L’Italia vuole spendere miliardi per attrarre Intel, il mondo dei computer

L’Italia è uno dei pochi paesi europei che attualmente lavora per la società di chip.




Intel si sta sviluppando nell'UE, ma dove/la foto è ancora sconosciuta.  Christian Videgar, Unsplash.com

Intel si sta sviluppando nell’UE, ma dove/la foto è ancora sconosciuta. Christian Videgar, Unsplash.com


L’Italia ha già istituito un nuovo fondo da 4,6 miliardi di dollari per incoraggiare Chipmaker ad espandere le sue operazioni in Europa.

Dai un’occhiata: Posta di Outlook

Controlla di più:

Come ha fatto Amazon per la sua seconda sede negli Stati Uniti, Intel vuole convincere i paesi europei a garantire finanziamenti specifici per sovvenzionare la costruzione di fabbriche di chip in una determinata regione, nel senso di “fare shopping”. Naturalmente, le risorse finanziarie da sole non sono le più importanti qui, ma non si può negare che sono un argomento importante.

L’Italia ha prodotto 4,6 miliardi di dollari, che finanzieranno in gran parte gli investimenti di Intel. Oltre all’Italia, Germania e Francia sono considerate sedi potenziali per nuovi stabilimenti (piccoli e grandi) e uffici aziendali.

L’UE vuole avere una propria attività di produzione avanzata di chip e Intel vuole costruire almeno due nuovi e sofisticati impianti di semiconduttori in Europa. La società annuncia inoltre che i suoi piani per investimenti futuri raggiungeranno ில்லியன் 80 miliardi nel prossimo decennio.

Uno dei motivi per la costruzione dell’impianto di chip Intel in Italia è che l’azienda sta attualmente acquistando il semiconduttore tower, che ha stabilimenti in Italia, negli Stati Uniti e in Giappone. Lo stabilimento italiano dell’azienda si trova vicino a Milano, dove ST Micro Electronics realizzerà un nuovo impianto, che inizierà la produzione entro la fine dell’anno per produrre chip per applicazioni come la gestione dell’energia.

READ  Germania. Il segretario generale SPD Kevin Connert a sostegno del lancio di North Stream 2. "Non significa prendere posizione in Russia".

Vedere: Tastiera meccanica

Intel sta cercando di ridurre la sua dipendenza dai paesi asiatici. I piani stimano che entro la fine di questo decennio, il 30% dei chip sarà prodotto negli Stati Uniti (fino al 12%) e il 20% in Europa (fino al 9%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.