Tusk sul Consiglio nazionale della magistratura, sul presidente e su “One Chance”. “Forse avremo una possibilità.”

– Certamente non soddisferemo tutti riguardo alla modifica della legge sul Consiglio nazionale della magistratura – ha ammesso il primo ministro Donald Tusk a “Fakty po Faktach” su TVN24. Si tratta dell’emendamento del Senato, secondo il quale i candidati al Consiglio nazionale della magistratura possono essere nuovi giudici nominati dopo i cambiamenti in Consiglio del dicembre 2017. Il primo ministro si è impegnato a fidarsi del ministro della Giustizia Adam Bodnar sulla questione.

In “Fakty po Faktach” su TVN24 il primo ministro ha menzionato la modifica della legge sul Consiglio nazionale della magistratura.

L’emendamento nella versione adottata dal Sejm prevede che nel 2017, durante il PiS, i giudici nominati dopo le modifiche alla normativa riguardante il Consiglio nazionale della magistratura non avranno diritto a concorrere come membri del Consiglio nazionale della magistratura . Governo. Tuttavia, il Senato ha approvato un emendamento che darebbe diritto di voto a tutti i giudici, indipendentemente dal fatto che siano stati nominati dal Consiglio nazionale della magistratura prima o dopo la modifica normativa del 2017. Questa soluzione solleva obiezioni da parte della comunità giudiziaria.

Emendamento alla legge sul Consiglio nazionale della magistratura: non accontenteremo certo tutti

“Nessuno accuserebbe il ministro Bodnar di non rendersi conto della necessità (…) di costruire un sistema giudiziario completamente indipendente”, ha detto Tusk. – Lavoro con lui ogni giorno e lo sostengo molto quando è a Bruxelles per mio conto. Dobbiamo ricostruire ciò che il PiS ha distrutto, ha detto. Tuttavia, ha espresso il timore che l’emendamento non sarebbe stato approvato senza l’emendamento a causa del veto del Presidente.

In questo caso si è riferito all’azione del ministro Bodnar, che in precedenza aveva dichiarato a TVN24 di essere in trattative con i rappresentanti della Presidenza riguardo alla legge sul Consiglio giudiziario nazionale.

READ  Vladimir Putin a Pechino. Per quanto riguarda l'Occidente, la Russia non può fidarsi completamente della Cina

Leggi tutto: Tusk: L’anello di informazioni che raccogliamo si stringe attorno ad Antoni Macierevich

– Venne da me e disse: “Forse questo è sbagliato, non è quello che sognavo, ma se c’è una possibilità che sarà molto meglio di oggi, allora questa è l’unica possibilità che il presidente Duda arrivi. Ancora una volta non ha impedito (…), forse correremo il rischio”, ha continuato. – Forse contare sul presidente Duda è una politica un po’ ingenua qui, non lo rifiuto, ma apprezzo molto che il ministro Bodner, anche a rischio della sua reputazione, (…), stia cercando di risolvere questa situazione. , così distrutto dai suoi predecessori – ha aggiunto.

Leggi anche: Respingimenti e situazione alla frontiera. Si parla di “conflitto apparente”.

Ha riconosciuto che non tutti hanno apprezzato l’emendamento, ma ha fiducia nel ministro Bodnar e sa che “non accontenteremo tutti”.

La rimozione dei diritti elettorali passivi per i giudici nominati dopo i cambiamenti intervenuti nel Consiglio nazionale della magistratura nel dicembre 2017 rientra nel conflitto tra il Ministero della Giustizia e il presidente Andrzej Duda. Tutti i giudici hanno lo stesso status, secondo il presidente, che ha criticato le modifiche regolamentari proposte dal ministero della Giustizia.

Leggi anche: Posizione controversa dell’ordine di acquisto “Lotterò duramente, non mollerò i piedi”

Fonte fotografica principale: PAP/Leszek Szymański

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto