“L’isola di Crimea” di Piotr Andrusieczka. Storie dei tartari di Crimea. “C’è solo una cosa nella testa: mangia” | Notizie da tutto il mondo

– Siamo fortunati ad aver finito in città. C’erano fabbriche e fabbriche. Possiamo trovare un lavoro dove prendiamo il pane. Molti di loro si trovarono nelle piantagioni di cotone, dove c’erano kolko e sovkos. Molti di loro sono morti entro il primo anno, dice Medjit. Secondo i tartari, il 46 per cento potrebbe essere morto durante e dopo la deportazione. Spostato.

Guarda il video
Di cosa hanno paura gli ucraini? Andrusieczko: Abbiamo tre scene nere

“La moglie di mio fratello maggiore non viveva con noi. Si è trasferita con le sue sorelle al Powie Chowkos, che aveva piantagioni di cotone. Hanno avuto 61 figli, di età compresa tra sei mesi e sei anni. [płacz – przyp. aut.]… L’estate era molto calda e la temperatura saliva a 50 gradi. E tutte le donne dovevano lavorare in questi campi di cotone, il loro latte era marcio. La sera hanno dato da mangiare ai loro bambini e il giorno dopo sono morti di diarrea. A quel tempo la malaria era ovunque, ed era terribile Malattia, Probabilmente dal 90 percento. Le persone nei giardini poi lo indossano Malato. Non c’è acqua potabile a Sovkos. Presero ciò che era rimasto nei campi, rimasero un po’ incastrati nei secchi e bevvero così com’era. Per molti si è conclusa con la morte.

In Crimea, abbiamo bevuto l’acqua da un pozzo, dove, in Uzbekistan, si è scoperto che dovevamo cucinare, spesso era impossibile, non avevamo legna da ardere e, Opera Non c’è comunque nessun posto dove bruciarlo. “

“Tutto in vendita è finito. Mio padre è morto di fame a febbraio.”

“Ho 12 anni Subito Sono andato a lavorare nel calzaturificio – li abbiamo cuciti a mano. Ho preso 500 grammi di pane per il mio lavoro. 250 grammi per i disoccupati, i bambini – 300 grammi, ora tanti 500 grammi, ma nient’altro che pane, e anche quello affettato – nero, nero ea volte qualche immondizia ci finirà dentro. Se non è nascosto dietro il buffer, potrebbero averti preso.

READ  40 La migliore tinte per capelli in commercio del 2022 - Non acquistare una tinte per capelli in commercio finché non leggi QUESTO!

Quando sono tornato a casa, mia madre ha chiesto: ‘Dov’è il pane?’ A casa stavano aspettando questo pane. L’ho recuperato due giorni dopo, l’ho portato a casa, mia madre ha tagliato 150-200 grammi e l’ho mangiato prima di andare al lavoro. Poi due giorni dopo avevo fame. È così che vivevamo.

Ma a Chovkos era anche peggio, lì morivano troppo di fame e molti morivano. Un mio amico ha detto che suo fratello era morto ed è andato a nasconderlo. Il pavimento è duro come cemento e la temperatura raggiunge i 50 gradi. Scavò una tomba di mezzo metro, vi depose suo fratello e la coprì di terra. Quando arrivò il giorno dopo vide delle teste sparse come angurie tra le tombe. Le volpi hanno scavato i corpi e li hanno mangiati, lasciando solo le teste. Era in questi campi di cotone.

C’era fame in città, ma non fino a quel punto: io avevo 500 grammi di pane, mia mamma 250 grammi, mio ​​padre 250 e mia sorella 300. Abbiamo messo tutto insieme e tutti hanno preso la stessa quantità. Abbiamo avuto un’esperienza così difficile.

Ma nostro padre era malato, tremava sempre, mangiava bene in Crimea. Mia madre vendeva ciò che si poteva vendere, per cui aggiungeva qualcosa al pane. Ma nel gennaio 1945 tutto ciò che poteva essere venduto era sparito. A febbraio mio padre è morto di fame.

Una volta ho preso un treno a 20 km dalla nostra città per vendere qualcosa. Qualcuno del nostro villaggio viveva lì e lavorava come cavaliere. Disse: ‘Sunny, aspetta, tra poco la zuppa sarà pronta e tu mangerai e andrai a casa.’ E lì il treno operava solo due volte al giorno. Sapevo che sarebbe arrivato presto e avevo bisogno di raggiungere di più la stazione. Ma mi hanno versato una tazza di minestra e mi hanno dato una fetta di pane. Quando ho iniziato a mangiare ho sentito il rumore del treno in partenza. Poi gli autobus non hanno funzionato, ho camminato 20 km sui binari e ha iniziato a nevicare. Non ho mai incontrato nessuno, avevo 14 anni allora. Ho corso 20 km per un pezzo di pane e una tazza di zuppa e ho avuto di nuovo fame quando sono arrivato in città. Ma le persone fanno ogni genere di cose per fame. E ‘stata un’esperienza orribile. C’è solo una cosa nella mia testa: mangiare.

READ  Ambasciatore russo presso l'Unione europea: non attaccheremo l'Ucraina. Se non siamo provocati

“Molti divennero malvagi e Dio ci punì per averlo fatto”.

“Prima cucivo le scarpe. Quando avevo 15 anni, andavo a lavorare in campagna per procurarmi il cibo. Ho fatto di tutto per sfamare, sopravvivere, morire di fame. Ho avuto fame fino agli anni ’50. I bambini dovevano lavorare o rubare. , Non era accolti nella nostra famiglia e quando ci portarono via mia madre disse subito che Dio ci aveva puniti perché gli andavamo contro. [płacz – przyp. aut.]. In Unione Sovietica li hanno subito condannati per la loro fede, motivo per cui molti sono diventati atei e Dio ci ha puniti per aver fatto lo stesso. E mia madre diceva che non potevamo rubare nemmeno un fiammifero: ‘Se muori, muori, così sia’. Vivevamo solo del nostro lavoro.

Medjit ha ricordato che nel 1948 è stato introdotto un regime di polizia per i deportati. Tutti i maggiori di 16 anni si lamentavano con il comandante una volta al mese. Tutti furono deportati: tartari di Crimea, tedeschi, bulgari e molti altri.

“La nostra città (Sirchik) era a 15 km da Troia, c’era un ponte sul canale, e se avessero catturato qualcuno, il campo di lavoro sarebbe stato 25 anni senza un tribunale. Ci era permesso rimanere solo in questa città. A Tashkent. Sono solo 30 km, ma nessuno di noi lì. Non potevamo andare, non ci portavano via nessuno, perché ci trattavano come traditori, come potevo essere un traditore? Avevo nove anni quando iniziò la guerra. Solo. Crimea Dai tartari, per stabilirne altri.

***

Estratto dal libro “L’isola di Crimea”. Il suo autore, Piotr Andrusieczko (con foto di Marcin Suder), è corrispondente di Outriders in Ucraina e nell’Europa orientale dal 2013. Era a terra, in Crimea, e dall’inizio del conflitto, nell’Ucraina orientale. È stato votato miglior giornalista del 2014 al Grand Press Competition. Le fotografie per la pubblicazione sono state scattate dal fotografo e fotoreporter Marcin Sudar.

READ  "In Germania? No grazie!" A loro non piacciono i calzini e hanno paura che si abituino

Puoi effettuare una prenotazione Acquista a questo link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.