Google sta testando un blocco antifurto per Android

Il furto del telefono significa non solo la perdita di proprietà, ma anche il rischio di ulteriori danni dovuti all’accesso alle nostre informazioni private o alle app approvate da banche e negozi. Tuttavia, Google ha un’idea.

Primi test da luglio in Brasile

Google ha scelto il Brasile come banco di prova: è in America Latina che la popolazione soffre uno dei più grandi furti di smartphone. L’innovativo sistema antifurto per Android punta non tanto sul danno fisico provocato dal sequestro dell’apparecchiatura stessa, quanto piuttosto sul danno fisico Per impedire immediatamente l’accesso non autorizzato.

Il sistema antifurto di Google si basa su tre pilastri e utilizza diversi tipi di sensori integrati nello smartphone. Eccoli:

  • Rilevamento del movimento: Utilizzando i sensori integrati, il telefono può rilevare movimenti improvvisi che indicano un possibile furto. In questo caso Lo schermo si blocca automaticamente, richiedendo una password o un PIN per un ulteriore accesso.
  • Identificare attività sospette: Il sistema rimane vigile anche quando il telefono non è mobile. Se rileva comportamenti insoliti, come offline a lungo termine o rimozione della carta SIM, blocca automaticamente il telefono, impedendo l’accesso non autorizzato.
  • Blocco remoto tramite numero di telefono: Gli utenti possono bloccare un telefono smarrito o rubato inserendo il proprio numero di telefono su un sito Web di Google, previa verifica.

Aspetto: Furto di telefono fuori dalla Polonia. cosa dovrebbe essere fatto?

Divieto preventivo

Se i primi tentativi di bloccare in modo proattivo le apparecchiature in caso di rischio di furto avessero successo, la piattaforma potrebbe essere successivamente introdotta nei mercati di tutto il mondo. Sebbene il sistema non scoraggi i criminali dal rubare i dispositivi stessi, potrebbe rendere più difficile per il proprietario del dispositivo causare ulteriori danni.

I test brasiliani riguarderanno i telefoni con Android 10 e versioni successive.

Fonte immagine: shutterstock – Andrey_Popov

Fonte del testo: Gezchina, ed. Compreso

READ  La produzione in serie di TSMC N3P è prevista per la fine dell'anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto