L’Italia sospende i finanziamenti per il terminale russo Arctic GNL 2

L’Italia non vuole costruire in Siberia

Il terminal Arctic LNG 2 sarà costruito in Siberia. L’investimento russo di Novadok vale 21 miliardi di dollari. Mezzo miliardo di euro è arrivato dai prestiti italiani della banca d’affari statale Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e della filiale russa della più grande banca italiana, Intesa Sanpaolo. Reuters riferisce che l’Italia si ritira dal progetto.

Dopo un po’ si unirono a lui. La decisione di partecipare all’investimento delle istituzioni finanziarie italiane è stata presa nelle scorse settimane. Il prestito è stato garantito da SACE, compagnia assicurativa italiana per il commercio estero che ha già assicurato piani e investimenti per quasi 5 miliardi di UR in Russia.

Guarda anche: “Armi nucleari” economiche. “La Russia può farcela, ma a quale costo?”

Il lancio del terminal era previsto per l’anno prossimo

Secondo i piani precedenti Il terminal Arctic LNG 2 sarà operativo entro il 2023 e raggiungerà la piena capacità produttiva di quasi 20 milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto (GNL) entro il 2026. Novatech ha annunciato nel novembre dello scorso anno di aver concluso accordi di prestito del valore di 9,5 miliardi di UR con banche estere e russe, soddisfacendo così il finanziamento esterno del progetto, ha affermato PAP.

Gli azionisti di Arctic LNG 2 includono la russa Novatech (60%), la società francese Total Energies (10%), le società cinesi CNPC (10%) e CNOOC (10%) e Mitsui & Co, Ltd. E JOGMEC: Federazione del Giappone Artico GNL (10%).

Fonte:

PAP

READ  40 La migliore shampoo dermatite seborroica del 2022 - Non acquistare una shampoo dermatite seborroica finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.