Gli Stati Uniti annunciano nuove sanzioni contro le banche e le élite russe nel Paese

“Se non agiamo contro di lui ora con queste importanti sanzioni, sarà incoraggiato”, ha detto Biden alla Casa Bianca giovedì pomeriggio. Putin ha scelto questa guerra. Ora lui e il suo Paese ne sopporteranno le conseguenze”.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno ora preso di mira tutte e 10 le principali istituzioni finanziarie russe con una serie di sanzioni di “embargo totale” che soffocano tutte le transazioni con entità statunitensi, nonché sanzioni “corrispondenti” che vietano transazioni con banche statunitensi, debito e sanzioni di equità alle istituzioni che detengono quasi l’80% delle attività del settore bancario russo.

Le sanzioni prendono di mira non solo le più grandi banche statali russe, ma anche un certo numero di élite politiche e imprenditoriali russe. Si rivolge anche alle aziende di quasi tutti i principali settori dell’economia, dalle miniere e metalli alle telecomunicazioni e alle ferrovie.

Nessun paese grande come la Russia, con un’economia grande come la Russia – classificata al 12° posto, secondo il Fondo Monetario Internazionale – è stato colpito da sanzioni internazionali così massicce.

“Queste sanzioni sono davvero una guerra economica in risposta a un’invasione militare”, ha affermato John E. Smith, ex capo dell’Office of Foreign Assets Control del Tesoro e ora partner dello studio legale Morrison & Foerrester. “Sono i più drammatici e potenti che abbiamo visto nell’era del dopo Guerra Fredda contro una grande economia come la Russia”.

Il 24 febbraio il presidente Biden ha affermato che le sanzioni russe non avevano lo scopo di prevenire il conflitto in Ucraina dopo che la sua amministrazione aveva precedentemente affermato il contrario. (JM Rieger/The Washington Post)

Sebbene sia improbabile che le sanzioni e i controlli sulle esportazioni inducano Putin a ritirare le sue forze dall’Ucraina, avranno un impatto immediato sul settore finanziario, porteranno a un ulteriore calo del rublo, potrebbero innescare una fuga di capitali e invieranno un segnale forte, affermano gli analisti Gran parte del mondo si oppone al fatto che la Russia abbia alimentato la più grande aggressione militare in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Tra gli obiettivi c’è Gazprom, la più grande compagnia russa del gas, a cui per la prima volta verrà impedito di raccogliere capitali sui mercati occidentali. Biden ha cercato di stabilizzare i mercati finanziari affermando che i pagamenti energetici ai produttori russi sono esenti da sanzioni fino alla fine di giugno, ha osservato Brian O’Toole, un ex alto funzionario del Tesoro. Punizione di Gazprom ha dichiarato: “La direzione sta interferendo [Russian] energia.”

READ  Nessun segno che Putin abbia interrotto la sua 'camminata verso la guerra': ex ambasciatore Usa

“Stanno cercando di calmare i mercati mentre allo stesso tempo mostrano alla Russia che l’energia è completamente fuori discussione”, ha detto O’Toole.

L’amministrazione Biden ei suoi alleati e partner stanno anche lavorando per bloccare l’accesso della Russia a componenti chiave come i semiconduttori, che sono essenziali per le sue industrie emergenti e ad alta tecnologia. L’amministrazione esercita un nuovo controllo sulle esportazioni – chiamato regola del prodotto diretto estero – che limita la vendita di semiconduttori, computer, avionica e altri prodotti simili alla Russia da qualsiasi parte del mondo se realizzati utilizzando software, strumenti o tecnologia statunitensi. È significativo che Canada, Australia, Giappone, Gran Bretagna e Unione Europea abbiano adattato i controlli sulle esportazioni esistenti per accogliere la nuova regola statunitense.

“Non ho mai visto niente di simile in nessun contesto in cui gli alleati hanno cambiato le loro regole per essere più simili a quelle degli Stati Uniti”, ha detto Kevin Wolf, un ex alto funzionario del Dipartimento del Commercio che era responsabile dei controlli sulle esportazioni nell’amministrazione Obama. “Questo mostra una straordinaria quantità di lavoro e coordinamento con gli alleati”.

L’industria dei semiconduttori, che avrebbe potuto esercitare forti pressioni contro i controlli sulle esportazioni, ha rilasciato una dichiarazione giovedì affermando di essere “pienamente impegnata” a rispettare le nuove regole. Il presidente e CEO di SIA John Neuffer ha dichiarato: “Sebbene l’impatto delle nuove regole sulla Russia possa essere significativo, la Russia non è un consumatore diretto significativo di semiconduttori”.

Biden ha sottolineato che la coalizione di paesi che lavorano con gli Stati Uniti rappresenta più della metà dell’economia globale e che le sanzioni “imporranno enormi costi all’economia russa, sia nell’immediato che nel tempo”.

“Abbiamo deliberatamente progettato queste sanzioni per massimizzare l’impatto a lungo termine sulla Russia e ridurre al minimo l’impatto sugli Stati Uniti e sui nostri alleati”, ha aggiunto Biden.

Identificata l’amministrazione Biden Un certo numero di persone considerava le élite russe ei loro familiari quelli presi di mira dalle ultime sanzioni. Tra questi c’è Sergey B. Ivanov, un ex grande aiutante di Putin; Il figlio di Ivanov, Sergey S. Ivanov, amministratore delegato della compagnia statale di diamanti Alrosa, anch’essa sanzionata giovedì; Igor Sechin, stretto alleato di Putin che guida il colosso petrolifero russo Rosneft; e dirigenti di VTB Bank Andrei Bochkov e Yuri Solviev.

READ  Wall Street sale con il supporto delle grandi aziende tecnologiche mentre le tensioni geopolitiche si attenuano

Biden ha osservato che i partner che si uniscono agli Stati Uniti includono i 27 stati membri dell’Unione Europea, tra cui Francia, Germania e Italia, oltre a Gran Bretagna, Canada, Giappone e Australia. “Limiteremo la capacità della Russia di fare affari in dollari, euro, sterline e yen per far parte dell’economia globale”, ha affermato, così come la sua capacità di finanziare le sue forze armate.

Biden ha osservato che gli Stati Uniti stanno prendendo di mira Sberbank, la più grande banca russa, che da sola possiede più di un terzo delle attività bancarie russe. Washington sta anche imponendo sanzioni alla seconda banca russa, VTB, non solo congelandone i beni, ma escludendola anche da tutte le transazioni con società statunitensi, individui e altre entità.

Con le azioni di giovedì, ha affermato, “ora abbiamo imposto sanzioni alle banche russe che detengono collettivamente circa $ 1 trilione di attività”.

Edward Fishman, membro associato del Center for a New American Security ed ex funzionario del Dipartimento di Stato che ha lavorato alle sanzioni nell’amministrazione Obama, ha affermato che le sanzioni di giovedì “non solo causeranno significative interruzioni finanziarie, ma indicheranno anche che nessun settore della Russia l’economia è fuorilegge”.

Smith ha affermato che le sanzioni hanno causato preoccupazioni per gli spillover tra le banche globali. Ma la maggior parte di loro ha imparato a diffondere i propri pericoli. Pertanto, ha detto, anche se alcuni di loro hanno raggiunto i loro profitti, “dovrebbe essere alla portata della maggior parte delle persone”.

Annunci di nuove sanzioni sono arrivati ​​anche dai leader delle altre nazioni del Gruppo dei Sette, dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fatto appello ai leader stranieri per imporre sanzioni di vasta portata alla Russia.

READ  Attacco di squalo: il nuotatore muore dopo essere stato morso a Little Bay Beach a Sydney, in Australia

Ha avvertito che “se non ci aiuti, e se non ci aiuti con forza, la guerra di domani busserà alle tue porte”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato giovedì che la Gran Bretagna imporrà sanzioni a più di 100 entità, società e individui e congelerà i beni di cinque governanti russi con stretti legami con il Cremlino. Ha detto che le attività di tutte le principali banche russe in Gran Bretagna sarebbero state congelate ed escluse dal sistema finanziario britannico.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau annunciare Le sanzioni colpiscono 58 persone ed enti. Il Canada non rilascerà più permessi di esportazione in Russia e ha cancellato centinaia di permessi esistenti per un valore di oltre 545 milioni di dollari.

lista di Nuove sanzioni dall’Unione Europea Contro i massimi funzionari russi, aziende, legislatori e “propaganda leader” sono entrati in vigore mercoledì alla fine di mercoledì. Giovedì notte i leader dell’Unione europea hanno concordato un secondo round di sanzioni per congelare le attività russe in Europa, bloccare l’accesso delle banche russe ai mercati finanziari europei e limitare l’accesso della Russia alle tecnologie chiave.

Non sul tavolo in Europa in questo momento, secondo Biden: l’esclusione della Russia dalla Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication (SWIFT), un sistema di messaggistica sicuro che collega migliaia di istituzioni finanziarie in tutto il mondo.

In ogni caso, gli analisti – e lo stesso Biden – affermano che isolare la Russia da SWIFT non equivale all’effetto di un divieto totale alle banche russe. “Le sanzioni che abbiamo imposto vanno oltre Swift”, ha detto Biden.

I repubblicani del Congresso – e alcuni democratici – hanno esortato Biden a intraprendere più azioni, inclusa la punizione personale di Putin.

Sollevare la gravità delle sanzioni fino alla fine. “Non trattenerti”, ha detto il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-Kentucky).

Da parte sua, giovedì Biden ha rifiutato di dire se intende punire Putin, dicendo solo: “È sul tavolo”.

Putin ha detto giovedì ai media statali che la Russia era pronta per nuove sanzioni e restrizioni.

William Booth a Londra, Emily Rohala a Bruxelles e Claire Parker a Washington hanno contribuito al giornalismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.