La scienza non fornirà la prova che Dio non esiste

Il simposio affronta temi molto importanti, cercando di comprendere la realtà al confine tra ciò che è visibile, materiale e ciò che è invisibile.

La nostra missione è cercare ciò che c’è nel mezzo. A noi interessa l’incontro attorno alla fede, qualcosa di invisibile, ma anche qualcosa di visibile. Il nostro sponsor, con il quale siamo completamente d’accordo, è Edita Stein – dice Piotr Czekerda della Fondazione

L’idea principale dei seminari è aumentare l’interesse per i temi di confine. Le materie puramente scientifiche incoraggiano naturalmente considerazioni che vanno oltre la fisica.

– C’è molto di questo in fisica, a cominciare dall’entropia e dalla meccanica quantistica. C’è un posto per questo all’università. Non stiamo parlando di un’esperienza settaria, ma piuttosto di un fenomeno di cui la razionalità ha un disperato bisogno. Basato sulla conoscenza. Oltre ai fisici inviteremo persone provenienti dal campo dell’arte, della scienza e delle discipline umanistiche che cercano di occuparsi in modo professionale e con rigore accademico di ciò che è invisibile ma crea vita – spiega Jan Sobczyk.

Secondo gli organizzatori è abbastanza chiaro che ci sono alcuni fenomeni sociali difficilmente misurabili con strumenti scientifici, ma che sono molto importanti.

– Qualcuno ha studiato, ad esempio, l’impatto dei circoli del Rosario sul processo di democratizzazione nella Repubblica popolare polacca? Puoi sorridere, ma non puoi negarlo. Tshikerda aggiunge che la fede – qualcosa di invisibile – è la garanzia della razionalità.

Ospite del primo incontro è stato il prof. Leszek Ruszkowski – fisico teorico. Ha completato il suo dottorato di ricerca presso l’Università della California a Davis, ha completato la formazione post-dottorato negli Stati Uniti e ha lavorato in un’università in Gran Bretagna, dove è diventato professore. Attualmente lavora presso il Centro nazionale per la ricerca nucleare, Accademia polacca delle scienze, è presidente di AstroCent (un centro all’avanguardia per l’astrofisica molecolare) e membro dell’EASA.

READ  Uno strano segnale proveniente dalle profondità dello spazio ha rivelato la presenza di un UFO

Il relatore è partito dalla frase pronunciata da Edith Stein – Saint. Teresa Benedetta della Croce: “Dio è la verità, e chi cerca la verità cerca Dio, anche se non lo conosce”.

– Quali sono i punti in comune tra un filosofo e un fisico? Amore per la verità, curiosità e affidabilità intellettuale. Si tratta di caratteristiche molto importanti, soprattutto nelle ore della giornata in cui gli standard sono più bassi. Edith Stein, vivendo nel mondo della materia, si è aperta al mondo dello spirito – ha detto il professore. Roszkowski.

Ha parlato se le parole di Edith Stein fossero state confermate dalla ricerca scientifica nel campo della fisica o se si trattasse solo di Dio.

Come fa un fisico a cercare la verità? Si tratta del mondo fisico, cioè della realtà descritta dai concetti delle scienze naturali: materia, massa, energia, spazio, tempo.

– È un mondo provato e sperimentabile sperimentalmente attraverso scienze come la fisica, la chimica, l’astronomia e la biologia. Ma è tutto qui? Se esiste una realtà al di fuori del mondo fisico, la percezione non può essere guidata dai metodi utilizzati dalle scienze naturali. Quindi la scienza esatta non copre il mondo non fisico. Il rispettato fisico ha affermato che la conoscenza non può essere raggiunta attraverso questa scienza.

Ha subito sottolineato che non è vero che il mondo non fisico non possa esistere nel mondo fisico, ma che il primo non può essere conosciuto sperimentalmente attraverso la scienza. Il che non significa che non esista.

La domanda rimane: la nostra mente è puramente materiale? Può qualcosa di puramente fisico guardare oltre il mondo fisico? La nostra mente è solo la base del cervello, oppure esiste un elemento aggiuntivo che ci permette di andare oltre? Ad esempio, pensare in termini assoluti. A questo proposito l’uomo è un essere distinto perché può estrapolare oltre ciò che vede. “Questo è un grande mistero che vale la pena contemplare”, ha chiesto il professore. Roszkowski.

READ  L’impatto negativo dell’intelligenza artificiale sui bambini. I ricercatori lanciano l’allarme

Attraverso lo sviluppo della scienza nel corso dei secoli, ha mostrato come l’uomo abbia sviluppato la sua percezione del mondo: dell’universo. Ha parlato del modello copernicano che ha portato alla nascita della scienza moderna.

La scienza non può fornire prove dell’esistenza di Dio, così come non può fornire prove della non esistenza di Dio. Se qualcuno dice che la scienza ha dimostrato che Dio non esiste, sta semplicemente mentendo, non capisce niente – ha concluso lo scienziato.

Albert Einstein affermò nel 1905 che il tempo e lo spazio non sono assoluti e immutabili. Formulò quindi la scoperta che la gravità è la curvatura dello spazio. Queste scoperte hanno cambiato la nostra visione del mondo. Si scopre che era solo parte di una realtà.

– Un fisico esamina i dati recenti e conclude: il nostro universo è unico. Sembra ridicolo, perché abbiamo un solo universo. Ma affinché ciò avvenisse, molte condizioni dovevano essere soddisfatte in modo preciso e in un modo molto insolito. La densità della sostanza deve essere pari al cosiddetto valore critico con una precisione di 1/10 alla sessantesima potenza. Il professore ha spiegato che si tratta di un numero molto piccolo. Roszkowski.

È una coincidenza o c’è uno scopo? Se le leggi della fisica e gli standard raggiunti dall’uomo fossero leggermente diversi, egli non avrebbe mai potuto conoscerli, perché la vita intelligente non sarebbe apparsa. Questo non è un punto di vista religioso. Questo ci tiene lontani dalla casualità.

Presto ne arriveranno altre nell’edizione cartacea di Gość Niedzielny.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto