Gli eserciti asiatici stanno “morendo”. Il problema peggiorerà

Come abbiamo scritto di recente su Business Insider, la Corea del Sud è a rischio di collasso demografico, cioè di annientamento interno. un motivo? Qui nasce il minor numero di bambini al mondo.

Il problema però non riguarda solo la Corea del Sud, ma l’intera regione dell’Asia orientale. Ciò ha anche conseguenze poco chiare, poiché i paesi di questa regione devono trovare un modo per mantenere il numero delle loro forze. Ciò è particolarmente preoccupante se si considera l’escalation delle tensioni tra Corea del Nord e Corea del Sud e tra Cina e Stati Uniti.

Cina, Giappone e Corea del Sud registrano tassi di fertilità inferiori al tasso di sostituzione globale, con conseguente declino della popolazione. Secondo The Lancet, nel 2023 il tasso di fertilità della Corea del Sud sarà pari a 0,72, il più basso al mondo, con una media globale di 2,2.

Se la tendenza attuale continua, la popolazione della Corea del Sud di 51 milioni si dimezzerà entro il 2100. La Corea del Sud richiede almeno 18 mesi di servizio militare, ma Ramon Pacheco Pardo della Vrije Universiteit Brussel ha detto a Business Insider che la coscrizione è “utile, ma non una soluzione” per i militari in futuro. La questione demografica suscita seria preoccupazione negli ambienti militari, soprattutto alla luce della continua minaccia rappresentata dalla Corea del Nord. — Penso che questo sia un grosso problema e penso che non migliorerà perché la situazione demografica non cambierà in modo significativo nel prossimo futuro – Egli ha detto.

Pardo ha aggiunto che l’esercito sudcoreano sta sperimentando diverse soluzioni volte ad aumentare il reclutamento. Il primo è aumentare i salari, rendere il servizio militare un’opzione di carriera più praticabile e aumentare il numero di donne volontarie, il che è culturalmente senza precedenti. — Qui non esiste il servizio militare per le donne. Alcuni pensano che la Corea dovrebbe seguire l’esempio di Israele, ma non credo che ciò accadrà presto – Ha valutato.

Un’altra strategia, secondo Pardo, è sfruttare la tecnologia. Come ha detto, La Corea del Sud “sta imparando molto dall’esempio dell’Ucraina, che si difende dalla Russia utilizzando tecniche rispetto alle quali in passato potrebbe essere stata scettica”. La riduzione del personale militare potrebbe anche sostenere la tesi a favore delle armi nucleari come deterrente nei confronti della Corea del Nord e forse anche della Cina. Pardo ha affermato che i sostenitori delle armi nucleari in Corea sottolineano che non ci sono abbastanza risorse umane per difendere il Paese.

Guarda anche: Un punto chiave sulla mappa della guerra. Lì, l’Ucraina può umiliare Putin e porre fine ai combattimenti [ANALIZA]

Non è solo la Corea ad avere un problema

Anche il tasso di fertilità del Giappone sta diminuendo rapidamente, raggiungendo il minimo di 1,2 nel 2023. Senza la coscrizione militare obbligatoria, il Giappone deve incoraggiare le persone a unirsi alle forze di autodifesa. Chris Hughes, professore all’Università di Warwick specializzato in politica di difesa giapponese, ha affermato che l’invecchiamento della popolazione giapponese sta già limitando il bacino di reclutamento. Secondo il Japan Times, meno di 4.000 persone si sono unite alle forze di autodifesa nel 2022, più della metà del numero previsto.

Il Giappone, come la Corea del Sud, sta studiando come l’automazione e l’intelligenza artificiale possano mitigare gli effetti peggiori della carenza di popolazione in età militare, ha affermato Hughes. “Stanno automatizzando molti sistemi d’arma, come i cacciatorpediniere”, ha detto. “Sono stati in grado di pianificare questo per ridurre il numero dell’equipaggio richiesto”, ha aggiunto.

Hughes ha sottolineato che l’intelligenza artificiale può essere utilizzata per ridurre il numero di persone necessarie per gestire un sistema d’arma, un sistema di comando e controllo o per raccogliere informazioni. — Il Giappone non avrà mai una grande popolazione – Egli ha detto. — Non può competere con la Cina. Pertanto, deve competere disponendo di un esercito altamente avanzato e tecnicamente competente – E’ per spiegare.

Hughes ha osservato che, nonostante questo progresso tecnologico, il Giappone sta facendo concessioni per espandere la propria base di reclutamento. L’esercito giapponese ha allentato le regole di vecchia data consentendo agli ufficiali di avere i capelli più lunghi, revocando il divieto di tatuare i coscritti e innalzando l’età massima per le nuove reclute a 32 anni.

Secondo Nikkei Asia L’Esercito popolare di liberazione cinese, che soffre anch’esso di carenza di reclute, ha innalzato l’età di reclutamento da 24 a 26 anni. Gli sforzi di reclutamento della Cina sono attualmente rafforzati da film di guerra ad alto budget, ha riferito l’agenzia di stampa. Nonostante queste sfide La grande popolazione della Cina le consente ancora di mantenere il più grande esercito permanente del mondo, con oltre due milioni di effettivi attivi. D’altro canto, molti paesi stanno ancora cercando di arrestare il declino demografico, che non riguarda solo la loro forza militare.

Il testo sopra è una traduzione da Edizione americana di Business Insider

Traduttore: Matthews Albin

READ  Zelensky ha reagito bruscamente alla fake news: è stata una provocazione infantile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto