Gli astronomi dell'Università di Varsavia hanno scoperto un oggetto Cefeide con un periodo di pulsazione record nella Via Lattea

Gli astronomi dell'Osservatorio Astronomico dell'Università di Varsavia hanno identificato la stella Cefeide più luminosa e forse la più piccola conosciuta nella Via Lattea. Come mostrato, hanno un periodo di pulsazione record tra le stelle di questo tipo nella nostra Galassia, e questa scoperta mostra che la Via Lattea non fa eccezione a questo riguardo.

Le stelle Cefeidi classiche sono stelle variabili, giganti pulsanti che cambiano regolarmente la loro luminosità. Hanno trovato applicazioni astrofisiche molto importanti. Nel 1924, l'astronomo americano Edwin Hubble usò il rapporto tra i periodi di luminosità raggiunti dalle Cefeidi per dimostrare che l'universo è formato da innumerevoli galassie e non, come si pensava, solo dalla Via Lattea. Alcuni anni dopo, le osservazioni delle stelle Cefeidi nelle galassie vicine aiutarono Hubble a scoprire che l’universo si stava espandendo, portando rapidamente alla formulazione della teoria del Big Bang.

Oggi, le Cefeidi classiche sono ampiamente utilizzate per misurare le distanze tra le galassie e studiare la struttura delle galassie. Le Cefeidi costituiscono, tra l'altro, la base per la misurazione più precisa della costante di Hubble, la grandezza che determina la velocità di espansione dell'universo.

Gli astronomi dell'Università di Varsavia hanno scoperto Al-Qifawi

Alla stella appena identificata è stato dato il nome di catalogo OGLE-GD-CEP-1884. Giovedì, l'Osservatorio Astronomico dell'Università di Varsavia ha dichiarato che pulsa con un periodo di 78,14 giorni, quasi 10 giorni in più rispetto al periodo di pulsazione del precedente detentore del record.

La scoperta è stata fatta dagli scienziati che lavorano nell'ambito del progetto OGLE condotto presso l'osservatorio. La stella è stata scelta dal professor Igor Soszynski, leader mondiale nella ricerca sulle stelle variabili.

READ  Ecco i telefoni economici con ricarica wireless in Polonia

“Finora nella nostra galassia non è stato conosciuto alcun oggetto di tipo ULPC, anche se la maggior parte delle galassie studiate contengono molte stelle Cefeidi di questo tipo, la stella OGLE-GD-CEP-1884, sebbene più luminosa di oltre 25.000 volte quella della stella Cefeide. .” Il Sole non è stato precedentemente classificato correttamente come Cefeide perché si trova dietro uno spesso strato di materiale interstellare che assorbe la luce proveniente dall’oggetto, soprattutto nella parte blu dello spettro”, si legge nel comunicato di Many years of ottico Le osservazioni di questa stella, condotte dal lavoro del team OGLE sulla luce rossa, combinate con le misurazioni della velocità radiale effettuate dal Gaia Space Telescope, ci hanno permesso di stabilire chiaramente che si tratta di una classica stella Cefeide.

Il più brillante e forse il più piccolo

“La scoperta di questo oggetto indica che la Via Lattea non è unica tra le altre galassie in termini di presenza di stelle Cefeidi di lungo periodo, ed è probabile che l’attuale mancanza di osservazioni di questo tipo di stelle nella nostra Galassia sia dovuta a Il fatto che le ULPC siano Le stelle sono oscurate da spesse nubi di polvere interstellare. OGLE-GD-CEP-1884 non è solo la stella Cefeide più luminosa, ma anche la stella Cefeide classica più giovane conosciuta nella Via Lattea. La sua età è stimata in 22 anni milioni di anni.

Secondo i ricercatori, utilizzando la relazione del periodo di luminosità delle Cefeidi, è stato possibile misurare la distanza di OGLE-GD-CEP-1884 e determinare la sua posizione sulla mappa della nostra Galassia. Questa stella si trova a 14.500 anni luce di distanza nel braccio a spirale del carbonio tra le stelle Cefeidi classiche relativamente giovani. La scoperta di OGLE-GD-CEP-1884 contribuirà ad una più precisa calibrazione del rapporto tra il periodo di luminosità delle Cefeidi e ad una migliore comprensione dell'evoluzione delle stelle massicce.

READ  Zecca africana in Polonia. Attaccano la preda in un intero branco

La stella OGLE-GD-CEP-1884 appena scoperta appartiene a un piccolo gruppo di stelle Cefeidi con periodi di pulsazione estremamente lunghi. Le Cefeidi sono di lunga durata(abbreviato in ULPC). Una delle caratteristiche di questo tipo di oggetti – come hanno spiegato gli astronomi dell'Università di Varsavia – è la loro elevata luminosità, che viene utilizzata per misurare la distanza di galassie distanti fino a 300 milioni di anni luce da noi.

Altri successi degli astronomi di Varsavia

Il gruppo di ricerca OGLE guidato dal Prof. Andrzej Udalski ha una vasta esperienza nella scoperta e nello studio delle pulsar. Quasi la metà di tutti gli elementi Cefeidi classici attualmente conosciuti nella Via Lattea sono stati scoperti dagli astronomi dell'Università di Varsavia, come abbiamo menzionato nel comunicato.

Alcuni anni fa, i ricercatori guidati dal Prof. Dorota Skowron ha pubblicato una mappa 3D della nostra Galassia, ottenuta sulla base della distribuzione spaziale delle Cefeidi scoperte dal team OGLE. Questa mappa mostra chiaramente che il disco della Via Lattea non è piatto, ma piuttosto curvo a forma di S.

Fonte immagine principale: Lotta azionaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto