Imparare dagli errori e dalle relazioni con i piani di Noelke e Stosch. Thurnbichler alla vigilia della terza stagione in Polonia

Nella prima stagione, la squadra guidata da Turnbichler ha raccolto 4.889 punti, che le hanno valso il quarto posto nella Coppa delle Nazioni. Piotr Żyła ha difeso il suo titolo di campione del mondo sulla salita regolare, e Dawid Kubacki, che ha vinto sei eventi, ha gareggiato per il Crystal Globe. Lo scorso inverno, i Biancorossi sono arrivati ​​sesti nella Coppa d’Africa, raccogliendo appena 2.158 punti. Solo Aleksander Zniszczoł è salito due volte sul podio. Piotr Żyła, Kamil Stoch e Dawid Kubacki hanno concluso la Coppa del Mondo nei terzi dieci posti della classifica generale.

– Per me è chiaro che ci siamo allenati in modo errato per tutta l’estate in termini di metodologia. Prima della mia prima stagione, quando ero responsabile di tutti i piani di allenamento, avevamo un approccio diverso. Prima della scorsa stagione, era stato Mark Noelke a pensare di allenare e a scegliere una strada diversa. Non dico che fosse un male, ma forse la comunicazione era pessima e non era appropriata in quel momento. Ciò ha sicuramente contribuito al fatto che la tecnologia di base dei jumper non era automatizzata. Soprattutto in autunno abbiamo fatto molto invece di riempire il serbatoio. Forse abbiamo lavorato di più sotto l’influenza dello stress, che ci ha portato stanchi durante l’inverno. Poi ci siamo persi a livello di attrezzatura e siamo caduti in un circolo vizioso con un brutto inizio di stagione. È difficile fermarli. Bisogna rispettare quello che è successo e affrontare la preparazione in modo diverso. Dobbiamo tornare alle origini. Da allenatore ho imparato che non posso abbandonare questioni così cruciali per il destino della squadra. “Devo occuparmi io stesso delle cose importanti”, ha detto Thomas Turnbichler in un’intervista a Eurosport.

-Siamo cambiati molto dopo la prima stagione. Per me era importante dare maggiori responsabilità a Mark Noelke. Quindi abbiamo scelto un approccio diverso. Esistono molti metodi e filosofie per avere successo nel salto con gli sci. L’opzione che abbiamo scelto nel 2023/24 semplicemente non ha funzionato. Tutto è iniziato con gli Europei quando abbiamo iniziato a sentirci un po’ nervosi. Non ci siamo concentrati sulle basi del salto. Non abbiamo fatto quello che abbiamo fatto l’anno scorso. In autunno abbiamo introdotto la novità di una vacanza in famiglia a Cipro, abbinata alla formazione. Poi siamo andati a Lillehammer per una giornata sulla neve, che ha aumentato lo stress del viaggio. Ciò non ha favorito i preparativi per la competizione di Roca. È positivo che ce ne siamo accorti e abbiamo deciso di cambiarlo per la stagione 2024/25 – continua l’interrogatorio dell’austriaco Piotr Karpinski.

READ  Carbone polacco. Depositi di carbone in Polonia, estrazione mineraria e quantità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto