La Germania sta testando l’unità dell’Unione Europea. Venerdì potrebbe verificarsi un pericoloso confronto a Bruxelles

La Polonia e gli stati baltici vogliono colpire le finanze di Vladimir Putin con sanzioni, ma La Germania non vuole rinunciare al petrolio russo. Il prossimo round di sanzioni metterà alla prova l’unità dell’UE A proposito di come la Russia sia stata duramente colpita per la sua invasione dell’Ucraina, scrive Politico.

Sottolinea che sarà difficile concordare il prossimo pacchetto di sanzioni perché La Germania diffida delle richieste di Polonia, Lituania, Lettonia ed Estonia di tagliare la Russia fuori dalla vendita di fonti di energia che alimentano la guerra innescata da Putin in Ucraina..

Il quinto round di rigori rischia di trasformarsi in Rubicon. L’Ucraina, i cui civili sono stati uccisi in massicci bombardamenti russi, insiste sul fatto che i proventi del petrolio e del gas di Putin dovrebbero essere presi di mira e che tutte le banche russe siano sanzionate.

Punti politici.

scrive, La Russia guadagna più di 600 milioni di dollari al giorno dalla vendita di energia.

I diplomatici osservano che la Polonia e gli Stati baltici, che rappresentano la posizione più dura nei confronti del Cremlino, in genere sottolineano l’importanza delle sanzioni sulle entrate del petrolio e del gas.

“Il denaro che paghiamo per petrolio e gas dalla Russia viene utilizzato per sostenere la guerra con l’Ucraina”, ha detto a Politico il ministro degli Esteri lituano Gabrieleus Landsbergis. “Deve fermarsi”, ha aggiunto.

Come conosci il cancello, Queste ipotesi portano a uno scontro con la Germania, che è fortemente dipendente dall’energia russa e da anni cerca un accordo politico con Putin, piuttosto che forniture diversificate.

Le sanzioni richiedono l’unanimità, ad eccezione della Polonia e di molti altri paesi, per imporre un divieto totale alle importazioni di petrolio e gas Sembra difficile da raggiungere finora.

READ  Invasione russa dell'Ucraina. Le forze russe catturarono Kherson

Venerdì è in programma un importante incontro degli ambasciatori dell’UE sulla questione. Come ha affermato uno dei funzionari, è probabile che l’incontro di venerdì si trasformi in uno scontro, poiché alcuni paesi nella parte orientale dell’Unione europea, guidati dalla Polonia, chiedono un’azione più rapida.

Sfortunatamente, la Germania continua a vietare sanzioni di vasta portata, ma non puoi avere un biscotto e mangiare un biscotto

disse uno dei diplomatici.

Fonte: niezalezna.pl, PAP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.