie modificati per assomigliare a dipinti ad olio o acquerelli. L’effetto non è stato particolarmente impressionante, ma è stato abbastanza potente da ingannare alcune persone su Internet facendole credere di avere a che fare con qualcosa realmente disegnato da un essere umano. Poi la spia si è spenta e ho iniziato ad analizzare quale fosse effettivamente la mia professione e perché le persone ne avessero bisogno.

READ  Hai cattivo gusto nei film? Potrebbe essere colpa della tua mente

A quali conclusioni sei giunto?

Come illustratore che realizza molti progetti pubblicitari, a volte realizzo illustrazioni molto letterali che rispondono al brief che mi è stato assegnato e non sempre lascio spazio a espressioni più penetranti e poetiche. Se dovessi realizzare un’illustrazione per la pubblicità di un hot dog in una stazione di servizio, ci sono buone probabilità che il cliente voglia che disegni una bellissima linea di panini con hot dog sullo sfondo della sua stazione, aggiunga alcuni motivi colorati e voilà. Anche a quel punto era ostinatamente possibile fare qualcosa del genere in Prisma. Certo, ridurre il lavoro di un illustratore a qualcuno che “pubblica belle foto” è una forzatura, e quando ho sollevato la questione della fine della mia carriera sulla mia pagina Facebook, altri illustratori mi hanno detto che il mio panico era un po’ esagerato.

Anche le loro opinioni non sembrano rassicurarti

Ricordo che scorrevo con entusiasmo Instagram, vedevo amici a caso pubblicare cani o gatti o foto delle loro gambe con l’oceano sullo sfondo e pregavo silenziosamente che questa tecnologia smettesse di svilupparsi. C’è stata un’intera discussione sul fatto che lo sviluppatore dietro questa app abbia salvato tutte le immagini caricate dagli utenti e le abbia utilizzate per addestrare il suo modello. Oggi ce ne sono molti e l’interfaccia delle applicazioni è così semplice che può essere utilizzata da quasi chiunque abbia uno smartphone in mano. I modelli si stanno evolvendo a un ritmo sorprendente e possono effettivamente imitare perfettamente il lavoro di ogni artista del pianeta se ricevono dati sufficienti.

Il resto del testo lo trovate sotto il video

Pensi davvero che questi artisti possano essere messi da parte a favore di motivatori che copiano le loro immagini? Non dai una risposta chiara nello storyboard.

Se gli artisti saranno costretti a lasciare la loro professione è un grande punto interrogativo. Tuttavia, c’è sicuramente una significativa destabilizzazione del mercato, che prima dell’introduzione dei generatori di intelligenza artificiale non era particolarmente favorevole ai liberi professionisti. Nel mio fumetto, volevo concentrarmi maggiormente sulle emozioni e sul dominio umano della fatica, sulla ricerca di significato e motivazione, che è qualcosa da cui l’intelligenza artificiale potrebbe essere turbata, forse non necessariamente intenzionalmente.

Anche mettendo da parte per un momento l’intelligenza artificiale, lo sviluppo della tecnologia negli ultimi anni avrebbe potuto essere un incentivo per i fumettisti cresciuti utilizzando gli strumenti tradizionali.

Quando ho iniziato la mia avventura con le illustrazioni, la gente sentiva ancora che sfruttare i vantaggi delle tecnologie digitali, Photoshop, tavolette grafiche, ecc., era una sorta di scorciatoia. Ricordo, con un senso di superiorità, di aver cercato di spiegare al mio professore universitario che creare illustrazioni in Photoshop era un percorso ovvio nel settore perché aiutava ad aumentare la produttività e rendeva più facile apportare correzioni. Sono passati alcuni anni e oggi mi sento un po’ come Woody di Toy Story, che si sente frustrato e arrabbiato alla vista di Buzz Lightyear, il nuovo giocattolo di Andy – forse non necessariamente intelligente e intelligente, ma ben confezionato, con tante fantastiche funzionalità. Pulsanti e laser.

READ  un test. Riesci a identificare tutti i re della Polonia? Il campione della storia otterrà il 100%.

In Toy Story, alla fine della storia, Buzz e Woody diventarono buoni amici, e quando postai il mio fumetto sulla mia pagina personale, anche mia nonna mi suggerì in un commento che potevo scusarmi con questa tecnologia perché poteva essere utile in la mia vita. professione. Sulla carta ha molto senso, ma non sono del tutto convinto di poter trarre vantaggio da questa rivoluzione, almeno non a lungo termine. Ciò andrà sicuramente a vantaggio delle aziende e dei clienti che desiderano massimizzare i profitti, ma non necessariamente pagare di più.

Cosa dicono i tuoi amici artisti riguardo allo sviluppo dell’intelligenza artificiale?

Non posso parlare per tutti, ma vedo un atteggiamento negativo prevalente nei confronti dei generatori di immagini dell’intelligenza artificiale, così come dell’intera cultura dell’intelligenza artificiale che è già emersa. Mi sembra che un anno o due fa questa posizione fosse un po’ più ottimistica. A quel tempo, l’intelligenza artificiale sembrava una curiosità accattivante o un gioco per sperimentare e testare nuove possibilità. Non c’è voluto molto prima che fossimo inondati da una massa di contenuti irriflessivi e prodotti in serie.

Alla fine, c’era un eccesso di materiali e fatica. Poi gli artisti si sono svegliati un po’ e si sono resi conto che l’intera faccenda sembrava una truffa diretta contro loro stessi. Sono apparse informazioni secondo cui gli sviluppatori hanno alimentato i loro motori con milioni di illustrazioni Ottenuto da Internet in modo illegale o non etico Senza ottenere l’approvazione dei suoi creatori. Sebbene la maggior parte dei motori di intelligenza artificiale non abbia ancora regolamentato l’uso di queste immagini per scopi commerciali, esse compaiono ancora sulle copertine delle riviste, sugli album musicali e vengono utilizzate come risorse per giochi o… Manifesti elettorali per i politici.

È chiaro che l’implementazione meno trasparente delle immagini AI sta lentamente tornando alla normalità e prendendo il sopravvento sul settore che prima era assediato dalla fotografia e dall’illustrazione. Molto spesso vedo post di illustratori che affermano che qualcuno ha rubato il loro lavoro utilizzando l’intelligenza artificiale e ha cercato di risolverlo. Vendi da qualche parte Oppure, dopo la consegna dell’illustrazione finale, il cliente apporta personalmente le correzioni al progetto utilizzando l’intelligenza artificiale, in modo da non doverlo pagare. Naturalmente mi rendo conto che gli illustratori non vivono nel vuoto e che molte professioni attualmente soffrono degli stessi problemi, dai traduttori ai programmatori.

READ  La formazione e la struttura delle cicatrici varia a seconda del sesso

C’è anche molto umorismo nei tuoi fumetti, poiché è difficile non rispondere con un sorriso ad alcuni svolazzi del generatore di intelligenza artificiale. Quale ti è piaciuto di più?

Non posso fingere che non mi piaccia consumare alcune forme di contenuti AI. Di recente ho riprodotto più volte un video prodotto dall’intelligenza artificiale al lavoro Remix “I Am God” dei Bactofonica arrangiato da Disco Ball. Ho l’impressione che questo sia uno strumento adatto per creare meme, in cui ognuno può facilmente esprimere le proprie idee e sviluppare alcune delle tendenze Internet attualmente popolari. A volte gioco con questi motori e provo a testare i loro limiti creando varie dannate creazioni. Molti di questi modelli non riescono ancora a interpretare correttamente le istruzioni immesse, motivo per cui a volte si ottengono inavvertitamente effetti così terrificanti che difficilmente si riesce a distogliere lo sguardo da essi.

Arte a parte, quali opportunità di intelligenza artificiale consideri più promettenti e quali minacce ritieni più preoccupanti?

Penso di avere la tendenza a immaginare molte visioni distopiche e apocalittiche del futuro, quindi è più facile per me parlare di minacce che di opportunità. Mi sembra che il mondo non riuscirà a tenere il passo con questi cambiamenti. Gli sviluppatori di questa tecnologia spesso ammettono di non aver previsto la rapidità con cui il machine learning sarebbe decollato e spesso non sapevano come farlo da soli. Capace di comprendere appieno le sue capacità. È difficile regolamentarlo adeguatamente perché nessun paese vuole lasciare che altri vincano e si ritirino dalla grande corsa tecnologica.

Non voglio impantanarmi in teorie fantascientifiche di vasta portata, quindi preferisco concentrarmi sul prossimo futuro. Internet è già invaso da enormi quantità di notizie false e deepfake. Tutte le principali piattaforme sono attualmente piene di bot che comunicano con frasi semplici, partecipano a conversazioni e sono difficili da distinguere dagli utenti normali. Nelle mani dei regimi e delle grandi potenze, sarà semplicemente uno strumento perfettamente progettato per la propaganda politica e per tenere sotto controllo i cittadini.

Devo chiederti degli aspetti positivi perché non posso credere che tu non ne veda nessuno

Mi auguro che sia possibile utilizzare questa tecnologia anche per sviluppare metodi avanzati di fact-checking e filtraggio di tutti i contenuti che ci aspettano presto. Si sente spesso parlare anche delle possibilità offerte dall’intelligenza artificiale per il progresso della medicina e della biologia. Ci sono grandi speranze nella creazione di farmaci per malattie precedentemente incurabili e nella scoperta e diagnosi più rapida nei pazienti. Non si può negare che l’intelligenza artificiale sia uno strumento incredibilmente potente e che nelle mani di persone con idee nobili può fare cose meravigliose. Nonostante tutte queste incertezze, sono davvero curioso di sapere quanto cambierà il mondo nei prossimi anni e come ci adatteremo a questi cambiamenti come specie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto