Le sanzioni imposte alla Russia si tradurranno in un aumento dei prezzi dei generi alimentari

Yara International è una società che opera in più di 60 paesi Acquista dalla Russia grandi quantità di materie prime di base per la produzione di fertilizzanti. Anche prima dello scoppio della guerra, i loro prezzi erano alti (a causa dei prezzi elevati del gas) – ora la situazione sarà molto più difficile.

– Tutto cambia di ora in ora. Ci trovavamo in una situazione difficile anche prima della guerra e ora abbiamo ulteriori interruzioni nelle nostre catene di approvvigionamento. Ci stiamo avvicinando alla parte più critica della stagione nell’emisfero settentrionale, quando è necessario trasferire molti fertilizzanti, quindi qualsiasi interruzione della fornitura avrà un impatto sul rispetto delle scadenze. Sven Toure Holseither ha detto alla BBC che i prezzi dei fertilizzanti sarebbero aumentati.

Devi ricordartelo Russia e Ucraina sono tra i maggiori produttori agricoli del mondo. La Russia produce enormi quantità di nutrienti, incl. Potassa e Fosfato – Necessari per i fertilizzanti.

La metà della popolazione mondiale riceve cibo dai fertilizzanti e se i fertilizzanti vengono rimossi dai campi per alcune colture, la produttività diminuirà del 50%. A mio parere, la domanda non è se siamo di fronte a una crisi alimentare globale, ma l’entità di questa crisi.

Yara International ha sede in Norvegia Non direttamente colpito dalle sanzioni contro la RussiaMa devi affrontare i suoi effetti. Inoltre, l’ufficio internazionale di Yara a Kiev ha sofferto a causa dell’attacco russo alla città, fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

Vale la pena menzionarlo Circa il 25 per cento dei nutrienti utilizzati nella produzione alimentare europea proviene dalla Russia. Il conflitto tra l’Unione Europea e la Russia comporterà costi più elevati per gli agricoltori e rendimenti inferiori. Questo, a sua volta, si tradurrà in un aumento dei prezzi dei generi alimentari nei negozi.

READ  La scienza deve ascoltare la "saggezza degli antenati". La nuova idea di Francesco per combattere il cambiamento climatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto