La formazione e la struttura delle cicatrici varia a seconda del sesso

“Il nostro lavoro è la prima pubblicazione che mostra le differenze tra donne e uomini di età superiore ai 50 anni nella struttura della pelle dopo un trauma, cioè una cicatrizzazione. I risultati ottenuti possono contribuire allo sviluppo della ricerca su nuovi preparati farmaceutici tenendo conto delle differenze di il sesso dei pazienti”, – ha sottolineato il Prof. . Barbara Jawrowska Kozak, responsabile del team di biologia rigenerativa presso l'Istituto di riproduzione animale e ricerca alimentare dell'Accademia polacca delle scienze di Olsztyn.

La ricerca del suo team si concentra sulla comprensione delle basi molecolari dei meccanismi di riparazione che controllano il processo di guarigione delle ferite cutanee con formazione di cicatrici (guarigione ricostruttiva), ma anche in termini di rigenerazione, cioè di guarigione senza cicatrici.

Le cicatrici sono “ricordi” lasciati sulla pelle dopo lesioni di vario tipo, come ferite (come quelle post-operatorie), lacerazioni o ustioni. Esistono molti fattori che influenzano la velocità di guarigione della ferita, tra cui: età, sesso, area del corpo e dimensione della ferita.

“La guarigione delle cicatrici è benefica per il corpo perché ripristina rapidamente la funzione protettiva della pelle, proteggendo, tra le altre cose, la penetrazione di microrganismi patogeni nell'area interessata. Sfortunatamente, a volte capita che questo processo avvenga in modo errato, il che può portare a la comparsa di cicatrici”, ha spiegato la professoressa Dr. Barbara Jawroska-Kozak, citata nella dichiarazione dell'Istituto Olsztyn.

Esiste anche la guarigione delle ferite senza cicatrici, detta rigenerativa o ideale. In questo processo, la pelle riacquista l’aspetto e la funzione pre-lesione. Questo tipo di guarigione delle ferite si verifica raramente nei mammiferi.

READ  Il 14 marzo celebriamo il Pi Day, uno dei numeri più stimolanti

“Un esempio di rigenerazione nell'uomo è la guarigione delle ferite della pelle durante i primi due terzi della vita del feto. Quando si verifica una lesione in questo periodo (ad esempio durante un intervento chirurgico al grembo materno), la pelle guarisce senza cicatrici, senza alcuna traccia È interessante notare che le ricerche condotte da scienziati britannici hanno dimostrato che la guarigione delle lesioni cutanee nelle persone anziane può avvenire più lentamente, ma con la formazione di una cicatrice molto più piccola e delicata, con un aspetto microscopico e microscopico che ricorda la pelle illesa ”, ha affermato la dott.ssa Marta Kopcewicz del team di biologia rigenerativa dell’IRZiBŻ PAN, citata da Statement. Olsztyn.

Per comprendere meglio le basi molecolari della formazione delle cicatrici e studiare l'influenza che il genere gioca qui, gli scienziati del Prof. Barbara Gawrońska-Kozak ha deciso di analizzare campioni di pelle sana e cicatrizzata raccolti da donne e uomini di età superiore ai 50 anni. I tessuti sono stati raccolti dalla zona addominale dei pazienti (ovviamente con il loro consenso scritto e sotto la supervisione del comitato etico locale). Alla ricerca hanno partecipato i medici dell'Ospedale Specializzato Regionale di Olsztyn.

“È noto da tempo che la pelle sana varia a seconda del sesso: negli uomini è più spessa, contiene più collagene di tipo I e contiene più ghiandole sebacee che secernono sebo. La nostra ricerca suggerisce che ci sono differenze anche nelle cicatrici che dipendono dal sesso. “”. Il professore ha sottolineato. Barbara Gawronska Kozak.

Pertanto, gli uomini hanno più collagene ed elastina di tipo I nelle cicatrici sulla pelle addominale rispetto alle donne, il che coincide con le differenze nella pelle non interessata. Al contrario, le donne hanno mostrato livelli più elevati di espressione dei geni caratteristici del tessuto adiposo presente nella pelle.

READ  La scienza deve ascoltare la "saggezza degli antenati". La nuova idea di Francesco per combattere il cambiamento climatico

Tuttavia, un fatto interessante è l'osservazione che nelle cicatrici delle donne è presente una maggiore quantità di collagene di tipo 3, un tipo di collagene associato al ringiovanimento della guarigione delle ferite. “Queste sono solo le prime indicazioni che richiedono ulteriori ricerche, ma per la prima volta abbiamo dimostrato che le donne possono avere un potenziale maggiore di guarigione rigenerativa rispetto agli uomini”, ha affermato la dott.ssa Marta Kopcewicz.

Gli scienziati hanno anche eseguito test istologici che hanno permesso di valutare la struttura delle cicatrici. Dalle loro analisi è emerso che la disposizione e lo spessore delle fibre di collagene dipendono anche dal sesso: sono più sensibili nelle donne.

Precedenti ricerche della Dott.ssa Marta Kopcewicz, condotte su animali, hanno dimostrato che l’età e il sesso hanno la maggiore influenza sul processo di guarigione delle ferite. Il ricercatore ha sottolineato che “le nostre recenti ricerche condotte sui tessuti umani lo hanno confermato”.

A parere del prof. Barbara Gawrońska-Kozak, i risultati potrebbero essere utili per ulteriori ricerche su potenziali farmaci che terranno conto delle differenze di genere. “Inoltre, la nostra ricerca fornisce conoscenze importanti sulle cicatrici nelle persone di età superiore ai 50 anni, quando la pelle è diversa da quella dei giovani, che solitamente costituiscono il gruppo di ricerca negli studi in questo campo”, conclude lo scienziato.

La pubblicazione che presenta i risultati della ricerca descritta è stata pubblicata sulla rivista “Biomedicine” (https://www.mdpi.com/2227-9059/11/10/2653).

Agnieszka Lebodzka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto