Italia – Venezia. Ingresso al centro storico, prenotazione visita. La città introduce cambiamenti ai turisti

Venezia introduce un sistema speciale per la prenotazione delle visite alla città, oltre a una tariffa di cinque euro per l'ingresso nel centro storico. Tuttavia, questo è applicabile solo in giorni selezionati dal 25 aprile al 14 luglio. Questo vale solo per i turisti che non pernottano in città. Questa è la prima sperimentazione di una soluzione del genere nel mondo.

I funzionari della città spiegano che il loro obiettivo è creare un nuovo sistema per gestire e incoraggiare l'arrivo dei turisti. Una gita di un giorno in alta stagione. La folla più numerosa proviene da coloro che vengono a trovarci per qualche ora. Molti giorni dell'anno, anche adesso – ben prima della stagione – la folla si raduna in Piazza San Marco, intorno al Palazzo Ducale, alle fermate del vaporetto e nelle stradine.

La quota arriva pochi giorni dopo l'apertura della Biennale d'Arte, che attira migliaia di persone da tutto il mondo.

Venezia introduce le tasse turistiche

Secondo la normativa delle autorità veneziane la tariffa ha ora validità 29 giorni: 25, 26, 27, 28, 29 e 30 aprile, 1, 2, 3, 4, 5, 11, 12, 18, 19, 25, 26 maggio E 8, 9, 15, 16, 22, 23, 29, 30 giugno e 6, 7, 13 e 14 luglio.

Il sistema di pedaggio entrerà in vigore in un giorno speciale: il 25 aprile, festa del patrono della città, San Marco, e Festa della Liberazione in Italia, che commemora la liberazione delle città del nord dall'occupazione tedesca.

Questo giorno festivo segna l'inizio della stagione dei viaggi di massa, che dura fino al Primo Maggio.

READ  10 La migliore affilacoltelli manuale del 2024 - Non acquistare una affilacoltelli manuale finché non leggi QUESTO!

Per saperne di più: L'idea “inaccettabilmente esclusiva” di visitare l'Acropoli >>> ha suscitato indignazione

– Con l'introduzione di un sistema di prenotazione delle visite a Venezia, vogliamo migliorare il modo in cui gestiamo gli arrivi turistici – ha affermato Simone Venturini, assessore al Turismo dell'Amministrazione comunale.

– L'obiettivo – ha spiegato – è anche quello di creare un nuovo equilibrio tra le esigenze di chi vuole conoscere la bellezza della città e di chi vive o lavora a Venezia – ha detto.

Il rappresentante della città ha aggiunto: “Sappiamo che sarà un processo lungo perché nessuno al mondo ha mai implementato un simile esperimento prima. Il nostro approccio è umile e pratico; apporteremo modifiche nei prossimi mesi, se necessario”.

VeneziaShutterstock

– Venezia sarà sicuramente una città aperta, pronta ad accogliere chi vorrà visitarla a braccia aperte, in sintonia con la sua anima, la sua storia e la sua bellezza – assicura l'assessore al turismo.

Si tratta, secondo Venturini, di un modo per adeguare meglio i servizi pubblici e le eventuali misure di sicurezza in caso di grande afflusso di ospiti.

Non ci saranno cancelli o ingressi speciali

Il capo del dipartimento comunale ha aggiunto:I turisti non incontreranno alcun posto di blocco o cancello speciale. I controlli saranno effettuati in modo casuale da personale qualificato nei principali punti di ingresso della città, come la stazione ferroviaria e il parcheggio di Piazzale Roma.

Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha assicurato durante un incontro con i giornalisti all'Associazione della Stampa Estera a Roma: “Questa misura non è finalizzata a chiudere la città. Questi non sono campi. Non ci sarà alcun limite al numero di persone. Possono venire”.

READ  40 La migliore frigorifero atlantic del 2022 - Non acquistare una frigorifero atlantic finché non leggi QUESTO!

VeneziaShutterstock

– Il nostro sistema può diventare una mappa con cui altre città nel mondo possono lavorare, piena di luoghi molto simbolici e delicati che dovrebbero essere guardati con dignità e rispetto – ha detto il sindaco.

– Non è una questione di soldi – ha aggiunto – perché il nostro primo obiettivo è proteggere la città e renderla un luogo in cui vivere.

– Abbiamo il dovere di tutelare i grandi centri storici del mondo. Nessuno aveva mai provato una cosa del genere prima, ha ammesso Luigi Brugnaro.

“Nessun politico farebbe quello che faccio io”, ha affermato.

Per saperne di più: Uno sciopero della fame alle Isole Canarie. Sono frustrati dai turisti >>>

La tariffa non è applicabile a tutta la città

Non sono previsti sconti sulla tariffa di 5€ a persona. Non è necessario visitare il Lido di Venezia né le isole di Murano, Burano, Torcello, Sant'Erasmo, Mazorbo, Mazorpeto.

Il “cuore” del sistema è una piattaforma multilingue, disponibile all'indirizzo: https://cda.ve.it. Visitando questo sito riceverete un codice QR da esporre al momento del controllo in città. Conterrà sia le informazioni sul pagamento che la sua detrazione.

Il biglietto d'ingresso al centro storico di Venezia si applica ai maggiori di 14 anni.

Sono esentati, secondo la normativa, i turisti che prenotano un posto in albergo o altra struttura ricettiva, nonché le persone che lavorano, studiano e studiano a Venezia.

VeneziaVyacheslav Lobatin / Shutterstock

Ma tutti devono registrarsi sul sito.

Come funziona nella pratica quando si tratta di turisti che scelgono un alloggio in città, il proprietario di un albergo sulla Lista di Spagna, gremita di espatriati, ha spiegato alla PAP: “Quando prenoti un posto dove dormire in città, ogni persona che prenota un luogo riceve da noi le informazioni per il sito web dove devono registrare la loro visita, tuttavia questi turisti non devono pagare la tassa di 5 euro, devono farlo tutti da soli.

READ  Il conflitto della Russia con l'Ucraina e l'Occidente. La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova alla missione OSCE nel Donbass. C'è una reazione dell'OSCE (OSCE)

Per saperne di più: Forte aumento del numero delle prenotazioni. Sta arrivando un record >>>

Sanzioni elevate

Da settimane sui treni in arrivo alla stazione di Venezia Santa Lucia sul Canal Grande vengono trasmessi gli annunci della prossima data dei pedaggi. Ne sei stato informato Il mancato pagamento delle tariffe previste può comportare sanzioni che vanno da 50 a 300 euro.

I residenti di Venezia intervistati dal PAP sono divisi nella loro valutazione degli sforzi dei funzionari comunali per effettuare i test. Alcuni sperano che l'”assedio” turistico che la vive gran parte dell'anno si allenti.

Ci sono anche sospettati. – Non credo che cambierà molto, e dovrò lottare ancora per un posto sul vaporetto, perché la maggior parte è occupato da turisti con valigie grandi. “Non mi aspetto nessun miracolo di grande pace”, ha detto un anziano residente nel sestiere di Cannaregio.

Fonte fotografica principale: Vyacheslav Lobatin / Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto