Guerra di Russia e Ucraina. Allenatore Massej Repos: non posso lavorare nel paese di Putin

Non posso lavorare in un paese il cui leader uccide innocenti e bambini e attacca un paese indipendente. Non corrisponde ai miei valori. Come spiego ai giocatori che dovrebbero comportarsi in modo professionale, e allenarsi a pieno regime, quando le bombe cadono su case e appartamenti a diverse centinaia di chilometri di distanza. Il lavoro di allenatore è la cosa più bella del mondo, ha detto il 51enne tedesco, ma non lavorerei nel paese dell’aggressore.

L’allenatore ha aggiunto che è stata una sua decisione personale e nessuno lo ha convinto. Gizdol ha rilevato il Lokomotiv nell’ottobre dello scorso anno, quando Ralph Rangnick era ancora il direttore sportivo del club di Mosca, che presto si è unito al Manchester United. Bundesliga tedesca Gisdol è noto per il suo lavoro a Hoffenheim, Hamburg SV e 1. FC Köln.

Gisdol è riuscita a tornare in Germania nonostante la difficoltà del volo perché gli aerei russi non possono sorvolare l’Unione Europea e quindi altre compagnie aeree non possono sorvolare la Russia. Al momento, è stato sostituito al Lokomotiv Mosca dall’attuale assistente Marvin Comber, ma non è noto se alla fine allenerà i Massej Repos.

READ  Confezione da toilette PSG. L'allenatore in Occidente, Qatar, pulisce Pique Bla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.