La Casa Bianca ha reagito alle dure parole del presidente del Kazakistan

  • In precedenza, anche il diplomatico statunitense Anthony Blingen ha fatto appello alle autorità affinché esercitino moderazione. Ha anche detto che Washington è stata sorpresa di accettare la richiesta delle autorità kazake per l’intervento delle truppe della Joint Security Agency (Russia: ODKB).
  • In un discorso venerdì, Djokovic ha affermato di non voler negoziare con i “terroristi”. Il presidente ha ordinato di fucilare i “terroristi” senza preavviso. Ha detto di voler agire il più duramente possibile contro “terroristi e cospiratori che vengono pagati da forze esterne”.
  • Da giorni il Kazakistan è impantanato in violente proteste. I prezzi del gas stanno aumentando
  • Informazioni simili possono essere trovate sulla homepage di Onet

“Questo ordine è preoccupante e il mondo presterà molta attenzione ai diritti umani e alle violazioni del diritto alla giustizia. Gli Stati Uniti esortano le forze governative a trattenersi nel mantenere la stabilità”, ha detto Jean-Pierre in una conferenza stampa sull’Air Force One del presidente volo.

In precedenza, anche il diplomatico statunitense Anthony Blingen ha fatto appello alle autorità affinché esercitino moderazione. Ha anche affermato che Washington è rimasta sorpresa dalla richiesta delle autorità kazake per l’intervento delle truppe dell’Accordo di sicurezza congiunto (russo: ODKB).

– Abbiamo domande sulla natura della richiesta di questo intervento e cercheremo di saperne di più. Perchè è successo? Le autorità kazake sembrano avere la capacità di rispondere alle proteste e di farlo in un modo che rispetti i diritti dei manifestanti e mantenga l’ordine, ha affermato Blingen.

Ha aggiunto che sebbene l’invio di truppe russe in Kazakistan e la situazione in Ucraina siano due cose diverse, l’esito di questa missione potrebbe essere problematico. “Penso che sia una lezione della storia recente. Una volta che i russi vengono a casa tua, a volte è molto difficile sfrattarli”, ha detto.

READ  40 La migliore carta da parati del 2022 - Non acquistare una carta da parati finché non leggi QUESTO!

Presidente del Kazakistan: ho ordinato di sparare ai “terroristi” senza preavviso

Venerdì, in un discorso alla nazione, il presidente kazako Kasym-Żomart Tokayev ha affermato di aver ordinato alle forze dell’ordine e ai militari di sparare ai “terroristi” senza preavviso. Ha detto che i “terroristi” continuano a distruggere proprietà, usare armi e sono pronti per ulteriori crimini, e che la lotta contro di loro deve finire. Chi non si arrende sarà sciolto”, ha dichiarato.

Ha prenotato che le autorità kazake non avrebbero negoziato con i “terroristi”. – All’estero c’è una crescente richiesta di negoziati pacifici. Che sciocchezza. Come possiamo parlare con criminali e assassini? Abbiamo a che fare con banditi armati e preparati – ha stimato.

Ha assicurato che tutte le opinioni espresse in modo pacifico sono state ascoltate dalle autorità e “a seguito del dialogo è stato raggiunto un compromesso e sono state prese decisioni su gravi questioni sociali ed economiche”.

Il resto dell’articolo è disponibile sotto il video:

“I cosiddetti media indipendenti e gli attivisti stranieri sono molto lontani dagli interessi fondamentali della nostra nazione multiculturale”, ha accusato. Tokayev ha anche promesso che lo stato di emergenza, che era stato introdotto in tutto il paese, sarebbe stato gradualmente eliminato nelle aree in cui la situazione stava migliorando.

Ha ringraziato i capi di Stato dell’Accordo di difesa comune (ODKB) per l’invio di forze di pace nel suo Paese e ha assicurato che erano arrivati ​​”solo per un breve periodo”. Ha ringraziato il presidente russo Vladimir Putin per la sua risposta rapida e “calda” alla richiesta di aiuto.

READ  Movimento nel cielo polacco. Il confine occidentale sta monitorando da vicino i confini di Russia e Bielorussia

Crisi in Kazakistan

Domenica 2 gennaio sono iniziate le proteste nella città petrolifera di Jangasen, nel Mar Caspio. Martedì 4 gennaio, la folla ha iniziato a protestare nella capitale del paese, Noor-Sultan, nella città più grande del paese, Almaty, e nella regione di Mangystov, nel Kazakistan occidentale. Mercoledì 5 gennaio il governo del Kazakistan si è dimesso. È stato ricevuto dal presidente Qasim-Smart Tokajiv. Alikhan Smilov divenne primo ministro ad interim. Il suo governo dovrebbe guidare il paese fino alla formazione di un nuovo governo.

La situazione era difficile venerdì ad Almaty, la più grande città del Kazakistan. I media hanno citato testimoni secondo cui c’erano ancora spari nel centro e il saccheggio era ancora in corso. Il ministero degli Interni kazako ha detto che 26 persone sono state uccise e quasi 4.000 sono state uccise. Prigionieri. Diciotto funzionari del potere sono stati uccisi nello scontro.

Siamo felici che tu sia con noi. Iscriviti alla Newsletter di Onet per ricevere da noi i contenuti di maggior valore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.